Dollaro, recupero da calo più ampio del previsto

dollars-forex

La settimana doveva essere piuttosto neutra per il dollaro. Tuttavia, i pochi dati macro hanno deluso, e le dichiarazioni del numero 1 della Fed, Yellen hanno permesso alla valuta verde di giungere in uno stato di deprezzamento che è sembrato essere più ampio di quello previsto. L’impressione è che il dollaro abbia risentito troppo di quanto accaduto negli scorsi giorni (e fin dalla settimana precedente) e che pertanto la contrazione delle sue quotazioni di cambio sia attribuibile non solamente ad aspetti inerenti l’analisi fondamentale, quanto anche (e forse soprattutto) delle correzioni tecniche – probabilmente esagerate. Insomma, la settimana potrebbe vivere una ultimissima parte di recupero, considerato che a nostro giudizio la flessione del dollaro è stata più vasta delle previsioni.

La giornata è sicuramente più calda per quanto concerne l’euro, visto e valutato che oggi si attende l’esito della riunione della Banca Centrale Europea. Dal meeting dell’istituzione monetaria dovrebbe uscire la conferma dei tassi invariati, e una retorica piuttosto accomodante. Il rischio concreto che potrebbe manifestarsi è tuttavia una rigidità eccessiva della valuta unica europea e la sua incapacità di perdere terreno nei confronti delle major. L’unica arma che Draghi potrebbe esercitare nel brevissimo termine – e non è escluso che lo possa fare – è quella di comunicare in maniera esplicita che il monitoraggio sul cambio euro / dollaro (e non solo) rimarrà molto elevato. Arma ulteriore, ma ampiamente meno probabile, è il taglio a sorpresa del tasso ufficiale sui rifinanziamenti: uno strumento che, probabilmente, Draghi vuole conservarsi per scenari perfino più bui.

Oggi è altresì giornata di riunioni in casa della Bank of England: anche in questo caso non ci attendiamo novità, scommettendo quindi su tassi di interesse fermi e su PAF invariato. La sterlina è quindi in lizza per seguire i movimenti dell’euro, ma nei confronti della valuta unica potrebbe rafforzarsi. Non possiamo quindi che attendere gli esiti delle due riunioni per saperne di più: le sorprese non dovrebbero far capolino questo pomeriggio, ma considerata l’aleatorietà dei contesti in cui stiamo vivendo… mai dire mai!

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY