Dogecoin torna a salire dopo parole di Elon Musk

Dogecoin torna ad abbaiare dopo le parole di Elon Musk, Ceo di Tesla che ci ha ormai abituati a fare il bello e il cattivo tempo sulle criptovalute. Ma anche Bitcoin ed altre cryptocurrency sono tornate a ruggire.

Infatti, il prezzo del bitcoin è aumentato di quasi il 10% nell’ultima settimana. Complice una diretta streaming tra Musk e Jack Dorsey di Twitter. Nell’occasione, Elon Musk ha parlato di nuovo molto bene del Dogecoin, che non a caso ha sfiorato i 20 centesimi.

Il Ceo di SpaceX, ha infatti affermato che il memecoin non è un bene speculativo ma piuttosto “vero e proprio denaro”.

Elon Musk, che come noto ama molto esprimere i suoi pensieri su Twitter, ha pubblicato un meme con la scritta: “Sto cercando di dirti che il dogecoin è denaro”.

Ai più attenti cinefili non sarà sfuggito il fatto che si tratti di una famosa citazione del film Matrix, parafrasando chiedendosi se dogecoin potrebbe far guadagnare a qualcuno “un sacco di soldi”.

Se volete investire sulle criptovalute, la soluzione più conveniente è quella dei contratti CFD. Con i broker regolamentati si può, infatti, negoziare sull'andamento del prezzo. Il broker OBRinvest (trovi qui il sito ufficiale) permette di fare trading sulle principali critptovalute con commissioni molto basse.

Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Elon Musk torna a sostenere Dogecoin

Il tweet di Musk ha lanciato, seppur per poco tempo, il prezzo del dogecoin a oltre 20 centesimi per token doge sul popolare exchange di criptovalute statunitense Coinbase. Che tra l’altro ha aggiunto dogecoin solo il mese scorso. Sebbene poi sia ritracciato e tornato sui livelli piatti precedenti

Ricordiamoci poi come, dopo essere salito a oltre 70 centesimi a maggio, cavalcando un rally alimentato da Musk e influencer, il prezzo del dogecoin è crollato di quasi il 75%.

Tuttavia, lo scorso anno il dogecoin è cresciuto di un incredibile 6.000% in questo periodo a causa degli speculatori che si sono accumulati nella criptovaluta basata sul cane Shiba Inu.

Questa settimana, parlando durante l’evento ₿ Word del Crypto Council for Innovation, Musk ha elaborato idee che erano state precedentemente lanciate per aggiornare dogecoin tramite ethereum a “tassi di transazione massimi e costi di transazione inferiori”.

“Potrebbe esserci qualche merito nel combinare qualcosa come ethereum e dogecoin”, ha detto Musk, rivelando di possedere alcuni token ethereum oltre al suo bitcoin e dogecoin.

Il prezzo del Dogecoin è diminuito nell’ultimo mese, trovando un pavimento questa settimana grazie al supporto di Coinbase.
“Bitcoin da solo semplicemente non può scalare per diventare il sistema monetario per il mondo al livello di base”, ha detto Musk, sostenendo che il bitcoin “lotterà per diventare denaro peer-to-peer” senza l’adozione di una rete di secondo livello.

“C’è del merito nel considerare qualcosa che ha un tasso di transazione massimo più elevato e un costo di transazione inferiore e vedere fino a che punto è possibile portare una rete a livello singolo con gli scambi che agiscono come un secondo livello di fatto”, ha detto Musk.

Che poi ha aggiunto: “Penso che potresti andare oltre quanto le persone si rendono conto e con l’aumento della larghezza di banda nel tempo, la latenza diminuisce.”

Sostenitore di lunga data del dogecoin, Musk quest’anno ha abbracciato pienamente la criptovaluta nata per gioco, creata nel 2013 come uno “scherzo”. Lanciando richieste di aggiornamenti e promettendo che la sua compagnia missilistica SpaceX metterà un “dogecoin letterale sulla luna letterale. “

Durante la chat online di questa settimana tra Musk, Jack Dorsey di Twitter e Cathie Wood di Ark Invest, è stato anche rivelato che SpaceX si è unita a Tesla nel detenere bitcoin, anche se Musk non ha detto quanto. Tutta acqua al mulino di Bitcoin.

Le banche centrali di 81 paesi stanno studiando il lancio di una criptovaluta statale

Ben ottantuno paesi nel Mondo stanno studiando l’eventuale lancio di valute digitali della banca centrale (CBDC). Parliamo di oltre 46 paesi in più rispetto a quanti ne erano nel maggio dello scorso anno. Inoltre, rispetto ad un anno fa, 5 paesi hanno già concretamente lanciato le proprie valute digitali “statali”.

A dare questi dati è il Geoeconomics Center dell’Atlantic Council. Esso si è descritto sul proprio sito web ufficiale come “un’organizzazione apartitica che galvanizza la leadership e l’impegno degli Stati Uniti nel mondo, in collaborazione con alleati e partner, per plasmare soluzioni alle sfide globali”.

I dati diramati dal centro sono anche utilizzati dalla Federal Reserve statunitense e dalla Bank of International Settlements (BIS), come sostiene il centro stesso.

Il centro ha anche ammesso che “dei paesi con le 4 maggiori banche centrali (la Federal Reserve degli Stati Uniti, la Banca centrale europea, la Bank of Japan e la Bank of England), gli Stati Uniti sono quelli più indietro” nel lancio di una criptovaluta centralizzata.

Guardando in casa Usa, se è vero che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell, abbia da un lato dichiarato a febbraio che il dollaro digitale è una “priorità molto alta” per la Fed, dall’altro ha pure sottolineato la necessità di dover fare tutto bene. Anche per poter concorrere bene con il nemico numero uno attuale: la Cina.

Che Trump ha contrastato duramente e Biden sembra voler proseguire sulla sua scia.

Powell di recente ha anche ammesso che non si avrebbe “bisogno di stablecoin e criptovalute se avessi una valuta digitale statunitense. Penso che questo sia uno degli argomenti più forti a suo favore”. Il che dà ulteriore idea di come gli Usa ritengano pure loro indispensabile creare un dollaro centralizzato.

Nel frattempo, “5 paesi hanno ora lanciato completamente una valuta digitale”, ha aggiunto il Centro di geoeconomia. Si tratta di:

  • Bahamas
  • Saint Kitts e Nevis
  • Antigua e Barbuda
  • Saint Lucia e Grenada


Aggiungendo poi che “altri 14 paesi, comprese le principali economie come la Svezia e la Corea del Sud, sono ora nella fase pilota con i loro CBDC e stanno preparando un possibile lancio completo”.

Josh Lipsky, direttore del Centro di geoeconomia ed ex consulente senior presso il Fondo monetario internazionale (FMI), ha sottolineato quanto il Covid-19 sia stato importante per accelerare il lancio di valute digitali centralizzate.

“Prima del Covid, le valute digitali della banca centrale erano in gran parte un esercizio teorico. Ma con la necessità di distribuire stimoli monetari e fiscali senza precedenti in tutto il mondo, combinata con l’aumento delle criptovalute, le banche centrali hanno capito rapidamente che non possono lasciarsi sfuggire l’evoluzione del denaro”.

Un passo del genere era inevitabile e più si andrà avanti, più le banche centrali dovranno prevedere valute digitali centralizzate, perché le criptovalute sono una realtà ineludibile anche per loro.

Anche gli Usa, inizialmente scettici, non potranno farne a meno. Anche perché il dollaro rischia di perdere la sua influenza sulle economie mondiali. Anzi, lo scopo di alcuni paesi è proprio quello di utilizzare le criptovalute per sganciarsi dal dollaro americano.

Dogecoin in rialzo : Conclusioni

Ovviamente continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulla questione Dogecoin.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche di copiare dai migliori investitori.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.