Eni scopre maxi giacimento di gas in Egitto

Grande scoperta dell’Eni nelle acque egiziane. L’azienda italiana degli idrocarburi ha scoperto, infatti, il più grande giacimento di gas del Mare Mediterraneo. Questo sembra avere un potenziale di 850 miliardi di metri cubi (5,5 miliardi di barili di olio equivalente) e un’estensione di circa 100 chilometri quadrati.

La scoperta è stata effettuata nel pozzo Zohr 1X a 1450 metri di profondità, dove è stata trovata una colonna d’idrocarburi di circa 630 metri. L’Eni, ipotizzando maggiori potenzialità a maggiori profondità, ha deciso di procedere con la ricerca.

L’amministratore delegato, Claudio Descalzi, è immediatamente andato a Il Cairo per incontrare Al Sisi e per informare il premier, il ministro del petrolio e il ministro delle risorse egiziani della grande novità, che potrebbe garantire all’Egitto il soddisfacimento della domanda di gas naturale per decenni. Descalzi ha dichiarato “E’ un giorno davvero importante per la nostra società e le persone di Eni. … La strategia che ci ha portato a insistere nella ricerca nelle aree mature di Paesi che conosciamo da decenni si è dimostrata vincente a riprova che l’Egitto presenta ancora un grande potenziale. Questa scoperta storica sarà in grado di trasformare lo scenario energetico di un intero Paese che ci accoglie da oltre 60 anni. … Per l’Egitto significa l’autosufficienza energetica, con tutto ciò che questo comporta, compresa una maggiore stabilità in tutta l’area. Per l’Italia l’opportunità di importare una parte di quel gas che l’Egitto non userà”.

Era il 1954, infatti, quando Enrico Mattei gettò le basi di un rivoluzionario accordo con il leader egiziano Gamal Abdel Nasser, accordo che prevedeva un rapporto paritario tra i due paesi e non un rapporto colonialistico ai fini dello sfruttamento delle risorse energetiche (come era sempre stato in passato).

Oggi, all’apertura delle contrattazioni sul mercato di Piazza Affari, Eni ha avuto un deciso rialzo. A metà mattina, Eni è risultato essere il miglior titolo dell’indice FTSE Mib e il migliore tra i petroliferi europei con un guadagno dell’1,9% a 14,69 euro dopo avere raggiunto una crescita del 4% circa. Nel primo pomeriggio, siamo a 14,64 euro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY