Elon Musk riporta Tesla in profitto: secondo trimestre chiuso in positivo

elon musk

Elon Musk CEO di Tesla, ha spinto moltissimo in questo ultimo periodo per ottimizzare la produzione delle sue auto elettriche. L’impegno preso da uno dei più grandi innovatori al mondo è stato mantenuto e ne vediamo l’efficacia nella pubblicazione dei dati trimestrali positivi.

Elon Musk e Tesla: titolo in crescita del 6%

Tesla si è ritrovata spessa con i media contro, con titoli di testate giornalistiche pronte a far precipitare sul fondo del mercato l’azienda automobilistica, ma nonostante questo è riuscita a tagliare i costi e a spostarsi verso di più verso il suo obiettivo di diventare un’azienda che produce automobili su larga scala. elon muskGrazie al management di Elon Musk, Tesla è riuscita non solo a tenere testa alle previsioni degli analisti, ma anche a superarle. Il titolo ha ottenuto un +6% a Wall Street ed è il secondo trimestre chiuso in profitto da quando è stata quotata in Borsa, sei anni fa nel 2010. Le prospettive di crescita sono ancora più interessanti per il 2017 visto che verrà lanciato sul mercato il “Model 3”, un’auto elettrica a costi ridotti per un target di riferimento meno premium e più di mass market.

Altri mercati appetibili per Elon Musk

Al di là del mercato delle auto elettriche, Elon Musk ha puntato sull’acquisizione di “SolarCity”, per 2,2 miliardi di dollari. Grazie a questa, dovrebbe riuscire a lanciare un prodotto innovativo per i pannelli solari e per delle batterie per accumulare energia in ambito domestico. Sostanzialmente Musk, vuole andare a testare quello che potrebbe essere il mercato della domotica. Proprio però quest’incertezza nell’acquisto di SolarCity è stato uno dei motivi che aveva fatto precipitare il titolo in Borsa e che non è stato molto gradito dagli investitori.

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY