Equitalia, niente cartelle durante il periodo natalizio

Le richieste di riscossione che erano previste per il periodo 24 dicembre – 8 gennaio sono state congelate da Equitalia, in totale dei 380 mila atti solo alcuni inderogabili verranno notificati. L’Amministratore Delegato, Ernesto Maria Ruffini, ha firmato il provvedimento e ha spiegato che la sospensione rientra nel quadro di riforma che vuole essere dalla parte dei cittadini anziché contro. Ruffini ha sottolineato inoltre che i progetti messi in atto nei 18 mesi dalla sua guida, hanno dimostrato che la lotta all’evasione si può realizzare anche attraverso un patto di fiducia con i cittadini e le imprese.

L’operazione denominata “zero cartelle” è guidata dal Direttore Generale di Equitalia Servizi di Riscossione, Adelfio Moretti, il quale ha congelato 375.518 cartelle.

Si attendono i dati del 2016

Si attendono i dati relativi alla riscossione del 2016 dopo gli 8,2 miliardi di euro incassati nel 2015, ottenendo un +11,25% rispetto al 2014, anno che aveva segnato il record di invio di atti (circa 25 milioni, scesi a 23 nel 2015), i quali sembrerebbero in continuo calo, infatti, da una prima stima effettuata da Equitalia il numero di atti dovrebbero aggirarsi attorno ai 21 milioni.

L’operazione “zero cartelle” ricorda Equitalia è parte del percorso per migliorare i rapporti tra contribuenti e fisco, raggiungibile anche grazie alle innovazioni introdotte quali ad esempio: cartella amica per la rateizzazione dei debiti, Se Mi Scordo l’sms che avvisa i contribuenti dello stato delle rate delle cartelle e la recente applicazione per smartphone/tablet .

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY