Disoccupazione giovanile, ai minimi dal 2012 ma crescono gli inattivi

Dai dati sull’occupazione italiana pubblicati dall’Istat nella giornata di ieri, è emerso che nel mese di ottobre la percentuale dei disoccupati è scesa all’11,6% rispetto all’11,7% del mese di settembre, tuttavia la flessione è dovuta alla crescita degli inattivi, ovvero i cittadini che hanno smesso di cercare il lavoro. Sono aumentati di 82mila unità (+0,6%) gli inattivi, bilanciando la diminuzione degli occupati -0,1% rispetto a settembre. La riduzione dei disoccupati abbraccia la manodopera femminile, mentre è in leggera crescita quella maschile.

disoccupazione

Mercato del lavoro più debole

L’Istituto di Statistica ha messo in luce un mercato del lavoro più debole rispetto al mese di settembre, anche se su base annua il numero degli occupati rimane in positivo (+0,8% rispetto al 2015). Nel confronto tra i trimestri gli italiani al lavoro hanno subito una lieve calo passando da 34 mila unità a 30 mila, soprattutto tra i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. Con la fine degli incentivi statali, il mercato del lavoro non ha più creato nuovi impieghi ed il tasso di disoccupazione torna a salire al 57,2%.

Ricrescono gli inattivi

A settembre gli inattivi erano scesi allo 0,8% ma ad ottobre sono tornati a salire dello 0,6%, per un totale di 82mila unità uscite dal mercato del lavoro, sono quindi 13,6 milioni di italiani sia uomini che donne under 49 che non sono più in cerca di un impiego, segnale nettamente negativo soprattutto se paragonato con il resto dell’Europa in cui il mondo del lavoro rimane positivo (9,8% il dato più basso dal 2009).

Aumenta l’occupazione giovanile

Il quadro lavorativo non proprio dalle tonalità rosee, ha però un dato positivo: la disoccupazione giovanile è ai minimi dal 2012. È diminuita la disoccupazione del 2,5% nella fascia tra i 15 e i 24 anni, ma anche gli occupati con -0,7%. La fascia tra i 25 e i 34 anni nel confronto anno su anno ha un tasso di occupazione diminuito dello 0,6%.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY