Disoccupazione 2015 le domande in calo

Domande disoccupazione 2015 in calo

Le domande disoccupazione in calo nel 2015 del 15,9 per cento. Risale nel frattempo la cassa integrazione a gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno. È quanto comunicato dall’Inps. A seguire tutti i dati.

Sussidio Disoccupazione a Gennaio 2016

L’istituto di previdenza rende noto che le domande disoccupazione nel 2015 complessivamente sono state pari a 2.056.683, registrando una flessione del 15,9 per cento rispetto al precedente anno (2.444.465 unità).

Da segnalare che l’Inps mette in risalto come dallo scorso 1° maggio 2015 è entrata in vigore la nuova Naspi che ha preso il posto della Aspi e della Mini Aspi.

Cassa integrazione gennaio 2016

Ritorna a salire la cassa integrazione nel mese di gennaio 2016, a seguito dell’aumento delle ore di cassa straordinaria autorizzate, pari a 56,9 milioni, in crescita del 12,8 per cento rispetto all’analogo periodo dello scorso anno, quando furono pari a 50,5 milioni. Da segnalare che a confronto con il mese di dicembre 2015, nel gennaio di quest’anno l’aumento risulta di ben il 33,9 per cento.

Per quanto riguarda le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate sempre nel mese di gennaio 2016, sono state pari a 2,9 milioni. Un dato che a confronto con gennaio 2015, risulta in calo dell’80,7 per cento a quota 14,9 milioni. Nel dettaglio, il calo tendenziale è stato pari al -77,6 per cento nel comparto Industria e al -88,8 per cento in quello Edile.

Con riferimento al numero di ore di cassa integrazione straordinaria, è cresciuto a 47,6 milioni, con un rialzo del 69,6 per cento rispetto all’analogo periodo del 2015, quando furono autorizzate 28,1 milioni di ore. Nel mese di gennaio 2016, rispetto al precedente mese di dicembre, si registra una variazione congiunturale positiva del 70,4 per cento.

Infine per quanto concerne gli interventi in deroga, sono risultati pari a 6,4 milioni di ore autorizzate nel mese di gennaio 2016, in calo del 13,9 per cento su gennaio 2015 (7,5 milioni di ore).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY