Equitalia: proroga rottamazione cartelle arriverà con decreto

La commissione Ambiente alla Camera, ha dichiarato inammissibile l’emendamento al Decreto Terremoto perché non attinente alla materia del provvedimento, nel decreto era contenuta infatti la proroga per la rottamazione delle cartelle Equitalia, tuttavia tale proroga non è stata cancellata ma dovrà avvenire tramite Decreto Legge che il Governo dovrà varare nei prossimi giorni.

Nuovo calendario proroga cartelle Equitalia

I termini per la rottamazione delle cartelle di Equitalia, slitteranno dal 31 marzo al 21 aprile per quanto riguarda la presentazione delle istanze e dal 31 maggio al 15 giugno entro la quale Equitalia dovrà comunicare ai contribuenti il totale degli importi dovuti per la rottamazione.

Si ricorda però che fino a quando la proroga non verrà concessa ufficialmente, quindi tramite Decreto, il termine ultimo per l’adesione è il 31 marzo e le rate sono così suddivise:

  • tre rate di pari importo, nei mesi di luglio, settembre e novembre 2017
  • due rate di pari importo nei mesi di aprile e settembre 2018.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY