Elezioni francesi: il cambio EURO-DOLLARO vola e scommette sulla vittoria del candidato centrista

Forex, la moneta unica europea incrementa i guadagni nei confronti del biglietto verde, riportandosi sui massimi delle ultime 3 settimane, beneficiando della lettura degli ultimi sondaggi sulle elezioni presidenziali francesi che vedono il candidato centrista Emmanuel Macron in vantaggio nei confronti di tutti gli altri candidati all’Eliseo.

Secondo gli ultimi report delle società di sondaggi più accreditate, infatti, Macron sarebbe in testa al primo turno che si terrà Domenica 23 Aprile con il 23% dei voti, mentre lo stesso leader centrista dovrebbe avere la meglio con il 65% delle preferenze, in caso di ballottaggio contro la candidata del Front National, Marin Le Pen.

Il recupero del cambio Euro-Dollaro negli ultimi giorni, inoltre, è stato favorito dagli ultimi dati macroeconomici arrivati dagli USA, che hanno mostrato una netta contrazione del numero delle nuove costruzioni, a dispetto di un aumento fatto registrare dalle nuove concessioni edilizie. La discordanza tra i due dati, rilasciata dal Dipartimento per il Commercio e l’edilizia USA, sarebbe giustificata dalle avverse condizioni meteo delle ultime settimane.

Ancora un nuovo calo, invece, per la produzione manifatturiera made in USA, relativa al mese di Marzo, mentre, come da attese, la produzione industriale nello stesso periodo ha fatto registrare un aumento. Nonostante la prima economia mondiale stia mandando dei continui segnali di rallentamento, le possibilità che la FED aumenti i tassi a Giugno rimane ancora elevata, in quanto l’occupazione continua a stazionare sui livelli più alti di sempre.

Sul fronte europeo sono stati diffusi i dati relativi all’inflazione nell’Eurozona, attestatasi nella lettura finale del mese di Marzo, all’1,5% annuo, in calo rispetto al 2% di Febbraio. In rialzo l’indice IPC di Marzo, in salita dello 0,80%.

Andamento cambio euro-dollaro sul breve-medio periodo

Al momento della scrittura il cross EUR-USD quota tra 1,0745 ed 1,0755, in rialzo di circa lo 0,35-0,45% rispetto alla chiusura della giornata precedente, e dopo aver toccato in massimo Intraday a quota 1,0777. Il balzo fatto registrare nelle ultime tre sedute di scambi ha riportato le quotazioni di questa coppia di valute sopra le medie mobili a 10-25 e 50 periodi (rispettivamente la linea di colore azzurro, la linea rossa e la linea verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto).

Dal punto di vista tecnico, tutto sembra pronto per un test dell’ importante resistenza statica ed ex supporto di medio periodo in area 1,08, ma come è ben noto, l’incognita elezioni francesi sicuramente la farà da padrona, e gli evidenti segnali rialzisti scattati recentemente, potrebbero lasciare il tempo che trovano. Tenendo fede all’analisi tecnica, comunque, è doveroso segnalare che l’eventuale rottura di area 1,08, spianerebbe la strada ad ulteriori rialzi, con target in area 1,09-1,095 in prima battuta e successivamente in area 1,10.

Al ribasso, invece, non si esclude un possibile pull-back sulle medie mobili citate in precedenza, che cadono in prossimità di area 1,067-1,068. La rottura al ribasso dei supporti appena evidenziati, supportata da notizie politiche negative, potrebbe trascinare il cross EUR-USD in area 1,06-1,055, estesa a quota 1,05.

Strategia di trading forex sul cambio euro-dollaro – validità 1-3 giorni

La strategia Long prevede l’ apertura di posizioni rialziste nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di quota 1,0777 e fissa i primi due obiettivi in area 1,0791 ed 1,0818; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,0721 in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni lunghe in caso di break-out rialzista di quota 1,0818 e suggerisce di prendere profitto in prima battuta a quota 1,0843 ed in un secondo momento a quota 1,857; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,0754 in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni al rialzo nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 1,0857 in close orario, per approfittare di eventuali allunghi in area 1,0888 ed 1,0951, estesa a quota 1,0993; stop loss con chiusura oraria minore di quota 1,0777. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,0658, per puntare a veloci rimbalzi in area 1,0602 ed 1,0653; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 1,0511 in chiusura oraria o daily.

INIZIA A FARE TRADING CON APPLICANDO LA STRATEGIA CON UNO DEI MIGLIORI BROKER CFD

INIZIA A FARE TRADING!

La strategia Short, invece, prevede l’apertura diposizioni ribassiste in caso di discesa sotto quota 1,0721 in chiusura di candela oraria e pronostica i primi due target price in area 1,071 ed 1,0685; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,0777 in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni corte nel caso in cui la pressione ribassista si estenda sotto quota 1,0685 in close orario, per cercare di ricoprirsi prima a quota 1,0679 e successivamente a quota 1,0653; stop loss in caso di recupero di quota 1,0745 in close orario.

Lecito aumentare l’esposizione Short in caso di rottura oraria del supporto a quota 1,0653, per tentare di prendere profitto in area 1,0602 ed 1,0594, estesa a quota 1,0568;stoploss con close orario maggiore di quota 1,0701. Short speculativi in caso di allungo in area 1,0993, in ottica di pull-back in area 1,0951 ed 1,0888; stop loss in caso di estensioni oltre 1,106 in chiusura oraria o daily.

LEAVE A REPLY