Energia elettrica: strategie per risparmiare sulla bolletta

Risparmiare sulle bollette dell’energia elettrica sembra una chimera. A dispetto del ribasso del 5% annunciato dall’Autorità per l’Energia, ogni anno gli italiani per le bollette della luce spendono in media, stando ai dati Istat, oltre 500 euro. Per attutire questo salasso, l’unica soluzione è approfittare della liberalizzazione del mercato dell’energia e cogliere le offerte del momento dei diversi fornitori, oppure coalizzarsi con altri consumatori per strappare le condizioni migliori. Ecco qualche dritta per districarsi nella giungla delle tariffe dell’energia elettrica e trovare quella che più conviene sulla base dei tuoi consumi quotidiani.

Energia elettrica: la libertà di risparmiare

Per molti italiani la liberalizzazione del mercato dell’energia, avviata con il decreto Bersani, ha portato pochi benefici. Decifrare le tariffe non è sempre cosa facile e le bollette restano spesso enigmatiche, scoraggiando molti consumatori dall’avventurarsi nel mercato libero per cercare di ottenere un risparmio. Eppure cambiare contratto non è complicato: è cura della nuova azienda fornitrice farsi carico di comunicare la disdetta alla vecchia, senza alcuna necessità di inviare personalmente una raccomandata e, normalmente, senza costi aggiuntivi di recesso.

energia elettrica
Risparmia con il miglior fornitore di energia elettrica. Con il mercato libero cambi quando vuoi senza costi aggiuntivi

Energia elettrica: l’alleato del risparmio è in Rete

A venire incontro ai cittadini alle prese con i costi dell’energia elettrica è la Rete di internet. Sono diversi i portali che offrono, sulla base dei propri consumi medi, un servizio comparativo tra le tariffe dei vari fornitori di energia. Trovando la tariffa personale più economica, si riescono a risparmiare circa 50 euro l’anno.
Chi vuole incrementare l’entità del risparmio in bolletta può farsi incantare dalle sirene delle offerte speciali di alcuni fornitori, che in cambio di tariffe ultra-agevolate impongono la sottoscrizione di servizi aggiuntivi. Il risparmio è assicurato, ma inesorabilmente crescono i consumi in altri ambiti: meglio fare prima due conti, ponderati con le proprie abitudini di consumo globali, per capire se queste offerte convengono davvero.
Prima di sottoscrivere una nuova fornitura, tuttavia, resta fortemente consigliato prendere visione delle condizioni economiche previste dal contratto: il passaggio da un gestore ad un altro può regalarti, come nuovo cliente, tariffe ultra convenienti per un certo lasso di tempo, ma considera sempre i costi nel lungo periodo ed eventuali vincoli futuri.

Con offerte speciali ed extra, risparmi oltre 200 euro l’anno

Sono molti i fornitori di energia elettrica che lanciano offerte con vantaggi “extra” per i propri clienti. Si va dai buoni spesa ai programmi di fidelizzazione con raccolte punti per prodotti e servizi di altre aziende, passando per l’attivazione di assicurazioni, tagliandi per la partecipazione a particolare eventi e quant’altro.
Una delle promozioni sicuramente più vantaggiose è quella che in passato ha permesso ai clienti di determinati fornitori di energia elettrica di usufruire di sconti alla pompa di benzina per l’acquisto di carburante, come in una recente promozione di Enel. Nel complesso, approfittando di queste offerte, si possono arrivare a risparmiare anche oltre 200 euro l’anno.

Risparmio energetico assicurato e sostenibile

Molto invitanti anche le offerte che prevedono, in caso di sottoscrizione di un nuovo contratto della luce, l’attivazione di un’assicurazione per la copertura di alcune spese domestiche straordinarie, come la riparazione dell’impianto elettrico, e persino nel pagamento delle bollette, ad esempio nel caso di perdita del lavoro. In questi infausti frangenti, i vantaggi possono essere notevoli.
Tra le offerte da tenere sempre d’occhio e valutare, infine, vi sono quelle che prevedono la fornitura gratuita di dispositivi per il risparmio energetico, come lampadine a led o applicazioni per smartphone: diminuisce il nostro impatto ambientale e si spendono circa 40 euro annui in meno in bolletta.Fotovoltaico. Credits: USDAgov, flickr
Sotto diversi punti di vista, il modo migliore per risparmiare sui consumi di energia elettrica è installare un impianto fotovoltaico. Sebbene i pannelli solari abbiano un costo ancora relativamente elevato, soprattutto per chi non riesce a usufruire di alcuna detrazione fiscale, consumando energia autoprodotta da fonti rinnovabili la spesa affrontata viene pienamente recuperata in pochi anni, e si può immettere il surplus nel mercato energetico ottenendo tariffe molto convenienti. Un risparmio “pulito” che porta beneficio al tuo portafoglio e pure all’ambiente.

Coalizzati contro il caro-bolletta

In tempi di crisi, i gruppi d’acquisto, già ampiamente diffusi tra gli italiani per fare la spesa, si rivelano uno strumento sempre più duttile e incisivo per coalizzarsi e strappare i prezzi migliori, anche in ambito energetico. Di recente, l’associazione nazionale di consumatori Altroconsumo ha organizzato attraverso la Rete un gruppo d’acquisto, abbassalabolletta.it, che ha trovato l’adesione di oltre 67 mila famiglie. La gara tra i fornitori per accaparrarsi questo pacchetto di clienti ha permesso agli aderenti di ottenere un risparmio medio di ben 273 euro sulla fornitura di energia elettrica e gas.

Il bonus sociale “elettrico” risparmio energetico

Le famiglie in condizione di disagio economico, quelle numerose e nei casi di disagio fisico, cioè quando nel nucleo familiare è presente una persona in condizioni di salute tali che richiedano l’uso di apparecchiature salvavita alimentate ad energia elettrica, possono beneficiare di un bonus sociale sulla bolletta della luce, così come su quella del gas. Il bonus elettrico, voluto dal governo per ridurre la spesa per i consumi essenziali e reso operativo dall’Autorità per l’Energia, può essere richiesto al proprio Comune di residenza.