Prosegue l’effetto-elezioni: spread in calo e aste positive

elezioni-europee

Prosegue il positivo effetto-elezioni. Il Tesoro ha infatti avviato con soddisfazione la settimana dei collocamenti vendendo sul mercato 3 miliardi di euro di Ctz a due anni e 1 miliardo di euro di Btp indicizzati, con rendimenti in calo. Lo spread, il differenziale tra i rendimenti dei decennali italiani e gli equivalenti tedeschi, si mantiene al di sotto dei 160 punti, con rendimento del 2,95 per i Btp a 10 anni.

Ma andiamo con maggiore ordine. Come già avevamo anticipato ieri, il beneficio maggiore dal post-elezioni è stato conseguito dal Tesoro. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che poche sedute fa viaggiava verso i 200 punti, ora è sceso al di sotto della soglia dei 160 punti, mentre i rendimenti dei titoli di Stato decennali sono calati al di sotto del 3%. Una buona anteprima per quanto accaduto con le nuove emissioni: sul mercato sono infatti andati facilmente 3 miliardi di euro di Ctz a 24 mesi, per il massimo dell’importo offerto, e a fronte di domande per 4,52 miliardi di euro. Il rendimento lordo è stato dello 0,786%. Positiva anche l’emissione del miliardo di Btp a cinque anni indicizzati, con rendimento lordo dello 0,53%, in calo di 68 punti base e con una domanda pressochè doppia.

Per quanto concerne i principali dati macro, la fiducia dei consumatori in Italia è tornata ai massimi livelli dal 2010 a questa parte,. Anche in questo caso, sembra trattarsi di un buon viatico in attesa della prossima settimana, che vedrà il suo pezzo più forte nella riunione della Bce del 5 giugno: in quel giorno è sempre più probabile che l’istituto monetario continentale possa lanciare una tornata di stimoli straordinari in grado di dare il giusto (e, forse, definitivo) impulso all’economia del vecchio Continente.

Infine, sul fronte delle commodities, petrolio in rialzo di 15 centesimi a 104,5 dollari, mentre oro in calo sotto quota 1.300 dollari in Asia. Il metallo dorato, con consegna immediata, fa segnare un prezzo di 1.291,8 dollari l’oncia.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Classe 1982, laureato in economia, specializzato in marketing internazionale, collabora con alcuni dei principali network editoriali italiani. Appassionato di finanza, presta servizi di consulenza editoriale dal 2002.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here