Disoccupazione in Crescita al 12,7%

Torna a crescere, nel mese di febbraio, il tasso di disoccupazione italiano. Stando a quanto certificato dall’Istat, infatti, il tasso è salito di 0,1 punti percentuali rispetto a gennaio, andando a toccare quota 12,7% e, dunque, divenendo meno lontano dal picco negativo riscontrato a novembre 2014, quando la disoccupazione raggiunse il 13,2%. I dati di disoccupazione sono tuttavia meno sintetici di quanto precede e, pertanto, meritano un discreto approfondimento.

In tale ambito, l’Istat ricorda come nel corso del secondo mese dell’anno sia stata registrata una riduzione del numero di occupati pari a 44 mila unità, in grado di interrompere una breve striscia positiva che aveva riguardato il mese di dicembre 2014 e il mese di gennaio 2015. La contrazione riguarda inoltre quasi esclusivamente le donne, che hanno “ceduto” 42 mila posti, contro i 2 mila posti persi dagli uomini. Ancora più nel dettaglio, a dimostrare una situazione di difficoltà sono stati soprattutto i giovani, in cui il tasso di disoccupazione è salito al 42,6%, contro il 41,3% di dicembre 2014 e contro il 41,2% di gennaio 2015.

Insomma, la fotografia scattata dall’Istat mostra un Paese in sensibile affanno. Tant’è vero che l’Istituto ricorda altresì come a febbraio si siano registrati 23 mila disoccupati in più, e come il livello sia ora pari a 3 milioni e 240 mila senza lavoro, con un aumento delle persone che non hanno un impiego pari al 2,1% su base annua, + 67 mila persone. E a poco, o quasi, serve consultare con discreta leggerezza il dato dell’occupazione, che sempre a febbraio è cresciuta di 0,4 punti percentuali (+ 93 mila unità).

Negli ultimi mesi la situazione si è comunque appiattita. L’Istat – che ha iniziato a pubblicare le medie mobili mensili, al fine di fornire un andamento che attenui la variabilità del singolo mese – segnala come il perimetro occupazionale non si sia praticamente mosso, con un effetto – si legge nella nota Nomisma – “praticamente nullo sul numero degli occupati netti”.

Estendendo il panorama di raffronto, l’Italia sembra andare in controtendenza rispetto all’Unione Europea. Nella sola area euro, ad esempio, a febbraio il tasso di disoccupazione è sceso all’11,3%, contro l’11,4% di gennaio e all’11,8% di febbraio 2014, contro una salita nel territorio tricolore. I migliori Paesi per tasso di disoccupazione si confermano la Germania (4,8%) e l’Austria (5,3%), mentre i peggiori – gli unici che si posizionano dietro l’Italia – sono Croazia e, soprattutto, Spagna (23,2%) e Grecia (26%).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY