Sei un’azienda e fai e-commerce? Ecco il segreto per aumentare le vendite

L’E-Commerce, questo è risaputo, rappresenta uno dei trend più importanti degli ultimi anni. Un toccasana soprattutto per l’export, un’ancora di salvezza per quelle imprese che non riescono a generare fatturato con la sola domanda italiana.

Essere in rete, però, non basta. Serve qualcosa in più. Che cosa? A rispondere sono stati gli esperti intervenuti al convegno “Dall’e-commerce all’e-business” svoltosi a Milano il 16 dicembre.

Il segreto per essere veramente competitivi su internet è approcciarsi al mobile. Su 100 acquisti online, 66 avvengono in mobilità – quindi da smartphone e mobile – mentre solo 34 da pc. E’ il trend del mobile, che sta rivoluzionando il modo di vedere il digitale e, ovviamente, di farci gli affari. D’altronde, il 40% degli accessi in rete avviene dal cellulare. Non deve stupire, quindi, il fatto che il fenomeno si sia allargato anche all’e-commerce.

L’ascesa del mobile rappresenta un’opportunità imprescindibile per le imprese impegnate nell’e-commerce. Il motivo di ciò è semplice: la possibilità di navigare dallo smartphone ha esteso la frequentazione della rete a momenti della giornata in cui prima, semplicemente, non ci si poteva connettere. Sicché il relax fuori casa, ma anche i tragitti in metropolitana e suoi mezzi, offrono l’occasione per navigare in internet e – potenzialmente – fare compere.

Un dato, in particolare, fa riflettere: il picco degli acquisti online avviene in estate, che è anche il periodo in cui le persone passano il maggior tempo fuori di casa.

Comprendere l’importanza del mobile è importante, ma saperla sfruttare lo è ancora di più. Il modo più efficace per farlo è utilizzare le opportunità tecnologiche della rete per rispondere alle esigenze del consumatore. Una di queste esigenza è il miglioramento della customer experience, ossia della relazione – più soggettiva e intima possibile – tra cliente e prodotto durante il percorso di acquisto.

Secondo Federica Marani, strategy & innovation directore in Dhl, “fare siti in lingua oggi non basta più, è la customer experience che i clienti vogliono. Oppure la Cina, centrale per quanto ci riguarda perché l’e-commerce arriverà prima di tutti gli operatori e i marchi”.

Questi fenomeno portano lavoro e aumentano la domanda, anche presso i fornitori. Protagonisti, come facilmente intuibile, i produttori di app. Andrea Casadei, strategy&specialist in H-Farm, a proposito ha dichiarato: “Riceviamo ogni anno mille proposte che riguardano nuove soluzioni a servizio dell’e-commerce o del retail fisico”. Casadei ha anche aperto uno spiraglio per un utilizzo di queste app a vantaggio di “mondi diversi”: “Ci sono diversi modi per traslare le applicazioni a settori lontani fra di loro”. Il riferimento è al re-targeting, pratica tipica dell’e-commerce ma che può tornare utile anche per l’advertising politico.

Si ravvisano, però, alcuni ostacoli. In certi casi, l’e-commerce è in secondo piano rispetto alla vendita fisica. Come nel caso degli accessori e della cura del corpo. Elisabetta Marangoni, media&digital director di Henkel (ha affermato: “Il consumatore italiano ga ancora piacere di andare nei punti vendita fisici e toccare i prodotti, ma in alcuni casi l’e-commerce è importantissimo e va fatto”.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here