Disoccupazione: torna a salire in Italia il tasso dei senza lavoro

I nuovi dati Istat aggiornati al mese di novembre dell’anno appena passato, hanno evidenziato la crescita del tasso di disoccupazione che ha raggiunto l’11,9%, con 0,2 punti in più su base mensile.

L’aumento del numero di italiani che si sono messi attivamente a ricercare un posto di lavoro, ha incrementato il tasso dei senza lavoro, facendo raggiungere la quota più alta da giugno 2015.

Ad ottobre 2016, l’Istat aveva registrato un calo dello 0,6% (grazie anche al numero degli inattivi), tuttavia l’impennata del mese di novembre ha toccato il + 1,9% pari a circa 57 mila persone in più senza occupazione e distribuite in varie fasce di età.

Sommario

Lavoratori ultracinquantenni

La fascia dei lavoratori ultracinquantenni ha raggiunto i risultati più positivi, gli occupati nel mese di novembre hanno registrato un aumento dello 0,1% ovvero +19 mila persone.

È soprattutto l’occupazione femminile a fare da traino, migliorano inoltre i rapporti di lavoro sono aumentati infatti i dipendenti permanenti e gli indipendenti, in calo i lavoratori con contratto a termine.

Analizzando il trimestre settembre-novembre, il mercato del lavoro risulta essere più stazionario dopo la spinta dovuta agli sgravi fiscali, anche se paragonato al trimestre precedente si evidenzia un leggero calo degli occupati con -0,1% (21 mila unità in meno), soprattutto tra gli uomini e le persone tra i 15 ed i 49 anni, per quanto riguarda il lavoro dipendente.

Diminuiscono gli inattivi

Rispetto al mese di ottobre, è diminuito il tasso degli inattivi (coloro i quali avevano smesso di cercare lavoro) dello 0,7% pari a 93 mila persone disoccupate, sia tra uomini che donne e senza distinzioni di classi di età. Scende dunque il tasso di inattività al 34,8% (-0,2%).

La fascia di età 15-24 anni è quella maggiormente colpita dalla disoccupazione, sale infatti al 39,4% (+1,8%) rispetto al mese di ottobre e raggiunge il livello più alto dallo stesso mese del 2015.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY