Cosa pensa Elon Musk di Bitcoin? La cripto intanto mostra segni di ripresa

Bitcoin e criptovalute sono spesso derise per le loro inadeguatezze rispetto ai giganteschi sistemi di pagamento tradizionali quali Visa, Mastercard e PayPal. Ma un’eventuale sfida da bitcoin e cripto agli incumbent non è impossibile, secondo un analista tecnico. Il prezzo del bitcoin, che ha raggiunto il picco a circa $ 20.000 a dicembre 2017 e ha subito una costante diminuzione da quando, raramente è considerato correlato all’uso di bitcoin come mezzo di pagamento principale. E

Negli ultimi anni è aumentato come riserva di valore, con gli speculatori che sperano di incassare i futuri aumenti dei prezzi. Ma appena la rete bitcoin e l’esperienza utente di criptovaluta miglioreranno, la minaccia che il bitcoin pone alle tradizionali reti di pagamento non dovrebbe essere ignorata. Come fa notare l’analista di MoffettNathanson, Lisa Ellis.

“Perché mai dovrei comprare un caffè con bitcoin?” Ellis ha detto, in primo luogo segnalato dal newswire finanziario Bloomberg. Ma alla fine potrebbe accadere, “per quanto ridicolo possa sembrare.” Nel mondo sviluppato c’è attualmente poco beneficio ad accettare bitcoin o altre criptovalute rispetto alle forme di pagamento tradizionali. Le reti che Visa e Mastercard utilizzano elaborano migliaia di transazioni al secondo, con la capacità di elaborare molto di più.

In confronto, la rete bitcoin impiega circa 10 minuti per confermare una singola transazione mentre ethereum richiede circa 15 secondi.

In paesi come Venezuela, c’è già la prova che bitcoin e altre criptovalute vengono utilizzate laddove le reti di pagamento tradizionali hanno fallito. E si stanno facendo progressi, con i sostenitori del bitcoin che puntano alla rete dei fulmini, progettati per accelerare e ridurre i costi delle transazioni bitcoin, come possibile catalizzatore per l’adozione dei pagamenti.

La minaccia del bitcoin e della crittografia ai pagamenti tradizionali deriva anche dalla loro filosofia della “libertà di denaro”, secondo Ellis. “I sistemi di criptovaluta (ad esempio bitcoin, ethereum, ripple) sono potnzialmente dannosi per i sistemi di pagamento privati “Disse Ellis.

“Le loro caratteristiche di base del design, che mirano a consentire la” libertà di denaro “, sono in diretto contrasto con le caratteristiche della maggior parte dei sistemi di pagamento privati ​​tradizionali.”

Nel frattempo, le banche e i processori di pagamento potrebbero compensare questo rischio adottando tecnologie crittografiche e blockchain, Consigliato Ellis. La banca statunitense J.P. Morgan lo scorso mese ha fatto ondate con l’annuncio della sua criptovaluta privata JPM Coin, progettata per competere con l’XRP di Ripple.

Il settore dei bitcoin è attualmente intrappolato in un mercato ribassista di lunga data, con circa $ 400 miliardi di valore spazzato via dalle criptovalute mondiali negli ultimi 12 mesi, mentre le bancarelle di adozione e le banche hanno messo in attesa piani di guadagno in bitcoin e criptovalute in attesa. come Jack Dorsey di Twitter, Elon Musk di Tesla e Steve Wozniak, cofondatore di Apple, hanno comunque continuato a elogiare bitcoin e la sua tecnologia di base. Sostenendo che i token digitali sono ancora nei loro primi giorni di partenza. Altri hanno suggerito che sarà Jeff Bezos di Amazon ad innescare la prossima corsa di bitcoin se il mastodontico rivenditore online inizia ad accettare bitcoin o altre criptovalute.

L’epica corsa al toro del 2017 di Bicoin è stata in gran parte ridotta alle aspettative degli investimenti istituzionali e il grande supporto bancario per bitcoin arriverà presto . Mentre il 2018 si trascinava e quell’investimento non è riuscito a comparire molti investitori e commercianti hanno preso piede, liberandosi dalle loro posizioni di bitcoin e criptovaluta. Ciò ha causato un amaro inverno criptato che ha portato molte startup bitcoin, criptovalute e blockchain a tagliare posti di lavoro o arrestarsi già. E un’ulteriore svolta in peggio potrebbe significare disastro per il fiorente settore dei bitcoin.

Broker per investire in Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Vitalik Buterin dice la sua su Wraooed Bitcoin

‘Wrapped Bitcoin’, che ha debuttato a gennaio su BitGo, ha causato confusione tra i dati di criptovaluta quando gli sviluppatori l’hanno annunciato alla fine dello scorso anno. Ora, in un ulteriore segno del limitato appeal dei numerosi casi d’uso identificati per Ethereum dal co-fondatore Vitalik Buterin, sembrerebbe che nessuno richieda assolutamente Wrapped Bitcoin.

Parlando con Business Insider il 28 febbraio nel contesto di come e perché ha fondato il più grande altcoin, Buterin ha evidenziato l’uso in espansione dei casi di utilizzo della tecnologia Blockchain come uno dei principali impulsi.

“… Ho iniziato a rendermi conto che c’erano molte cose più interessanti che potevi fare con i blockchain piuttosto che una singola valuta peer-to-peer. E questo era qualcosa che molte altre persone stavano iniziando a riconoscere nello stesso momento “ ha detto alla rivista.

Bitcoin, sosteneva, era troppo ristretto nei suoi casi d’uso in quel momento. “Solo funzionalità troppo limitate”, ha risposto quando gli è stato chiesto di esprimere le sue critiche principali sulla più grande criptovaluta. Qualcosa come una calcolatrice tascabile e uno smartphone, dove una calcolatrice tascabile fa bene una cosa, ma in realtà, le persone vogliono fare tutte queste altre cose. E se hai uno smartphone, sullo smartphone hai una calcolatrice tascabile come app.

I commenti hanno coinciso con il giorno del più recente hard fork della rete Ethereum, parte della sua roadmap a lungo termine per aumentare la propria funzionalità. ETH ha continuato a soffrire di volatilità rispetto a Bitcoin (BTC) e altri importanti rialzi nelle ultime settimane, nonostante i progressi sugli aggiornamenti ritardati. Continua anche la competizione con TRON e il suo token TRX che si consolidano costantemente sulla scia del pubblico che rimproverà i dirigenti riguardo alle presunte carenze di Ethereum.

Buterin ha suggerito che stava iniziando a fare un passo indietro rispetto allo sviluppo di Ethereum alla fine dello scorso anno. Ma è ancora attivamente coinvolto, scrivendo articoli sugli aspetti della rete in difficoltà di miglioramento. “In questo momento, la privacy di Ethereum è piuttosto carente”, ha scritto a gennaio offrendo suggerimenti prima dell’hard fork.

Cosa pensa di Bitcoin Elon Musk?

Il suo parere su Bitcoin non può passare inosservato, visto che lui, di tecnologia innovativa, se ne intende. Eccome. La scorsa settimana, l’imprenditore tecnologico e CEO di Tesla, Elon Musk, ha affermato che la struttura di Bitcoin (BTC) è “abbastanza brillante”, aggiungendo che la valuta digitale è “un modo molto migliore per trasferire il valore rispetto ai pezzi di carta”.

In particolare, forse è stato il più semplice modo per commentare su cryptocurrencies e blockchain da Musk fino ad ora. In quanto tende normalmente ad evitare l’argomento. Tuttavia, ci sono stati alcuni incontri tra il tech mogul e crypto fino ad oggi – dopo tutto, data la precedente esperienza di Musk su PayPal, non poteva rinunciare all’innovativo metodo di pagamento digitale.

Ecco come il suo rapporto con Crypto si è evoluto dal 2014, quando ha fatto i suoi primi commenti pubblici su Bitcoin.

Ottobre 2014: Elon Musk sostiene che Bitcoin sarà utilizzato principalmente per transazioni illegali.

L’8 ottobre 2014 Musk è stato intervistato da Walter Isaacson sul palco del New Establishment Summit di Vanity Fair. A un certo punto, Isaacson chiese al CEO di Tesla se pensava che Bitcoin sarebbe stato di disturbo alle valute legali, a cui rispose: “Penso che Bitcoin sia probabilmente una buona cosa. Penso che sarà principalmente un mezzo per fare transazioni illegali. Ma non è necessariamente del tutto negativo. Sai, alcune cose forse non dovrebbero essere illegali. “Musk ha poi aggiunto:” Sarà utile per le transazioni legali e illegali.

Altrimenti, non avrebbe alcun valore come uso per le transazioni illegali, perché devi avere un ponte legale-illegale. “L’imprenditore ha seguito i suoi commenti rivelando di non possedere alcun BTC al momento.

Novembre 2017: Musk chiarisce di non essere Satoshi, afferma di possedere “parte di BTC”

Il 22 novembre, Sahil Gupta, che è presumibilmente un ex tirocinante presso SpaceX, ha scritto una voce Media speculando che Musk potrebbe essere Satoshi Nakamoto, il creatore originale di Bitcoin. In particolare, Gupta ha enfatizzato il background di Musk in economia, l’esperienza nel software a livello di produzione e la storia dell’innovazione per postulare che Musk avrebbe potuto inventare Bitcoin. La teoria è stata molto presto smentita da Musk stesso, che ha twittato che il suggerimento di Gupta “non è vero”.

Il CEO di SpaceX aggiunse, tuttavia, che ora aveva “parte di BTC” che un amico gli aveva mandato qualche anno fa Dicembre 2017: Musk dice di non aver mai sentito parlare di BitcoinOn 22 dicembre, Neeraj K. Agrawal, un dipendente della cripto non profit istituti di ricerca su CoinCenter, ha preso su Twitter per chiedere a Musk se ha creato Bitcoin, al quale il magnate della tecnologia ha risposto di “non averne mai sentito parlare”, collegando un articolo satirico su The Onion intitolato “Bitcoin Plunge rivela possibili vulnerabilità in Crazy Imaginary Internet Money”.

Gennaio 2018: Musk fa riferimento a crypto hype per promuovere un lanciafiamme.

Nel gennaio 2018, quando i principali altcoin si stavano godendo i massimi di tutti i tempi dopo l’ascesa record del Bitcoin, Musk usò il conseguente criptaggio per promuovere un lanciafiamme rilasciato dalla sua società di costruzione di tunnel, The Boring Company: “Il lanciafiamme è senziente, la sua parola sicura è ‘criptovaluta’ e viene fornito con un blockchain gratuito.”

Febbraio 2018: commenti di Musk sui fake di Twitter rivelano quanto BTC stia tenendo

A febbraio dello scorso anno, il CEO di SpaceX ha affrontato una crescente tendenza su Twitter, mentre i truffatori si atteggiavano a personaggi famosi come Musk o Donald Trump e ingannano gli utenti per inviarli criptovaluta. Rispondendo a una i tweet chiedevano perché tale spamming fosse così diffuso, Musk affermava di aver già contattato l’amministratore delegato di Twitter Jack Dorsey riguardo a questo problema. “Personalmente possiedo zero criptovaluta, a parte 0,25 BTC che un amico mi ha mandato molti anni fa”, ha anche rivelato , che sembra controllare con il commento di cui sopra sulle sue partecipazioni crittografiche.

Al momento, i suoi token BTC ammontavano a circa $ 2,531. A partire da ora, quel numero sarebbe ancora più modesto, essendo fissato intorno al marco di $ 975. In modo interessante, solo pochi giorni prima del tweet di Musk, il contenitore del software di Amazon Web Service (AWS) di Tesla è stato violato dai cryptojackers. Nello specifico, i truffatori hanno accesso alle credenziali di accesso AWS di Tesla penetrando in un contenitore software Kubernetes protetto da password. Quindi, hanno usato quel contenitore per estrarre Bitcoin per una quantità di tempo sconosciuta.

L’attacco è stato ben coordinato, in quanto gli hacker hanno impostato il proprio software del pool di data mining, quindi collegato lo script dannoso a un endpoint “non in elenco” e mantenuto l’utilizzo della CPU a un livello basso per evitare di essere individuati. A partire da dicembre 2017 , un proprietario di un’auto elettrica Tesla S ha riferito che stava scavando Bitcoin con il compressore della sua auto, mettendo un impianto di perforazione nel bagagliaio.

Marzo 2018: Musk è avvistato con un libro sulle criptovalute

In marzo, una foto di Musk in possesso di un libro intitolato “Cryptocurrencies Simply Explained” è emerso online. La foto è stata scattata al South by Southwest festival, dove l’imprenditore avrebbe prelevato un oggetto dalla folla per firmare. Secondo l’autrice del libro, Julian Hosp, Musk ha conservato il libro.

Ottobre 2018: Musk scherza sulla vendita di Bitcoin, viene bandito da Twitter

Il 22 ottobre, il CEO di Tesla ha provocato alcune voci sul coinvolgimento della sua azienda con criptovalute pubblicando un tweet che diceva “vuoi comprare Bitcoin?” L’immagine allegata al post è stata presa dal sito Cryptocurrency Girls, che descrive le principali criptovalute come personaggi anime. Più tardi, Musk confermò che era un bavaglio. “Stavo solo scherzando”, ha detto durante un recente podcast ospitato dalla società di servizi di consulenza ARK Invest. “I truffatori di Bitcoin e Ethereum sono stati così dilaganti su Twitter, ho deciso di unirmi e ho detto ad un certo punto di voler comprare dei Bitcoin?” Dopo il tweet, il conto dell’imprenditore è stato brevemente sospeso “a causa di alcune regole automatiche contro la vendita di Bitcoin o qualcosa del genere, “Come ha spiegato.

Febbraio 2019: Musk dice che la struttura di Bitcoin “è abbastanza brillante” aggiungendo che “anche per Ethereum c’è” qualche merito ”

Il 19 febbraio ARK Invest ha pubblicato un podcast con Musk, che ha reso più chiara la sua posizione sulle criptovalute, e – per la prima volta dal 2014 – ha fatto alcuni seri commenti sull’argomento. All’inizio, tuttavia, quando l’intervistatore ha chiesto a Musk di andare fuori tema e parlare di criptovalute, ha iniziato a riderci sopra. “Crypto? Seriamente? “, Ha esclamato.

Tuttavia, in risposta a una domanda sul fatto che Bitcoin diventerà l’unica criptovaluta nativa di Internet, Musk ha detto:” Penso che la struttura dei Bitcoin sia stata abbastanza brillante. Sembra che ci sia un merito anche per Ethereum, e forse alcuni degli altri. “Musk ha poi sottolineato che” non sarebbe un buon uso delle risorse di Tesla essere coinvolto nella crittografia “, perché la sua azienda sta” cercando di accelerare progresso dell’energia sostenibile. “Così, ha individuato il consumo elevato di energia di Crypto come uno dei suoi svantaggi:”

Uno dei lati negativi della cripto è che, a livello computazionale, è piuttosto energivoro. Quindi ci devono essere alcuni tipi di vincoli sulla creazione di crittografia. Ma a questo punto è molto energivoro creare il Bitcoin incrementale. “Per quanto riguarda i professionisti, Musk ha notato che gli piacevano le criptovalute per la loro capacità di trasferire valore e ignorare i controlli valutari:”

Ignora i controlli valutari. Le valute cartacee stanno sparendo e la crittografia è un modo molto migliore per trasferire il valore rispetto ai pezzi di carta. Certamente.”

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY