ETF materie prime: cosa sono, come investire, vantaggi e svantaggi

Cosa sono gli ETF materie prime? Perchè scegliere ETF materie prime? Come funzionano gli ETF materie prime? Quali sono i vantaggi degli ETF materie prime? Quali sono gli svantaggi degli ETF materie prime? Cosa sono gli ETF? Cosa sono le materie prime? Risponderemo a queste ed altre domande in questo articolo.

Del resto, investire nelle materie prime può risultare molto utile per diversificare il proprio portafoglio. infatti, è evidente la correlazione storicamente negativa tra le materie prime e i titoli azionari. In quanto, quando i secondi vanno male, gli investitori tendono a “rifugiarsi” appunto nelle materie prime. Dette in lingua anglosassone commodities. Quando invece i titoli azionari volano, gli investitori tendono ad abbandonare le materie prime in quanto considerate più stabili.

Si può investire sulle materie prime tramite l’acquisto di contratti forward o future. Gli indici sulle materie prime solitamente replicano un paniere di materie prime. Ci sono diversi indici disponibili per investire con gli ETF in un ampio paniere di materie prime. Vi sono poi sotto indici su singole materie prime o segmenti selezionati che solitamente derivano dagli indici citati.

Sommario

Materie prime cosa sono

Cosa sono le materie prime? Una merce, materia prima o commodity è un bene di base utilizzato nel commercio che è intercambiabile con altre merci dello stesso tipo. Le materie prime sono spesso utilizzate come input nella produzione di altri beni o servizi. La qualità di un dato prodotto può differire leggermente, ma è essenzialmente uniforme tra i produttori. Quando vengono scambiati in borsa, le merci devono anche soddisfare determinati standard minimi, anche noti come base.

L’idea di base è che c’è poca differenziazione tra una merce proveniente da un produttore e la stessa merce da un altro produttore. Un barile di petrolio è fondamentalmente lo stesso prodotto, indipendentemente dal produttore. Al contrario, per la merce elettronica, la qualità e le caratteristiche di un determinato prodotto possono essere completamente diverse a seconda del produttore.

La vendita e l’acquisto di materie prime sono solitamente effettuate attraverso contratti futures su borse che standardizzano la quantità e la qualità minima della merce oggetto di scambio. Ad esempio, il Board of Trade di Chicago stipula che un contratto di grano è per 5.000 bushel e stabilisce anche quali gradi di grano possono essere utilizzati per soddisfare il contratto.

Esistono due tipi di traders che scambiano futures su materie prime. I primi sono compratori e produttori di materie prime che utilizzano contratti futures su materie prime per gli scopi di copertura per i quali erano originariamente intesi. Questi traders realizzano o prendono in consegna la merce effettiva quando scade il contratto futures. Ad esempio, l’agricoltore di grano che pianta un raccolto può proteggersi dal rischio di perdere denaro se il prezzo del grano cade prima del raccolto. L’agricoltore può vendere contratti futures di grano quando la coltura viene piantata e garantire un prezzo predeterminato per il grano nel momento in cui viene raccolto.

Il secondo tipo di commerciante di materie prime è lo speculatore. Questi sono commercianti che commerciano nei mercati delle materie prime al solo scopo di trarre profitto dai movimenti di prezzo volatili. Questi traders non intendono mai effettuare o prendere in consegna la merce reale quando scade il contratto futures.

Molti dei mercati dei futures sono molto liquidi e hanno un alto grado di autonomia e volatilità giornaliera, rendendoli mercati molto allettanti per i trader intraday. Molti dei futures su indici sono utilizzati da broker e gestori di portafoglio per compensare il rischio. Inoltre, poiché le materie prime non si negoziano normalmente in tandem con i mercati azionari e obbligazionari, alcune materie prime possono anche essere utilizzate efficacemente per diversificare un portafoglio di investimenti.

Materie prime quali sono

Quali sono le materie prime? Alcuni esempi tradizionali di commodity includono cereali, oro, carne bovina, cacao, riso, caffè, oro, argento, platino, petrolio e gas naturale. Dunque, in linea di massima, i prodotti agricoli, di origine animale, quelli di origine estrattiva e i metalli preziosi. Più recentemente, la definizione è stata ampliata per includere prodotti finanziari, come valute estere e indici. I progressi tecnologici hanno anche portato a nuovi tipi di merci scambiate sul mercato. Ad esempio, minuti di telefono cellulare e larghezza di banda.

Materie prime come si commerciano

Agricoltori, minatori, investitori, speculatori, consumatori e utenti strategici comprano e vendono materie prime per una serie di motivi. Ad esempio, un contadino del Midwest potrebbe voler pre-vendere il suo grano in qualcosa conosciuto come il mercato dei futures in modo da poter dormire bene la notte sapendo che non sarà in bancarotta se i prezzi del mais diminuiranno tra il momento in cui espone la piantagione e costi di raccolta e quando è pronto per andare a consegnare il prodotto al mercato.

Un’azienda come Kraft Heinz potrebbe acquistare enormi quantità di caffè crudo per un uso futuro nella produzione del suo marchio di caffè Maxwell House ai prezzi odierni, consentendo all’azienda di monitorare e misurare i suoi imminenti costi di produzione.

Immagina di voler comprare 30.000 staia di grano per la tua azienda. Non hai intenzione di andare a bussare alle porte e parlare con gli agricoltori. Invece, userai un broker di materie prime per fare offerte per loro. Il NYMEX, come è noto, standardizza il contratto sulle materie prime. Ogni contratto deve essere composto da 5.000 bushel di mais, o 127 tonnellate metriche. Il prezzo del contratto è espresso in centesimi per bushel. I contratti elencati possono rappresentare la consegna fisica a marzo, maggio, luglio, settembre o dicembre.

Nel senso originale e semplificato, le merci erano cose di valore, di qualità uniforme, prodotte in grandi quantità da molti produttori diversi; gli articoli di ciascun produttore sono stati considerati equivalenti. In una borsa valori, è lo standard sottostante indicato nel contratto che definisce la merce, non la qualità inerente al prodotto di uno specifico produttore.

Le principali Borse valori in cui si commerciano commodities sono:

  • Bourse Africa (formerly GBOT)
  • Bursa Malaysia Derivatives (MDEX)
  • Chicago Board of Trade (CBOT)
  • Chicago Mercantile Exchange (CME)
  • Dalian Commodity Exchange (DCE)
  • Euronext.liffe (LIFFE)
  • Kansas City Board of Trade (KCBT)
  • London Metal Exchange (LME)
  • Marché à Terme International de France (MATIF)
  • Mercantile Exchange Nepal Limited (MEX)
  • Multi Commodity Exchange (MCX)
  • National Commodity and Derivatives Exchange (NCDEX)
  • National Commodity Exchange Limited (NCEL)
  • New York Mercantile Exchange (NYMEX)

Questi mercati rispondono rapidamente ai cambiamenti dell’offerta e della domanda per trovare un prezzo e una quantità di equilibrio. Inoltre, gli investitori possono ottenere un’esposizione passiva ai mercati delle materie prime attraverso un indice dei prezzi delle materie prime. Al fine di diversificare gli investimenti e mitigare i rischi associati alla svalutazione inflazionistica delle valute, i fondi pensione e i fondi sovrani allocano capitale a beni non quotati come un’infrastruttura legata alle materie prime e alle materie prime.

ETF materie prime cosa sono

Cosa sono gli ETF sulle materie prime? Un ETF commodity è un fondo negoziato in borsa (ETF) che investe in materie prime fisiche, come beni agricoli, risorse naturali e metalli preziosi. Un ETF commodity è solitamente focalizzato su una singola commodity, detenendola nell’archiviazione fisica o focalizzata su investimenti in contratti futures.

Altri ETF sulle materie prime cercano di tenere traccia delle prestazioni di un indice delle materie prime che includa dozzine di singoli prodotti attraverso una combinazione di posizioni di stoccaggio fisico e derivati.

La maggior parte degli ETF comprende azioni relative a un particolare indice, settore o regione di mercato. Un ETF normale è una raccolta di titoli determinata dai criteri del fondo. Tuttavia, un ETF sulle materie prime è leggermente diverso. Gli ETF per la fascia di clientela sono costituiti da contratti a termine o garantiti da attività.

Questi contratti rappresentano la merce e seguiranno le prestazioni di quel particolare prodotto. Tuttavia, il bene effettivo non è nell’ETF. Ad esempio, se acquisti un ETF Gold, non stai acquistando un asset pieno di lingotti d’oro. Stai acquistando un ETF costituito da asset garantiti da oro. Quelle barre d’oro sono ancora rinchiuse a Fort Knox.

ETF materie prime come funzionano

Come funzionano gli ETF sulle materie prime? Gli ETF di solito consistono in titoli azionari pubblici che riguardano un’economia, un indice di mercato, un settore o un’industria specifici. Gli ETF normali sono costituiti da una raccolta di titoli collegati da un profilo di investimento simile. Invece di titoli sottostanti come le azioni pubbliche, gli ETF commodity sono costituiti da contratti futures o asset-backed che replicano la performance di una particolare commodity o gruppo di materie prime.

Quando un investitore acquista un ETF materie prime, normalmente non possiede il bene fisico, ma possiede invece una serie di contratti supportati dalla stessa merce. Poiché molti ETF materie prime utilizzano la leva finanziaria attraverso l’acquisto di contratti derivati, possono avere grosse porzioni di denaro non investito, utilizzato per acquistare titoli del Tesoro o altre attività quasi prive di rischio.

I fondi di comfort spesso creano i propri indici di riferimento che possono includere solo titoli agricoli prodotti, risorse naturali o metalli. Di conseguenza, spesso si verifica un errore di tracciamento attorno a indici di materie prime più ampi come il Dow Jones AIG Commodity Index. Ciononostante, qualsiasi ETF su materie prime dovrebbe essere investito passivamente una volta che sarà stata applicata la metodologia dell’indice sottostante.

Gli ETF materie prime sono aumentati di popolarità perché offrono agli investitori un’esposizione alle materie prime senza richiedere agli investitori di imparare come acquistare futures o altri prodotti derivati.

ETF materie prime più importanti

Quali sono gli ETF sulle materie prime più importanti? Gli ETF commodity seguono una vasta gamma di materie prime sottostanti, alcune delle quali includono metalli preziosi, petrolio e gas naturale. Inoltre, altri ETF su commodity seguono invece un paniere diversificato di materie prime. Gli investitori dovrebbero sempre fare le proprie ricerche, ma alcuni dei migliori ETF sulle materie prime sono i seguenti. I metalli preziosi come l’oro e l’argento sono ETF popolari perché il bene sottostante non può andare male o rovinare.

Le SPDR Gold Shares e iShares Silver Trust sono due dei maggiori ETF oro e argento. L’ETF SPDR Gold Shares ha un rapporto spese dello 0,4% e l’iShares Silver Trust ha un coefficiente di spesa dello 0,5%. Un altro tipo di ETF di materie prime di largo consumo è il petrolio e il gas naturale. Tuttavia, poiché il petrolio e il gas non possono essere accumulati come metalli preziosi, questi ETF investono in contratti futures anziché nella merce stessa.

La SPDR S&P Oil & Gas Exploration and Production ETF ha un portafoglio diversificato di 60 società produttrici di petrolio e gas e ha un coefficiente di spesa annua dello 0,35%. Alcuni investitori preferiscono aumentare la diversificazione attraverso ETF diversificati. Questi ETF, come l’ETF di iShares MSCI Global Agriculture Producers, traccia l’indice degli Stati Uniti sulle materie prime.

ETF materie prime tipi

Quali sono i tipi di ETF materie prime? L’interesse per gli ETF basati sulle materie prime è esploso e mostra pochi segnali di riduzione. Nel campo delle merci, ci sono 4 modi fondamentali per ottenere un’esposizione con gli ETF:

  • ETF materie prime fisiche
  • Fondi azionari
  • Futures
  • Exchange-traded notes (ETN)

Ognuna di queste varietà presenta vantaggi e svantaggi. Mentre contempli quale fondo è adatto al tuo portafoglio, devi essere particolarmente perspicace riguardo all’obiettivo di un fondo e al modo in cui persegue tale obiettivo. L’ETF detiene la materia prima fisica o utilizza i contratti a termine per replicare l’esposizione? Possiede azioni di società che sono impegnate nella produzione di una particolare merce? La tua decisione di investimento deve basarsi su molto più del solo nome dell’ETF.

Solo perché il nome di un fondo include “petrolio”, “gas naturale”, “oro” ecc., Non si può essere sicuri di come tale fondo realizzi l’esposizione a quel particolare prodotto. Per fare la scelta migliore per adattarsi al tuo portafoglio, devi individuare le opzioni e vedere dove e come puoi perseguire un guadagno.

ETF materie prime fisiche

Come suggerisce il nome, gli ETF commodities possiedono effettivamente la materia prima sottostante. Una visita al sito web di SPDR Gold Trust rende visivamente ciò. Una foto colorata sul sito mostra lingotti d’oro impilati su pallet. Gli investitori che acquistano azioni in questo ETF stanno acquisendo una quota di proprietà nella riserva del fondo di lingotti d’oro, senza dover affrontare la consegna fisica o logistica come la conservazione e l’assicurazione dell’oro fisico.

Altri ETF sostenuti da lingotti includono iShares Comex Gold Trust e ETFS Physical Swiss Gold Shares.

Vediamo dunque le tre migliori alternative agli ETF per investire sulle materie prime:

ETF su Fondi azionari legati alle materie prime

Un altro modo per ottenere un’esposizione alle materie prime è attraverso le aziende che producono, trasportano e li immagazzinano. Un ETF su commodity basato sulle azioni offre un’esposizione “a leva” alle materie prime attraverso gli stock di società coinvolte in risorse naturali e altre materie prime. Questi fondi azionari sono alternative valide agli ETF supportati da futures, che possono essere soggetti a limiti di negoziazione e altre restrizioni normative.

Inoltre, gli ETF su commodity azionari hanno implicazioni fiscali migliori rispetto agli ETF che detengono scorte fisiche di metalli preziosi. Ad esempio, per gli investitori che desiderano ottenere esposizione all’oro, esistono alternative azionarie quali i vettori del mercato Gold Miners e Vettori di mercato come gli Junior Gold Miners.

GDX offre esposizione a società di tutto il mondo che sono coinvolte principalmente nel settore minerario per l’oro, compresi quelli a grande, media e piccola capitalizzazione. GDXJ tiene traccia delle società a piccola e media capitalizzazione coinvolte nell’estrazione di oro e / o argento. Entrambi i fondi sono trattati come azioni a fini fiscali che rendono questi fondi più adatti per i trader a breve termine nel mercato dell’oro.

Fondo di materie prime garantiti da futures

I fondi di commodity supportati da futures sono concepiti per produrre un’esposizione alla merce target attraverso l’uso di contratti futures, contratti a termine e swap. Vi è una buona dose di incertezza sugli investimenti che circonda questi tipi di ETF perché il loro bisogno di acquistare e vendere grandi quantità di contratti futures li mette talvolta nella posizione di influenzare i prezzi dei futures, piuttosto che semplicemente nel tenere traccia dei prezzi.

Temendo la possibilità di bolle sulle materie prime, la Commodities Futures Trading Commission ha recentemente proposto limiti di posizione su contratti futures che hanno costretto alcuni di questi fondi a creare nuovi meccanismi per tenere traccia delle loro materie prime sottostanti.

ETN

Il quarto modo per ottenere l’accesso alle materie prime è usare gli ETN, che sono titoli di debito senior, non subordinati e non garantiti emessi da un’istituzione. Gli ETN sono collegati a una varietà di attività, comprese materie prime e valute. Gli ETN sono progettati per avere “nessun errore di tracciamento” tra il prodotto e il suo indice sottostante.

I proprietari di un ETN come iPath Dow Jones-UBS Commodity ETN otterranno il rendimento dell’indice, al netto delle commissioni di gestione. Gli ETN di mercato offrono anche un trattamento fiscale più favorevole rispetto agli ETF sulle materie prime. Gli investitori che detengono un ETN commodity per più di un anno pagano una tassa sul capital gain del 15% solo quando vendono un prodotto. Gli ETF su commodity basati su futures sono tassati come i future e i guadagni sono marcati sul mercato ogni anno.

Questa differenza fiscale del 23% contro il 15% ha contribuito ad attirare gli investitori verso gli ETN. Con così tanti vantaggi, in particolare il trattamento fiscale degli ETN sulle materie prime, perché questa categoria non è in pieno boom? Una delle preoccupazioni per gli ETN è il rischio di credito della banca emittente. La crisi post-finanziaria non è così difficile da immaginare fallimenti bancari che, non molto tempo fa, sarebbero sembrati un evento raro, una volta in un secolo.

Oltre al rischio di credito, gli ETN che seguono i future hanno anche un rischio normativo. Proprio come abbiamo visto con gli ETF supportati dai futures, le restrizioni normative sul coinvolgimento di un fondo nel mercato dei future possono anche avere un impatto su un ETN.

ETF materie prime strategie

Quali sono le migliori strategie per gli ETF materie prime? Abbiamo detto che gli ETF commodities si rivelano molto utili per diversificare il proprio portafoglio titoli. Come? Ecco alcune strategie interessanti:

Copertura del rischio di portafoglio al ribasso

Se si dispone di un portafoglio consistente e si desidera ottenere un certo margine di guadagno o proteggere il downside, la vendita di un ETF sul mercato potrebbe essere la strada da percorrere. Vendendo un ETF di mercato, stai proteggendo il rischio al ribasso delle tue attività diversificate. Se il mercato continua a soffrire, guadagnerai sulla tua posizione short ETF per contribuire a compensare alcune delle perdite per i tuoi singoli titoli.

Copertura del rischio di settore al ribasso

Se il tuo portafoglio è più settato o fortemente orientato verso un determinato settore o commodity, la vendita di un ETF del settore o di un ETF su materie prime può rappresentare una solida strategia. Invece di andare short su un ETF di mercato, l’ETF del settore o delle materie prime vi fornirà una copertura al ribasso più mirata. Ad esempio, se sei long un sacco di attività petrolifere, vendere OIH o OSO può aiutare a compensare le perdite con un profitto sulla posizione dell’ETF short oil.

Copertura del rischio estero

Un po’ tutti gli Stati patiscono turbolenze economiche. Se il tuo portafoglio è esposto a rischi come guerra, carestia, crisi di governo, rivolte, tifoni, scioperi sindacali, ecc.), la messa in cortocircuito di un ETF nazionale potrebbe offrire la protezione di cui hai bisogno contro eventi imprevedibili. È inoltre possibile prendere in considerazione strategie alternative di copertura del rischio estero vendendo ETF in valuta estera o anche un ETF obbligazionario internazionale.

Derivati di copertura

Se si negoziano ETF, indici o anche opzioni su azioni, è possibile coprire posizioni long derivate con la vendita di un ETF. Ad esempio, se si dispone di opzioni call lunghe per OSX (Oil Services Index), la vendita di OIH (Oil ETF che traccia l’OSX) può compensare alcuni dei rischi al ribasso. A seconda dell’assegnazione di opzioni nel portafoglio, la protezione può essere rilevata attraverso la correlazione di fondi negoziati in borsa.

Aumentare l’esposizione al ribasso

La scelta di un investimento è una strategia avanzata a causa della natura del rischio. Tuttavia, nel clima economico odierno dovrebbe essere considerato. Se dopo un’analisi approfondita, un investitore desidera una certa esposizione al ribasso in un determinato mercato, settore o regione, la messa in cortocircuito di un ETF potrebbe essere una strategia di trading di successo. Vendendo un ETF per raggiungere questo obiettivo, un venditore allo scoperto non solo ottiene la sua esposizione al ribasso desiderata ma trae anche benefici dagli ETF.

Chiudere una posizione

Mentre questo è il motivo più ovvio per vendere un ETF, è ancora necessario menzionarlo. Se ritieni di voler bloccare alcuni profitti o sbarazzarti di una posizione ETF lunga, allora anche vendere un ETF per chiudere quella posizione funziona. A causa della struttura degli ETF, ci sono dei vantaggi fiscali quando si vendono ETF, quindi assicuratevi di comprenderli prima di fare il trade finale. Ci sono due lati per ogni trade. E mentre il “buy-side” è un argomento di discussione molto popolare, c’è chi vende anche gli ETF.

Finché c’è una buona ragione e una forte analisi, la vendita di un ETF potrebbe aiutarti a completare il tuo portafoglio di investimenti e la tua strategia. Un’altra arma nel tuo arsenale.

Come scegliere ETF materie prime

Come scegliere gli ETF sulle materie prime? Con qualsiasi investimento, una società, un ETF, un indice o altro, occorre sempre accertarsi di ricercare accuratamente i potenziali ETF o eventuali attività finanziarie prima di effettuare vendite (o cortometraggi). Esegui la tua strategia migliore, osserva come reagiscono i diversi fondi alle diverse condizioni di mercato, dai uno sguardo al futuro e guarda cosa c’è in uno qualsiasi degli ETF che stai considerando. E se hai domande o dubbi, assicurati di consultare un broker, un consulente finanziario o un altro professionista del settore finanziario.

Sebbene gli ETF abbiano molti vantaggi, hanno anche molti svantaggi (come qualsiasi investimento). Quindi è molto importante capire il veicolo di investimento prima di scambiarlo.

Se non sei ancora sicuro che un ETF sulle materie prime sia adatto alla tua strategia di investimento, consulta alcuni dei più popolari ETF sulle materie prime e verifica se potrebbero funzionare per il tuo portafoglio. Prima di iniziare con gli ETF, esegui sempre ricerche approfondite come faresti con qualsiasi investimento.

Alcuni di questi fondi possono essere attraenti, assicurati di condurre ricerche approfondite prima di effettuare qualsiasi operazione. Controlla la storia dell’ETF, comprendi i rischi, osserva il fondo in azione e osserva come reagisce alle diverse condizioni di mercato. Inoltre, dai un’occhiata a cosa c’è nei fondi in quanto molti ETF possono contenere derivati come futures e opzioni. E se avete domande o dubbi, assicuratevi di consultare un professionista finanziario, come un broker o un consulente. Tuttavia, una volta che vi sentite a vostro agio con gli ETF commodity, è solo questione di chiamare il vostro broker o in alternativa affidarvi ad una piattaforma di trading online. Di seguito vedremo come scegliere il miglior Broker.

In generale, più ci si allontana dal mercato desiderato, maggiore è il potenziale che lo strumento di investimento non tracci esattamente la merce sottostante. I fondi fisicamente sostenuti in oro, argento, platino e palladio riflettono le forze dell’offerta e della domanda nel mercato per il materiale fisico e, come tali, seguono molto da vicino i prezzi di mercato. Naturalmente, tale esposizione non è possibile con tutte le materie prime. I fondi di materie prime di origine possono ancora darvi un’esposizione alla merce – che sia oro, gas naturale, petrolio o un’altra sostanza – attraverso le aziende che li producono, li trattano e li trasportano.

Anche se non è lo stesso di un fondo sostenuto fisicamente, l‘alternativa azionaria ripristina la trasparenza e toglie la possibilità di limiti normativi che potrebbero influenzare il trading. I fondi garantiti da vincoli finanziari e ETN possono offrire alcuni vantaggi rispetto ai fondi fisicamente sostenuti e azionari; tuttavia, tali vantaggi hanno un costo: in particolare, discrepanze nel tracciamento con la materia prima sottostante, rischio normativo e potenzialmente anche rischio di credito. Gli investitori devono essere consapevoli di questi problemi al fine di effettuare la selezione migliore in conformità con i loro obiettivi e la tolleranza al rischio.

ETF materie prime vantaggi

Quali sono i vantaggi di investire sugli ETF materie prime? Possiamo riassumerli così:

  • Semplice trading basato su azioni. La società di gestione gestisce la complicata compravendita dei futures sulle materie prime.
  • I prezzi delle azioni consentono una copertura migliore e un piccolo investimento iniziale. Non è necessario cronometrare il mercato.
  • I gestori dell’ETF promuovono continuamente la loro strategia e non ti devi preoccupare del trading quotidiano.

ETF materie prime svantaggi

Quali sono gli svantaggi di investire sugli ETF materie prime? Eccoli così riassunti:

  • Rendimenti più bassi e maggiore volatilità rispetto all’investimento diretto in futures. Ciò è dovuto alla strategia di gestione del tracking dei futures e delle commissioni associate alla gestione del ETF.
  • Meno liquidità rispetto ai Futures.
  • A meno che non si stia acquistando l’ETF a margine, è necessario anticipare l’intero valore delle azioni, al fine di acquistare azioni nell’ETF.
  • ETF materie prime sono meno trasparenti rispetto all’investimento diretto in futures. Con una complicata strategia dell’ETF può essere difficile discernere la strategia esatta utilizzata dai gestori per simulare i prezzi dei futures (ad es. Future, opzioni o un mix).

ETF o Futures?

Meglio gli ETF o i Futures? Con i numeri grezzi, i futures generalmente sovraperformano le loro controparti ETF, ma questo è previsto. Gli ETF di solito sono costruiti usando posizioni su futures o opzioni su futures e commissioni di addebito per i loro servizi che li rendono più costosi dei futures stessi. Inoltre, i contratti a termine diretto futures sono meno volatili dei loro “cugini” ETF, ma a causa delle loro scadenze, gli investitori hanno bisogno di avere più tempistiche sul mercato.

Tuttavia, a differenza dei Futures, gli ETF forniscono valore in diversi modi al loro investitore. Ad esempio, gli ETF su materie prime sono estremamente semplici da investire e gestire come investitori al dettaglio perché possono essere acquistati e venduti come azioni. Inoltre, gli ETF commodity solitamente hanno un basso costo per azione, quindi le azioni di copertura possono essere eseguite con maggiore gradualità.

Migliori Broker ETF materie prime

Quali sono i migliori Broker per investire sulle materie prime? Per scegliere il miglior Broker, suggeriamo di valutare i seguenti aspetti:

  • Autorizzazioni e regolamentazioni
  • Conto demo per fare pratica senza rischiare soldi reali
  • Assistenza clienti in italiano, 5×7, facilmente raggiungibile
  • Segnali di trading
  • Grafici chiari e variegati
  • Spread e commissioni bassi
  • Leva finanziaria
  • App funzionale per trading su mobile

Quali sono i Broker che rispondono a queste caratteristiche? A nostro avviso i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY