Dollaro apre la settimana in calo

dollari

Il dollaro statunitense ha aperto la settimana in calo, penalizzato in buona parte dall’arretramento dell’indice PMI di Chicago. Un calo che non ha sorpreso gli analisti, visto e considerato che il ribasso era già in corso nella scorsa settimana, complice i dati non certo favorevoli sul piano macroeconomico (tra cui, la revisione al ribasso del Pil del primo trimestre) e l’impressione non positiva generata dall’ultimo FOMC dello scorso 18 giugno. All’epoca, infatti, nonostante la Fed abbia confermato un giudizio positivo sull’economia USA, la stessa è riuscita a evitare che si formassero troppe attese nei confronti del rialzo dei tassi di interesse di riferimento, non più così vicino come alcuni auspicavano.

L’elaborazione che precede fa sì che nel breve termine i fattori incidano negativamente sul dollaro, considerando che i differenziali di tasso / rendimento rimangono sfavorevoli, sia contro le major, sia contro le valute emergenti. Non è tuttavia detto che nel corso dei prossimi giorni l’indebolimento del dollaro possa proseguire, considerando che la pubblicazione dei dati macro in corso di calendarizzazione dovrebbe favorire il giusto supporto alle quotazioni della valuta verde (la nostra attenzione mira prevalentemente all’employment report di giovedì).

Di contro l’euro, come effetto dell’indebolimento del dollaro, si rafforza puntando a quota 1,3700 EUR / USD. La risalita è tuttavia fondamentalmente basata sulle sventure d’oltre Oceano, visto e considerato che il lieve calo dei PMI flash dell’eurozona non può certamente aver giovato alla forza della valuta unica europea. Anche in questo caso la nostra attenzione è prevalentemente incentrata su cosa accadrà giovedì con la riunione BCE: una riunione dove non saranno prese particolari decisioni, ma che potrà fornire alcune indicazioni tecniche in relazione alle misure di stimolo.

Per quanto infine concerne la sterlina, la valuta britannica tocca un nuovo massimo approfittando delle debolezze del dollaro. Attenzione in questo caso all’uscita dei dati domestici, che – qualora dovessero sorprendere in positivo – potrebbero spingere in nuovo rialzo il cambio.

Foto originali by Gabe Rosiak

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY