Dollaro recupera terreno sullo Yen risalendo sopra quota 105

Il cross Dollaro-YEN si appresta a mettere a segno il quinto rialzo giornaliero consecutivo, allontanandosi ulteriormente dall’importante supporto tecnico individuato in area 104.

Mentre scriviamo, infatti, il rapporto di cambio tra la divisa statunitense e la valuta nipponica si trova in area .

Lo Yen nelle ultime sedute ha beneficiato dell’ottima lettura del PIL giapponese relativa al quarto trimestre del 2020. Il Prodotto Interno Lordo nipponico, nel corso dell’ultimo quarto dello scorso anno, è balzato del 12,7% rispetto al saldo dei tre mesi precedenti. La suddetta stima ha battuto le attese degli analisti, pur rallentando rispetto al 22,7% registrato nel terzo trimestre. La frenata è stata causata dai nuovi lockdown delle attività in alcune zone del Paese per contenere nuovi focolai da Covid-19. Il Prodotto Interno Lordo nipponico nell’intero 2020 ha subito una contrazione del 4,8%, facendo registrare un crollo peggiore di quello causato dalla crisi finanziaria 2008-2009.

Che il peggio non sia stato ancora definitivamente lasciato alle spalle è stato anche testimoniato dal tonfo della produzione industriale giapponese del mese di Dicembre, la cui lettura finale ha evidenziato un calo dell’1%. La suddetta stima ha mostrato un deterioramento rispetto al -0,5% di Novembre, ma un miglioramento rispetto al -1,6% della prima comunicazione.

La produzione industriale di Dicembre, sempre in via definitiva, ha evidenziato una contrazione del 2,6% su base annua, in miglioramento rispetto al -3,2% della stima flash ed al -3,9% di Novembre.

Il Dollaro, dal suo canto, a fatica riesce a staccarsi dai minimi plurimensili rispetto alle altre principali valute, tra cui lo Yen, poiché la scorsa settimana dagli USA sono arrivati dati poco confortanti sulla riprese dell’economia a stelle e strisce. Il sentiment di brevissimo, sotto l’aspetto macro, si è guastato con la debole lettura delle attese dei consumatori, in flessione a Febbraio, secondo i dati elaborati dagli esperti dell’Università del Michigan.

Anche i dati relativi all’occupazione, attesi a metà settimana, preannunciano un nuovo stop, con il numero dei richiedenti sussidio in aumento.

Si è invece rivelato migliore delle attese l’indicatore relativo alla fiducia manifatturiera nello stato di New York, che sempre nel mese in corso si è assestato a 12,1 punti, in aumento rispetto ai 3,5 punti di Gennaio. Le stime del consensus indicavano un valore pari a punti. Buone notizie per chi fa forex trading su questo cambio valuta.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading forex è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker etoro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento Cross USD-JPY sul Breve-Medio Periodo

Grafico Dollaro Yen - 17 Febbraio 2021

Il cambio Dollaro-Yen in questo momento sta disegnando una figura di doppio massimo di brevissimo, con le quotazioni alle prese con la forte resistenza individuata in area 105,8-106, che in precedenza aveva ricacciato la coppia verso il basso.

L’eventuale break-out dell’ostacolo appena segnalato, se confermato anche nelle sedute successive, potrebbe favorire un primo approdo verso area 107,50-108 ed un ulteriore allungo verso quota 109.

Al ribasso invece, il primo supporto di brevissimo si colloca sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto(, che passa in area 105,05.

Nulla di compromesso, comunque, finché le quotazioni si manterranno al di sopra della medie mobili a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico(, che nell’ordine si collocano a quota 104,60 e 104,35.

Persa EMA 50, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, possibili ulteriori scivoloni verso area 103-102.

Per appofondimenti: Come investire sull’indice Nikkei.

Modello di trading sul cambio Dollaro-Yen valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 105,86 in close oraria e fissa i primi due obiettivi in area 106,26 e 106,51; stop loss in caso di ritorno sotto quota 105,45 in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 106,51 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 106,92 e successivamente a quota 107,33; stop loss in caso di ritorno sotto quota 105,86 in close oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 107,33 per approfittare di possibili allunghi in area 107,74 e 108,40 estesi a quota 109,07; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 106,51 in chiusura oraria.

Consigliata l’apertura di Long sulla debolezza in caso di affondo in area 103,10 per sfruttare eventuali rimbalzi prima a quota 103,75 e in un secondo momento verso area 104,15, estesi a quota 104,80; stop loss in caso di discesa sotto quota 102,45 in close giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 105,45 e prevede i primi due target price in area 105,20 e 104,80; stop loss in caso di close oraria sopra quota 105,86.

Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 104,80 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 104,40 e successivamente a quota 104,15; stop loss in caso di recupero sopra quota 105,45 in chiusura oraria.

Analisi tecnica Dollaro Yen - 17 Febbraio 2021

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 104,15, per cercare di ricoprirsi in area 103,75 e 103,51, estesa a quota 103,10; stop loss in caso di ritorno sopra quota 104,80 in close oraria.

Suggerita l’apertura di Short speculativi in caso di approdo in area 109,07, per approfittare di eventuali storni in prima battuta verso quota 108,40 e successivamente in area 107,74, estesi a quota 106,92; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 109,75 in chiusura di candela daily.