ETF Idrogeno: Migliori ETF e broker per investire 2022

L’idrogeno è ormai considerato uno dei più importanti vettori energetici dei prossimi decenni. Sebbene se ne parli da tempo ma molti prototipi sono rimasti nel cassetto (addirittura la FIAT ne progettò uno negli anni ‘70).

L’accelerata degli ultimi tempi si deve al fatto che il cambiamento climatico sta scuotendo le coscienze e aumentando la ricerca verso alternative ai combustibili più inquinanti.

Si auspica quindi che l’uso dell’idrogeno aumenti la mobilità “eco-friendly” e neutrale da un punto di vista climatico. Dato che l’idrogeno diventa semplice acqua, quando viene riscaldato o convertito con ossigeno. Quindi non ha alcun impatto sull’ambiente.

Si pensi poi all’utilizzo per il riscaldamento domestico o per la fornitura nell’industria. Pertanto l’idrogeno può essere considerato un megatrend non solo nella futura mobilità, ma anche nell’economia e nella vita generale.

Ovviamente, alla luce di questi orizzonti interessanti, l’idrogeno non poteva sfuggire alle possibilità di investimento. E non a caso sono emersi diversi ETF idrogeno.

E’ proprio di questo che ci occuperemo in questo articolo.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker Capital.com. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come App formativa, corsi online e guide al trading. Per saperne di più su Capital.com clicca qui per visitare il sito ufficiale

ETF Idrogeno: cosa sono

Gli Exchange traded fund che si occupano di idrogeno replicano le performance delle aziende che si occupano di ricerca, produzione e promozione di questa fonte energetica dalle grandi potenzialità e dal cospicuo rispetto dell’ambiente.

ETF Idrogeno

E’ bene sapere che, quando si sceglie un ETF sull’idrogeno, si dovrebbero considerare diversi fattori in aggiunta alla metodologia dell’indice sottostante ed alla performance di un ETF. Per esempio:

  • dimensione del fondo
  • costi
  • durata
  • domicilio
  • metodo di replica
❓ Cosa sonoETF che replicano l’andamento del prezzo dell’idrogeno.
💰CaratteristicheGestione Passiva / Commissioni basse / Rischio medio-basso
✅ Migliori ETF IdrogenoL&G Hydrogen Economy UCITS ETF USD Acc / iShares Global Green Bond ETF
✅ Tipi di ETFObbligazionari, Azionari, Materie Prime
💰 Migliori piattaforme per investire in ETFeToro / Degiro
📚 Migliore piattaforma per commoditiesDegiro

Cosa sono gli ETF

Gli ETF operano come i fondi comuni tradizionali, con la grande differenza che sono quotati nel mercato azionario. Quindi sono estremamente liquidi. Se infatti il fondo tradizionale può essere acquistato o venduto solo una volta al giorno, gli ETF possono essere negoziati in qualsiasi momento durante l’orario di borsa.

Seguendo un indice, oltretutto, non sono previsti costosi manager o analisti del fondo da retribuire. Il che li rende molto più economici da gestire e da detenere. E c’è pure un paradosso: nel medio termine riescono ad ottenere performance migliori rispetto ad una gestione attiva.

Ci sono due diverse tipologie di ETF:

  1. ETF fisico: l’emittente dell’ETF tenta di seguire un indice acquistando le sue attività sottostanti con il medesimo peso al fine di rispecchiare i rialzi ed i ribassi dell’indice stesso (a replica completa). Se l’emittente dell’ETF investe solo in una selezione delle attività, esso viene definito a campionamento.
  2. ETF sintetici: l’emittente del fondo può stipulare un contratto con una banca di investimento che gli offrirà il rendimento di un indice specifico in cambio del pagamento di una commissione. Questo ETF viene anche chiamato ETF basato su swap).

Dove investire sugli ETF idrogeno

Gli ETF rientrano tra i tanti asset sui quali si può investire tramite CFD, acronimo di Contract for difference.

Occorre però scegliere meticolosamente il broker da utilizzare, per non cascare in una truffa. Come i seguenti che proponiamo.

BROKER
CARATTERISTICHE
VANTAGGI
ISCRIZIONE
Broker consigliato
commissioni basse
Copy trading e conto demo
Copy Portfolio

68% di utenti perdono denaro con questo provider facendo trading di CFD.

Conto demo gratisServizi di intelligenza artificiale
Corso di trading / Commissioni basseAzioni frazionate
Demo gratuitaGruppo Whatsapp / Numerosi asset
Strumenti professionaliDemo
Deposito minimoConti Zero spread!
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

eToro

Partiamo dal broker eToro:

  • Deposito minimo: 50 euro
  • Spread e commissioni: broker spread-only e commissioni genericamente vantaggiose
  • Servizi principali: Copy trading, Social trading, Smart porfolios, eToroX
  • Conto demo: 100mila euro virtuali
  • Licenze possedute: CySEC, ASIC, FCA
Puoi creare il tuo conto gratis su eToro cliccando qui.

Capital.com

Passiamo ora ad un altro broker molto rinomato come Capital.com. Qui in sintesi quello che offre:

  • Deposito minimo: 20 euro
  • Spread e commissioni: broker spread-only e commissioni genericamente vantaggiose
  • Servizi principali: Copy trading, Social trading, Smart porfolios, eToroX
  • Conto demo: 100mila euro virtuali
  • Licenze possedute: CySEC, ASIC, FCA
Puoi registrarti gratuitamente su Capital.com cliccando qui.
83.45% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

XTB

Il broker XTB sta crescendo molto in questo periodo per la sua piattaforma semplice e intuitiva.

Ecco le sue principali caratteristiche:

  • Deposito minimo: quanto si vuole
  • Spread e commissioni: broker spread-only e commissioni genericamente vantaggiose
  • Servizi principali: Calcolatrice del trading avanzata, statistiche di performance in realtime, Trade dai grafici, chiusura gruppi di ordini
  • Conto demo: 100mila euro virtuali
  • Licenze possedute: FCA, KNF, CYSE, BDF BaFin, CNMV, CNB, NBS, CMVM, CMB, ASFBCU
Clicca qui per creare il tuo account su XTB

Migliori ETF Idrogeno

Vediamo ora su quali ETF Idrogeno puntare.

L&G Hydrogen Economy UCITS ETF USD Acc (HTWO)

L&G Hydrogen Economy UCITS ETF (l'”ETF”) mira a replicare la performance del Solactive Hydrogen Economy Index NTR.

L’ETF mira a catturare l’enorme potenziale di crescita dell’industria globale dell’idrogeno. Fornisce una strategia di investimento che tiene traccia dell’indice supportata da un team di esperti di idrogeno.

ETFL&G Hydrogen Economy
📊 QuotazioneBorse mondiali
📈 Indice di Riferimento
👍 TickerIE00BMYDM794
🥇Piattaforme per investire in ETFeToro / Capital

Il Fondo ha un obiettivo di investimento sostenibile in quanto investe in società che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi ambientali, non danneggiano in modo significativo alcun obiettivo ambientale o sociale e seguono pratiche di buona governance.

L’Indice è concepito per fornire esposizione a titoli azionari di società globali attivamente impegnate nell’economia dell’idrogeno. L ‘”economia dell’idrogeno” è l’uso dell’idrogeno come risorsa energetica pulita a basse emissioni di carbonio per soddisfare il fabbisogno energetico mondiale.

L’universo dell’indice è costituito da società attivamente impegnate nella catena del valore dell’industria dell’idrogeno, che include attività di creazione di valore all’interno dell’economia dell’idrogeno, come l’immissione di energia, la produzione, il trasporto, lo stoccaggio e l’uso finale.

Una società è idonea all’inclusione nell’Indice solo se è di dimensioni sufficienti (determinate in riferimento al valore di mercato totale delle sue azioni quotate in borsa) ed è sufficientemente “liquida” (una misura di quanto attivamente sono le sue azioni negoziato su base giornaliera).

Inoltre, l’Indice esclude alcune società:

  • che traggono entrate sostanziali dall’estrazione del carbone
  • coinvolti nella produzione di armi controverse
  • che, per un periodo continuativo di tre anni, sono stati classificati come in violazione di almeno uno dei principi del Global Compact delle Nazioni

L’universo delle società da cui viene effettuata la selezione dell’Indice viene aggiornato semestralmente a maggio e novembre.

Tutti i componenti dell’Indice sono equamente ponderati all’interno dell’Indice, fatti salvi determinati limiti di ponderazione basati sulla liquidità stabiliti per garantire che i titoli con una liquidità inferiore non siano eccessivamente rappresentati nell’Indice.

Su base mensile, viene valutato il peso di ciascuna società e, se una di esse supera il 15% dell’indice, i pesi di tutte le società vengono adeguati in modo che siano nuovamente equamente ponderati all’interno dell’Indice.

Questi i settori inclusi nell’ETF (espressi in percentuale):

  • Industrials 50.8
  • Materials 24.3
  • Utilities 11.2
  • Consumer Discretionary 10.1
  • Information Technology 3.6

iShares Global Green Bond ETF

Con questo Exchange traded fund ci si espone a global green bonds, in cui l’uso dei proventi è direttamente legato alla promozione del clima o ad altri scopi di sostenibilità ambientale attraverso una valutazione indipendente.

L’obiettivo è quello di perseguire un impatto ambientale misurabile dal proprio investimento.

ETFiShares Global Green Bond ETF
📊 QuotazioneBorse mondiali
📈 Indice di RiferimentoNASDAQ
👍 TickerBGRN
🥇Piattaforme per investire in ETFeToro / Capital

L’ETF iShares Global Green Bond (il “Fondo”) mira a replicare i risultati di investimento di un indice composto da obbligazioni verdi di qualità (investment grade globali) emesse per finanziare progetti ambientali, mitigando al contempo l’esposizione alle fluttuazioni valutarie rispetto al dollaro USA.

IShares Green Bond è un’opzione a basso costo per gli investitori che cercano esposizione al mercato in crescita dei green bond. Il fondo replica un indice che offre un’ampia diversificazione tra i settori e le regioni attuali che compongono il mercato delle obbligazioni verdi.

L’obiettivo di investimento del Fondo è fornire agli Azionisti un rendimento totale, tenendo conto sia del capitale che del reddito, che rifletta il rendimento totale dell’Indice Bloomberg Barclays MSCI Green Bond, l’Indice di riferimento del Fondo.

Al fine di raggiungere il suo obiettivo, la politica di investimento del Fondo consiste nell’investire nei titoli a reddito fisso che costituiscono prevalentemente l’Indice di Riferimento del Fondo. I titoli che compongono l’Indice di riferimento del Fondo sono utilizzati per finanziare progetti con benefici ambientali diretti.

Per essere classificato come un’obbligazione verde ai fini dell’Indice di riferimento e qualificarsi per fornire un beneficio ambientale diretto, i proventi di un’obbligazione devono finanziare progetti che rientrano in una o più categorie ambientali qualificanti tra cui, a titolo esemplificativo:

  • energia alternativa
  • efficienza energetica
  • prevenzione e controllo dell’inquinamento
  • acqua sostenibile
  • bioedilizia
  • adattamento climatico

SPDR S&P Kensho Clean Power Fund (CNRG)

L’ETF SPDR S&P Kensho Clean Power ETF mira a fornire risultati di investimento che, al lordo di commissioni e spese, corrispondano generalmente alla performance del rendimento totale dell’indice S&P Kensho Clean Power.

ETFSPDR S&P Kensho Clean Power Fund
📊 QuotazioneBorsa di New York
📈 Indice di RiferimentoDow Jones
👍 TickerCNRG
🥇Piattaforme per investire in ETFeToro / Capital

Cerca di tracciare un indice che utilizza l’intelligenza artificiale e una metodologia di ponderazione quantitativa per catturare le aziende i cui prodotti e servizi stanno guidando l’innovazione dietro il settore dell’energia pulita, che comprende le aree dell’energia solare, eolica, geotermica e idroelettrica.

Può fornire un modo efficace per perseguire il potenziale di crescita a lungo termine investendo in un portafoglio di società coinvolte nella transizione verso un’alimentazione elettrica a basse emissioni

Informazioni su questo benchmark.

L’indice S&P Kensho Clean Power (l'”Indice”) è composto da titoli azionari quotati negli Stati Uniti (compresi i certificati di deposito) di società domiciliate nei mercati sviluppati ed emergenti di tutto il mondo che sono inclusi nel settore Clean Power come determinato da uno standard di classificazione prodotto da S&P Dow Jones Indices LLC (il “Fornitore dell’Indice”).

L’Indice è progettato per catturare le società i cui prodotti e servizi stanno guidando l’innovazione dietro l’energia pulita. In particolare, l’Indice comprende le componenti dell’Indice S&P Kensho Cleantech e dell’Indice S&P Kensho Clean Energy (gli “Indici Sottostanti”) a partire dal giorno di ricostituzione annuale dell’Indice, soggette a determinate soglie di liquidità per ciascuna componente.

L’indice S&P Kensho Cleantech cerca di tracciare le aziende che offrono prodotti e servizi relativi alla produzione di tecnologie per l’energia rinnovabile (solare, eolica, idroelettrica, geotermica) o che sono una componente necessaria della catena di approvvigionamento per tali prodotti e servizi.

VanEck Vectors Hydrogen Economy UCITS ETF

Il colosso degli ETF VanEck non poteva non essere della partita. VanEck è convinto che il settore dell’idrogeno sia destinato a crescere e ad avere un profilo d’investimento simile a quello dei settori tecnologici che si trovano nella fase iniziale di sviluppo.

ETFVanEck Vectors Hydrogen Economy
📊 QuotazioneBorse mondiali
📈 Indice di Riferimento
👍 TickerIE00BMDH1538
🥇Piattaforme per investire in ETFeToro / Capital

Queste le sue principali caratteristiche:

  • Sostegno su larga scala da parte dei governi di tutto il mondo
  • ETF dinamico, che offre accesso ai leader globali dell’innovazione nel settore dell’idrogeno ed è revisionato con frequenza trimestrale
  • Segue società estremamente liquide del settore dell’idrogeno in base alla capitalizzazione di mercato e al volume degli scambi
  • Le aziende in cui si investe devono ottenere almeno il 50% dei propri ricavi dall’economia dell’idrogeno (salvo possibili eccezioni)

Questi sono invece i paesi coinvolti nel fondo:

  • Stati Uniti 31,83
  • Regno Unito 21,87
  • Francia 10,06
  • Canada 9,97
  • Giappone 8,34
  • Norvegia 8,00
  • South Korea 4,88
  • Svezia 3,25
  • Germania 1,27
  • Israele 0,50
  • Altro/Liquidità 0,04

I settori invece sono:

  • Titoli industriali 65,1
  • Materiali 34,8
  • n/a 0,1
  • Altro/Liquidità 0,0

ETF Idrogeno Previsioni

Diciamo che di energia a idrogeno si parla fin dagli anni ‘90, sebbene alla fine ancora oggi petrolio e gas la facciano da padrone. Mentre l’energia solare ed eolica cercano di raggiungere interessanti quote, ma fanno ancora fatica malgrado i tanti investimenti e buoni propositi di questi anni.

Non a caso, addirittura si parla con insistenza ancora di energia nucleare, poiché considerata abbastanza pulita e dai risultati immediati.

Dal 2020, comunque, abbiamo assistito ad una crescente domanda di mercato, contraddistinta da una maggiore attenzione verso il sostenibile e verso le azioni della green economy. Spinta dal fenomeno Greta e dalla Green generation al seguito.

Infatti, secondo le previsioni degli esperti, entro i prossimi 10 anni, l’idrogeno diventerà il combustibile rinnovabile più economico da estrarre e produrre.

Inoltre, sono previsti degli investimenti da parte dell’Europa di almeno 450 miliardi di euro entro il 2050, incrementandone uso e produzione. La conseguenza diretta sarà, naturalmente, una crescita graduale ma rilevante per gli ETF Idrogeno.

Nel mondo, sono almeno75 paesi i paesi che stanno prendendo in considerazione l’idrogeno. Anche perché, con una riduzione dei costi di produzione ed una domanda in netto aumento, il mercato dell’idrogeno presenta delle prospettive di lungo termine realmente appetibili.

Dunque, a parte qualche dubbio sempre legato agli interessi che influiscono le scelte energetiche, al di là dei buoni propositi e delle esigenze climatiche, l’idrogeno sembra un ottimo mercato su cui puntare. E farlo con gli ETF può aumentare l’interesse.

Investire in ETF Idrogeno conviene?

Per rispondere a questa domanda, occorre mettere sui piatti della bilancia i vantaggi e gli svantaggi.

Investire in Idrogeno vantaggi:

  • ampi margini di crescita almeno fino al 2050
  • diversificazione del proprio wallet con un singolo asset
  • costi di gestione abbordabili essendo uno strumento a gestione passiva, ma bisogna anche scegliere broker dalle commissioni contenute come quelli citati prima

Investire in Idrogeno svantaggi:

  • selezione dei titoli appartenente al Fondo spesso limitata, alla quale non è possibile rimediare in alcun modo, in quanto è l’emittente dell’ETF ad occuparsi di tale aspetto
  • problemi di liquidità: molti Fondi appaiono illiquidi e, pertanto, causano difficoltà ai traders che intendono piazzarli nuovamente sul mercato, soprattutto nei casi in cui lo spread bid/ask dovesse raggiungere dei livelli troppo elevati
  • Volatilità: purtroppo, molti ETF presentano delle oscillazioni giornaliere tali da renderli difficilmente negoziabili
  • con un ETF Indicizzato a replica totale gli investitori non potranno mai aspettarsi performances più remunerative di quelle offerte dagli Indici/titoli a cui si rifà il Fondo (benchmark). Siamo sempre al discorso meno rischi, meno profitti

ETF idrogeno: le domande frequenti

Cosa sono gli ETF idrogeno?

Si tratta degli Exchange trade fund che replicano le performances delle società che si occupano di questa fonte energetica, ma che rientrano anche in altri parametri.

Conviene investire negli ETF idrogeno?

Tutto lascia presagire che questa fonte energetica abbia degli importanti margini di crescita almeno fino al 2050. dipenderà comunque da tanti altri fattori, anche politici e lobbistici.

A questa presunta crescita, vanno aggiunti i vantaggi insiti degli ETF, sebbene non manchi qualche svantaggio come la poca diversificazione del benchmark.

Quali sono i migliori broker per investire sugli ETF idrogeno?

Puoi provare con i broker CFD regolamentati che consentono di operare sugli ETF oppure con la piattaforma Degiro offre numerosi strumenti con cui operare.

ETF Idrogeno

Conclusioni

Gli Exchange traded fund che si occupano di idrogeno replicano le performance delle aziende che si occupano di ricerca, produzione e promozione di questa fonte energetica dalle grandi potenzialità e dal cospicuo rispetto dell’ambiente.

Gli ETF operano come i fondi comuni tradizionali, con la grande differenza che sono quotati nel mercato azionario. Quindi sono estremamente liquidi. Tra gli altri vantaggi, anche i costi e i rischi contenuti.

Gli investimenti dei paesi sull’idrogeno inducono a pensare che l’utilizzo di questa fonte energetica aumenterà in futuro. Ma occorrerà anche vedere altri fattori non strettamente legati alle esigenze ambientali. Gli stessi che spingono ad usare fonti altamente inquinanti come petrolio e gas.

Per investire sugli ETF idrogeno puoi provare con le piattaforme regolamentate.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con cui potete operare su ETF ed azioni.