ETF Nasdaq: quali sono i migliori e come comprare [2021]

Cosa sono gli ETF Nasdaq? NASDAQ – acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation – è la prima Borsa al mondo completamente elettronica.

La sede è la mitica Times Square, presso uno dei principali incroci di New York. L’indice Nasdaq è uno dei principali titoli tecnologici della borsa americana. Quindi vi sono anche colossi come Microsoft, Apple, Google, Facebook e Amazon. Praticamente le Big Tech.

Lanciato a 5 febbraio 1971, negli anni 2000 si è caratterizzato per una certa volatilità. Quindi si mostra anche un asset interessante su cui investire.

Uno dei modi principali per investire sul Nasdaq sono gli ETF. Di seguito vediamo qual è il modo migliore per farlo senza rischi.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker Capital.com. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come App formativa, corsi online e guide al trading. Per saperne di più su Capital.com clicca qui per visitare il sito ufficiale

ETF Nasdaq: cosa sono

Cosa sono gli ETF Nasdaq? Si tratta degli Exchange-traded fund che replicano come sottostante appunto l’andamento del Nasdaq.

Investire su un ETF Nasdaq significa quindi esporsi sulla tecnologia americana. Particolarmente vivace con l’arrivo del Nuovo Millennio.

Conviene investire sul NASDAQ?

Prima con la New Economy esplosa nel 2000, che diede vita anche al fenomeno della bolla finaziaria del dot-com. E poi, di recente, con la Pandemia del Covid-19 che ha accelerato l’uso della tecnologia, fidelizzando anche persone che altrimenti sarebbero state più refrattarie al cambiamento.

Migliori broker per investire sul Nasdaq

Prima di proseguire con la guida vi segnaliamo una serie di broker interessanti per poter investire sugli indici:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Copy trading, CFD azioni
*67% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
Servizio CFD su azioni e indiciConto demo illimitatoISCRIVITI
Corso trading gratis, CFD azioniSegnali gratisISCRIVITI
CFD su azioni, demo gratisServizi di intelligenza artificialeISCRIVITI
Bonus 25€Conti Zero spread!ISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Nasdaq indice: come funziona

Come funziona l’indice Nasdaq? Vediamo i 2 principali indici azionari che replicano la Borsa.

Nasdaq Composite

Il NASDAQ Composite è un indice azionario ponderato per la capitalizzazione. Viene calcolato tramite la somma ponderata dei prodotti delle quotazioni di chiusura dei titoli. Il risultato viene poi diviso per un divisore che riduce l’ordine di grandezza del risultato.

L’indice Nasdaq riprende i titoli quotati sulla Borsa Nasdaq, almeno che il titolo non sia stato quotato almeno 2 volte su un mercato non statunitense prima del 2004, mantenendo la quotazione in modo continuativo.

I valori mobiliari quotabili sul Nasdaq sono i seguenti:

  • Ricevute di deposito americane
  • Azioni comuni
  • Partecipazioni in limited partnership
  • Titoli ordinari
  • Fondi comuni di investimento immobiliare
  • Azioni di interesse benefico
  • Tracking Stocks

Sono invece esclusi titoli come:

  • closed-end fund
  • obbligazioni convertibili
  • exchange-traded fund
  • azioni privilegiate
  • warrant
  • altri strumenti derivati

Ciò che differenzia principalmente il Nasdaq Composite con il NASDAQ-100 è che esso sia più generico, giacché rappresenta tutto il mercato azionario Nasdaq. Mentre il secondo racchiude solo le 100 società non-finanziarie a più alta capitalizzazione.

Il Nasdaq Composite è stato introdotto nel 1971, con valore iniziale di 100. Nel luglio 1995 ha superato per la prima volta i mille punti. Nel 2000, invece, in piena bolla dot-com, più che quadruplicando il suo valore, toccando i 5132.52.

Con l’esplosione della bolla, il titolo è sceso fino a 1.108,49 due anni dopo.

Il calo è stato continuo fino al 2007, fino al fallimento di Lehman Brothers nel 200.

E’ poi tornato gradualmente a crescere, fino a toccare il nuovo massimo storico di 5056. Diventato poi 7000 nel 2018. La crescita è aumentata ancora, toccando l’anno seguente gli 8972.60 punti.

Con l’arrivo del Covid-19, è prima sceso fino a 6860 punti a fine marzo 2020, per poi rialzarsi toccando un nuovo massimo a giugno, superando gli 11000 punti.

Col nuovo anno, ha stabilito un nuovo record, toccando quota 13000 punti.

NASDAQ-100

L’indice NASDAQ-100 comprende le maggiori 100 imprese non-finanziarie quotate nel mercato borsistico NASDAQ.

Si tratta di un indice ponderato e il peso delle società incluse si basa sul loro marketcap. Sebbene siano prese in considerazione alcuni aspetti per dare maggiore peso a determinati titoli.

Sono escluse le società finanziarie, ma incluse alcune società estere.

Ecco, al momento della scrittura, le 100 aziende quotate incluse nel NASDAQ-100.

  1. Activision Blizzard
  2. Adobe
  3. ADP
  4. Alexion
  5. Align
  6. Alphabet A
  7. Alphabet C
  8. Amazon.com
  9. AMD
  10. American Electric Power
  11. Amgen
  12. Analog Devices
  13. ANSYS
  14. Apple
  15. Applied Materials
  16. ASML ADR
  17. Atlassian Corp Plc
  18. Autodesk
  19. Baidu
  20. Biogen
  21. Booking
  22. Broadcom
  23. Cadence Design
  24. CDW Corp
  25. Cerner
  26. Charter Communications
  27. Check Point Software
  28. Cintas
  29. Cisco
  30. Cognizant A
  31. Comcast
  32. Copart
  33. Costco
  34. CSX
  35. DexCom
  36. DocuSign
  37. Dollar Tree
  38. eBay
  39. Electronic Arts
  40. Exelon
  41. Facebook
  42. Fastenal
  43. Fiserv
  44. Fox Corp A
  45. Fox Corp B
  46. Gilead
  47. IDEXX Labs
  48. Illumina
  49. Incyte
  50. Intel
  51. Intuit
  52. Intuitive Surgical
  53. JD.com Inc Adr
  54. Keurig Dr Pepper
  55. KLA-Tencor
  56. Kraft Heinz
  57. Lam Research
  58. Lululemon Athletica
  59. Marriott Int
  60. Marvell
  61. Match Group
  62. Maxim
  63. MercadoLibre
  64. Microchip
  65. Micron
  66. Microsoft
  67. Moderna
  68. Mondele
  69. Monster Beverage
  70. NetEase
  71. Netflix
  72. NVIDIA
  73. NXP
  74. Okta
  75. O’Reilly Automotive
  76. PACCAR
  77. Paychex
  78. PayPal Holdings Inc
  79. Peloton Interactive
  80. PepsiCo
  81. Pinduoduo
  82. Qualcomm
  83. Regeneron Pharma
  84. Ross Stores
  85. Seagen
  86. Sirius XM
  87. Skyworks
  88. Splunk
  89. Starbucks
  90. Synopsys
  91. T-Mobile US
  92. Tesla
  93. Texas Instruments
  94. Trip.com ADR
  95. VeriSign
  96. Verisk
  97. Vertex
  98. Walgreens Boots
  99. Workday
  100. Xcel Energy
  101. Xilinx
  102. Zoom Video

Cosa sono gli ETF

Acronimo di Exchange Traded Funds, si tratta di fondi o SICAV con basse commissioni di gestione negoziati in Borsa. Proprio come avviene per le azioni.

Replicano fedelmente l’andamento di un benchmark sottostante. Quindi di un asset come indici azionari, obbligazionari o di materie prime.

Il mercato dedicato agli ETF si chiama ETFplus.

Nati in America nei primi anni ’90, sono arrivati in Italia dal settembre 2002. attirando sempre più l’interesse degli investitori, soprattutto per questi vantaggi:

  • strumenti semplici: replicano la performance dell’indice benchmark sottostante, consentendo in modo immediato agli investitori di esporsi al proprio mercato di interesse. Offrono anche una certa liquidità.
  • Strumenti trasparenti: permettono agli investitori di essere perfettamente consapevoli del profilo rischio/rendimento del proprio investimento nonché del portafoglio titoli a cui sono esposti. Anche grazie al fatto che sono aggiornati in tempo reale.
  • Strumenti flessibili: non hanno scadenza, quindi consentono all’investitore di poter programmare e gestire agevolmente il proprio investimento. E’ anche possibile investire con importi ridotti.
  • Strumenti economici: la loro gestione di tipo passiva consente di abbattere i costi tipici della gestione attiva, nonché quelli collegati alla distribuzione.
  • Riduzione rischio emittente: il patrimonio è per legge di esclusiva proprietà dei possessori delle quote/azioni dell’ETF. Quindi, anche nel caso in cui la società emittente sia insolvente o fallisca, il patrimonio ne è slegato e quindi ciò non ha ripercussioni per gli investitori.

Piattaforme per investire in ETF

Quali sono i migliori broker per investire in ETF? A nostro avviso i seguenti.

eToro

Il broker eToro propone circa 250 ETFs diversi, tra cui quelli che replicano l’andamento del Nasdaq. Puoi cercarli andando in Mercati e poi nella sezione ETF. Oppure, se hai già un’idea sul quale investire, puoi digitare direttamente il nome.

Puoi anche copiare cosa fanno i migliori trader, chiamati Popular investors, così potrai capire quali sono le loro scelte vincenti, ma, al contempo guadagnare.

Oppure, puoi vedere cosa ne pensano gli altri trader iscritti alla piattaforma, dalla sezione Feed.

Non manca comunque il classico Conto demo con 100mila euro virtuali.

Puoi iniziare a investire sui principali asset con eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Capital.com

Il broker Capital.com offre una diversificazione del proprio portafoglio difficilmente riscontrabile altrove, con oltre 3mila asset disponibili.

Quindi, oltre agli ETF Nasdaq, potrai investire su tanti altri asset.

Puoi anche esercitarti tramite una app dedicata appositamente alla formazione: Investmate. E svolgere approfondite analisi tecniche con oltre 70 indicatori disponibili.

Capital.com offre piattaforme all’avanguardia, integrate di intelligenza artificiale. E per questo, spesso premiate per il loro essere all’avanguardia.

Per saperne di più sul broker Capital.com clicca qui.
67.7% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Plus500

Il broker Plus500 pure offre tanti asset oltre agli ETF Nasdaq: +2.500.

Plus500 offre una piattaforma user-friendly e la possibilità di farti avvisare quando un ETF Nasdaq è particolarmente volatile, con un alert mail.

Plus500 ha una assistenza clienti molto comoda e a portata di mano, in Live chat.

La app si fa preferire per la sua semplicità ma al contempo ricchezza di servizi.

Per iniziare a fare trading CFD con Plus500 clicca qui.
72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Nasdaq 100 in tempo reale

Ecco il grafico sulla quotazione in tempo reale del Nasdaq 100:

ETF Nasdaq migliori

Vediamo quali sono i migliori ETF Nasdaq su cui investire.

ETF iShares NASDAQ 100

Il Fondo replica in modo più fedele possibile l’andamento dell’indice. Offre dunque una esposizione mirata ai maggiori titoli non finanziari quotati sulla Borsa Nasdaq.

Investirai in modo diretto nelle più importanti società dei seguenti settori:

  • gruppi industriali
  • hardware
  • software per computer
  • telecomunicazioni
  • commercio al dettaglio e all’ingrosso
  • biotecnologia

Con un solo asset, sarai esposto verso le società di livello internazionale e a grande capitalizzazione di mercato.

ETF Lyxor ETF NASDAQ100

Il Lyxor Nasdaq-100 UCITS ETF – Acc è un exchange-traded fund conforme alla direttiva UCITS che punta a replicare l’indice di riferimento NASDAQ-100 Notional Net Total Return Index.

Quest’ultimo é composto dai 100 principali titoli azionari non finanziari, nazionali e internazionali, quotati al Nasdaq secondo la loro capitalizzazione di Borsa.

Consentono al trader un’esposizione trasparente, liquida e a basso costo rispetto al benchmark sottostante.

ETF Amundi Nasdaq 100

Anche l’AMUNDI NASDAQ-100 UCITS ETF punta a replicare il più fedelmente possibile l’andamento in euro dell’indice NASDAQ-100, sia al rialzo che al ribasso.

Quindi, anche in tal caso potrai esporti con un solo asset sui tanti titoli azionari collegati alla Borsa Nasdaq.

ETF Invesco Eqqq Nasdaq 100

Questo ETF punta a replicare la performance del NASDAQ-100 Notional Net Total Return Index in dollari statunitensi. Cercando di includere tutti i componenti dell’indice nella ponderazione reale.

Viene ribilanciato ogni 3 mesi in base alle performance del sottostante e rivisto ogni anno.

Conviene investire in ETF sul Nasdaq?

L’Indice Nasdaq-100 sta attirando sempre più l’attenzione degli investitori soprattutto dal Nuovo millennio. Quando, come visto prima ha mostrato una certa volatilità. Bruscamente interrotta solo con 2 eventi: la bolla finanziaria dot-com e il crollo del 2007 con lo scandalo sub-prime.

Ciò grazie ai titoli tecnologici che stanno trainando le borse americane. E secondo gli esperti non si verificheranno altre bolle, dato che le FAANG (Facebook, Amazon.com, Apple, Netflix e Google/Alphabet), o FAAMG, quando c’è Microsoft al posto di Netflix sono comunque società solide. E che non stanno vedendo il loro titolo gonfiarsi artificialmente.

Oltretutto, questi titoli hanno mostrato la loro solidità anche durante la profonda recessione dovuta al Covid-19. Anzi, ne sono stati avvantaggiati.

ETF Nasdaq: le domande frequenti

Cos’è il Nasdaq?

La Borsa, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation, è stata la prima Borsa al mondo completamente elettronica. L’indice Nasdaq è uno dei principali titoli tecnologici della borsa americana.

Lanciato a 5 febbraio 1971, negli anni 2000 si è caratterizzato per una certa volatilità. Soprattutto nel 2000 e poi a partire dal 2009, con una accelerata nel 2020 in concomitanza con l’esplosione del covid-19.

ETF Nasdaq cos’è?

Gli Exchange traded fund replicano nel modo più attendibile possibile un sottostante. In questo caso, l’indice Nasdaq-100 e l’indice Composite.

L’ETF ha diversi vantaggi per l’investitore: semplicità della gestione, costi ridotti essendo un fondo passivo, diversificazione con un solo asset, rischi ridotti e ponderati, ecc.

Conviene investire sull’ETF Nasdaq?

L’asset sta mostrando una certa volatilità da un po’, trainato dagli asset tecnologici. I quali hanno trovato ulteriore linfa proprio dal Covid-19, che ha fatto entrare in modo prepotente la tecnologia nelle nostre vite.

Dunque, se sommiamo questo andamento, ben diverso dalla bolla del 2000, ai vantaggi dell’ETF, abbiamo un asset molto interessante da tenere in portafoglio.

Quali sono i migliori broker per investire sugli ETF Nasdaq?

Puoi provare broker come eToro, Plus500 e Capital.com.

ETF Nasdaq

Conclusioni

Gli ETF Nasdaq rientrano tra quegli asset molto interessanti, poiché da un lato ti offrono le alte performance dei migliori titoli americani e dall’altro i tanti vantaggi di uno strumento come gli Exchange traded fund.

Il Nasdaq, nato negli anni ‘70, è di fatto la prima borsa completamente telematica. E dagli anni 2000 si sta caratterizzando per i suoi incredibili rialzi.

Puoi investire sui migliori ETF Nasdaq su broker CFD per risparmiare sulle commissioni. Ad esempio utilizzando broker come eToro si può operare con una delle migliori piattaforme su una grande varietà di mercati e con commissioni davvero basse.