Dipendenza da trading online: cos’è, come accorgersi e combatterla

Cos’è la dipendenza da trading online? Il trading nei mercati finanziari è stimolante, eccitante e avvincente. E sta attirando sempre più persone, speranzose che gli possa risolvere l’esistenza. Farle arricchire.

Del resto, la diffusione dei dispositivi mobili ha alimentato l’approdo al trading online tramite smartphone o tablet. Applicazioni sempre pià semplici ed accattivanti, hanno reso il trading online alla portata di tutti. Ma creando però due effetti negativi.

Il primo, è che sono aumentate le truffe: tante sono le piattaforme che cercano di far adescare persone attirandole con l’inganno. Facendo credere loro che guadagneranno subito, facilmente e senza necessità di formarsi. Grazie a software gratuiti automatici. Che in realtà sono solo una truffa. E presto si accorgeranno non solo di non aver guadagnato niente, ma anche di non poter recuperare i soldi caricati sul conto.

Il secondo effetto contorto riguarda il rischio dipendenza. Proprio come accade nel gioco d’azzardo del casinò o per le droghe. Come ogni grave dipendenza, la dipendenza da trading può costarti il tuo lavoro, i tuoi rapporti e, naturalmente, le tue risorse finanziarie.

In questo articolo parleremo di ciò che causa la dipendenza da trading, i sintomi e come uscire dalla spirale discendente. Il problema si concentra sul cervello e sulla comprensione del modo in cui i suoi sistemi di ricompensa possono letteralmente addestrare a commerciare compulsivamente e pericolosamente.

Dunque vediamo cos’è la dipendenza da trading online e come uscirne.

Dipendenza da trading online, motivi

Cosa crea dipendenza da trading online? Il fatto che, almeno teoricamente, puoi guadagnare un sacco di soldi dal trading. E puoi farlo più o meno da solo ogni volta che vuoi, senza un capo o essere incorporato in una società. Ci sono molti modi per fare soldi con il trading, indipendentemente dal fatto che i mercati salgano, cadano o ristagnino. Inoltre, puoi farlo velocemente, grazie alla leva finanziaria.

In teoria (purtroppo, molto più che nella pratica), potresti diventare finanziariamente indipendente, che è un sogno che tenta molti. Ma questo sogno fatto di belle donne, macchine veloci e lusso è statisticamente probabile che rimanga tale. Le statistiche mostrano che il 90% dei trader perda in modo consistente.

Il problema fondamentale è che si tratta di un business rischioso e speculativo, e il leveraging va verso il basso altrettanto velocemente e tanto più in alto. Insomma, rischi di perdere letteralmente la camicia e molto altro ancora.

Dipendenza da trading online cos’è

Cos’è la dipendenza da trading online? Tutto ciò può portare alla dipendenza, e alcuni modelli comportamentali possono facilmente indurre un disastro che si autoalimenta. Primo, se le cose vanno bene, le persone pensano di sapere cosa stanno facendo e scommettono di più nei loro sforzi per fare fortuna, ritirarsi e trasferirsi in spiaggia.

Tuttavia, se questi successi iniziali fossero solo la fortuna dei principianti, il che è comune, presto si trasformeranno in perdite pesanti. La trappola psicologica successiva è quella di cercare di riconquistare le perdite, che tende a comportare progressivamente rischi pericolosi e sfortunati e un viaggio nella fossa della disperazione.

Questo scenario a volte è solo un disastroso tentativo di recuperare le perdite, piuttosto che una vera dipendenza, ma spesso si verifica per ragioni sia mentali che fisiche. Il trading può darti un calcio e una corsa e cancellare la realtà, proprio come le droghe illecite.

Se c’è un’innata tendenza psicologica alla compulsione e alla dipendenza, le emozioni inizialmente innocue (a buon mercato) possono trasformarsi in un desiderio ossessivo di ripetere e prolungare il piacere. Tuttavia, proprio come gli eroinomani passano la maggior parte delle loro carriere di drogati a inseguire senza successo dopo l’incredibile massimo della prima volta, così è anche per i tossicodipendenti. Una piccola parte del cervello, chiamata nucleo accumbens, è responsabile della valutazione e della reazione alle nostre esperienze È il “centro del piacere” che risponde a tutti i tipi di cose, tra cui buon cibo, cioccolato, alcol, sesso e, naturalmente, il trading finanziario elettrizzante.

Il cervello produce in realtà una sostanza simile all’oppio chiamata dopamina che ricompensa i centri del piacere del cervello. La dopamina rinforza un tipo di processo di allenamento dal tuo cervello. Ti viene premiato per determinate attività, quindi impari a farlo con passione. È quindi difficile riqualificarsi e andare al contrario, anche se la tua vita e la tua solvenza finanziaria dipendono da ciò.

Il trading implica investire soldi per ottenerne di più. Sebbene la maggior parte dei trader al dettaglio (indipendente) e professionale non abbia problemi, alcuni individui sviluppano una sostanziale compromissione legata ai loro comportamenti commerciali. La caratteristica essenziale del trading patologico è un comportamento disadattivo legato al trading, persistente o ricorrente; che sconvolge la famiglia, le attività personali e / o professionali, le relazioni con gli amici.

Il trading patologico porta ad una progressiva perdita di controllo sui sintomi di negoziazione, tolleranza e sospensione simili ai sintomi presenti nei disturbi da uso di sostanze.

Dipendenti da trading online chi sono

Una caratteristica comune nei dipendenti da trading è che riportano una serie di piccole vittorie iniziali seguite da investimenti più grandi e più rischiosi. L’attività di trading compulsivo porta il soggetto ad ampliare gradualmente il tempo trascorso in borsa, mantenendosi concentrato per gran parte della giornata sui mercati finanziari (ad esempio, controllando continuamente le sue posizioni).

Il trading diventa l’attività principale della vita quotidiana e l’investitore che usa il trading compulsivamente non possiede una padronanza razionale del comportamento che adotta, ma si sente indirettamente spinto a investire e continua a farlo, e soprattutto, in caso di perdite finanziarie, nel illusione di poter ripristinare il controllo e recuperare le perdite (“inseguendo” le proprie perdite).

In particolare, durante l’alta volatilità del mercato, un modo tipico per rincorrere le perdite è la media verso il basso o l’acquisto di un titolo che è diminuito nel prezzo e anche l’investimento in strumenti finanziari nuovi e più rischiosi con una quantità crescente di denaro. A differenza del gioco d’azzardo patologico, l’approccio all’investimento in valore non è necessariamente irrazionale, ma cerca di recuperare compulsivamente le perdite attraverso strumenti finanziari più rischiosi (ad esempio, leva prodotti, warrant, derivati) e trading con importi crescenti.

Il denaro è un segno di ricerca di sensazioni, assunzione di rischi e tolleranza. Ciò può portare ad un senso di onnipotenza che rafforza una sensazione di eccitazione di cui il commerciante dipendente non può più fare a meno e implica una sistematica sottovalutazione delle perdite e dei rischi.

In particolare, alcuni trader iniziano a fantasticare sull’essere un grande investitore e dicono cose come “Ho sviluppato un sistema di analisi delle scorte migliore di Warren Buffett” o anche “Soros è stato solo fortunato, mentre io sono superiore, ma oggi il mercato è manipolato”, ecc.

Chiaramente, questi pensieri rappresentano un modo per giustificare perdita di profitti e perdite economiche che insieme alla memoria selettiva per i profitti e l’ingrandimento di essere un grande investitore rappresentano una caratteristica fondamentale del trading patologico.

Inoltre, il narcisismo e il senso di infallibilità dei trader patologici sono ulteriormente rafforzati dalla lettura continua di letteratura finanziaria e forum online per i trader, nella continua ricerca di possibili informazioni per progettare il prossimo investimento. Anche se questa è una pratica più comune tra i trader non professionisti, potrebbe essere un buon indicatore di costrizione dietro questo “disordine” anche tra gli operatori professionali, specialmente se fatto al di fuori dell’orario di lavoro.

In genere, ogni professionista inizia a comprare libri specifici sull’argomento, legge regolarmente la letteratura finanziaria e naviga anche sui numerosi forum online per i trader sulla rete. Attraverso la lettura della stampa economica, i trader dipendenti si convincono a diventare sempre più esperti nel tempo, portandoli a credere che le loro previsioni siano infallibili, con conseguente aumento del senso di onnipotenza.

Come accorgersi della dipendenza da trading online

Come accorgersi della dipendenza da trading online? Fortunatamente, alcuni sintomi rivelatori dovrebbero avvisare voi o la vostra famiglia o gli amici di un problema e di un pericolo molto reali.

Se spendi troppo del tuo tempo libero, trascurando così la famiglia, gli amici e il lavoro a tempo pieno, devi preoccuparti. Allo stesso modo, se non solo la tua vita sembra ruotare intorno al trading, ma stai mettendo sempre più denaro nel processo, il disastro potrebbe essere dietro l’angolo.

I segnali di frustrazione generale, aggressività e tentativi di sopprimere altri problemi personali sono altri segni. Nei casi peggiori, anche l’incolumità personale e la salute fisica sono da prendere in considerazione. E se stai prendendo in prestito denaro da amici o usando una carta di credito per pagare un altro prestito, è un segno sicuro che hai un problema.

Dipendenza da trading online, i segnali principali

Quali sono i segnali principali che siamo diventati dipendenti da trading online?

Credere che il trading online sia un gioco d’azzardo

Avere un obiettivo di investimento miope per guadagnare denaro significa investire denaro, ma l’ammontare o la velocità con cui lo farai influenzerà le tue decisioni di investimento. Per le persone che sono dipendenti dal trading, la necessità di fare soldi diventa la loro unica motivazione di guida. E a causa di questa visione miope, spesso commettono errori di trading rischiosi e costosi. Invece di avere un solido piano di investimenti a lungo termine, le persone dedite al trading fanno grandi scommesse e in sostanza si trasformano in giocatori d’azzardo.

Senso di inappagamento

A tutti piace fare sempre più soldi, è un fatto naturale. Ma per alcune persone, in particolare per gli addetti ai mercati azionari, non è solo un fatto naturale, è una autentica scarica di adrenalina. E proprio come la maggior parte dei drogati di adrenalina, una volta non sarà abbastanza. Una persona con una dipendenza da trading farà scommesse sempre più grandi per ottenerne sempre di più.

Spendere troppe ore di trading

Il trading online ha reso facile ed economico il trader, ma rende anche semplice diventare dipendenti da esso. Dopotutto, può essere molto allettante alzarsi dal letto, attraversare la stanza e guadagnare centinaia di dollari in pochi minuti. Ma può anche essere avvincente e consumante. Qualcuno che trascorre 12 o più ore davanti allo schermo probabilmente ha un problema. Probabilmente diventerà una dipendenza che finirà per costare molto più di cento dollari. L’ideale sarebbero massimo 8 ore, ma ripartite tra mattino, pomeriggio e sera. Come un normale orario di lavoro. O, se già si possiede un lavoro, al massimo 4 ore, come fosse un part-time.

Ossessione da trading ovunque ci si trovi

Va bene essere un appassionato osservatore del mercato, ma quando diventa l’unico obiettivo della tua vita, è probabile che si stia formando una dipendenza. La maggior parte delle persone che sono dipendenti dal trading seguiranno costantemente i propri investimenti per paura di perdere.

La tecnologia rende facile passare 24 ore su 24, 7 alimentando l’ossessione di un investitore. Se ti trovi costantemente a controllare i tuoi investimenti o ti lasci prendere dal panico quando sei lontano da un dispositivo digitale per troppo tempo, potrebbe essere un segno che stai diventando dipendente e che dovresti cercare aiuto.

E’ un po’ quello che accade coi Social. Quante ore possiamo stare senza controllare le notifiche di Facebook o WhatsApp?

Rovinare le relazioni sociali

Un ultimo segnale che fa da spia della dipendenza da trading è il fatto di rovinare continuamente le relazioni sociali. Se qualcuno sta spendendo il suo intero giorno a negoziare o a pensare al trading, sarà difficile mantenere le relazioni. Spesso, il trading costante porta alla negligenza, alla frustrazione e alla fine delle relazioni. Un modo sicuro per individuare una dipendenza è quando la persona sta vedendo implodere le relazioni intorno a lui. Se la nostra compagna o il nostro compagno si allontanano, se gli amici cominciano a non farsi più sentire, se litighiamo continuamente con i nostri familiari, allora vuol dire che stiamo sacrificando le relazioni con i nostri cari sull’altare del trading.

Dipendenza da trading online danni alla salute

La dipendenza da trading online comporta anche danni alla salute. Sicuramente il trading patologico porta ad una sostanziale perdita di denaro che a sua volta determina la domanda di prestiti alle istituzioni finanziarie, alla famiglia o agli amici. Spesso trader patologici mentono ai loro parenti o amici per prendere in prestito denaro o addirittura vantarsi di essere eccellenti investitori in grado di guadagnare ingenti somme di denaro.

Purtroppo, quando i debiti diventano insostenibili e questo causa anche problemi familiari e legali (ad es. divorzio, frode, perdita del lavoro), gli operatori patologici possono presentare pensieri suicidi e molti di fatto si suicidano. A parte i problemi finanziari o sociali, il trading patologico ha un impatto diretto sulla salute del soggetto. In effetti, la continua preoccupazione per il trading porta il trader a seguire costantemente i mercati.

Diversi trader segnalano l’insonnia tra i loro principali disturbi, in quanto ossessionati dal seguire i mercati esteri la notte. Molti riferiscono di utilizzare sostanze come psicostimolanti. Questo a sua volta può portare a disturbi mentali e ad alcuni trader sprofondano in depressione, ansia o noia.

Una particolare forma di trading patologico è il trading online. In questo caso, oltre ad essere presenti tutte le caratteristiche del trading patologico, ci sono più fattori pericolosi. Gli schermi dei siti di intermediazione online sono simili a quelli dei videogiochi e facendo clic su pulsanti colorati appariscenti è possibile acquistare o vendere strumenti finanziari di tutti i mercati mondiali.

La rete migliora la sensazione di tenere tutto sotto controllo, in quanto offre l’opportunità di conoscere in tempo reale, in qualsiasi momento del giorno o della notte, la performance delle Borse. Inoltre, è molto facile aprire un conto di trading online e i broker online non mettono in guardia sulla possibilità di sviluppare una dipendenza dal trading.

Questo è particolarmente pericoloso perché chiunque non ha un’educazione finanziaria adeguata può aprire un conto, operare istantaneamente e facilmente, aggiornare l’account a forme di trading avanzate e rischiose come il trading sul margine (indebitamento con fondi propri) e le vendite allo scoperto (vendita di un titolo che non è di proprietà del commerciante, o che il commerciante ha preso in prestito).

E’ stato dimostrato che durante lo sforzo finanziario viene attivato lo striato ventrale e che il tradin è un modo di combattere la depressione.

Come con altre forme di dipendenza (che siano per sostanze o comportamentali), dovrebbero essere progettati strumenti di valutazione specifici per condurre studi epidemiologici per determinare la prevalenza, il decorso clinico e le possibili influenze biopsicosociali.

I medici devono essere consapevoli che questa forma di dipendenza può passare inosservata per molto tempo e potrebbe essere fraintesa sia dai trader che dai loro parenti, poiché le perdite finanziarie sono attribuite più facilmente a investimenti sbagliati che a comportamenti patologici compulsivi.

Infine, le prove risultanti da ricerche su questo argomento potrebbero aiutare i politici a regolare questo fenomeno, come è stato fatto con il gioco d’azzardo patologico. Sebbene non in maniera sufficiente, dato che lo Stato è il primo che vende giochi come i Gratta e vinci. Sempre nuovi e sempre più allettanti.

Dipendenza da trading online quando è nata

Quando è nata la dipendenza da trading online? Gli investitori sono stati trasformati in dipendenti dal mercato azionario aiutati e incoraggiati dai media, dalla comunità finanziaria, dagli analisti, dai vicini, dagli amici e dalle banche locali.

Dal 1990, quando Internet ha iniziato a diffondersi in modo mainstream tra le persone comuni, milioni di trader sono stati attratti dalla promessa dello stile di vita di ricchi e famosi semplicemente giocando “al trading”.

Ora, dopo otto anni di mercato rialzista, gli investitori sono allo sbando alla continua ricerca di un titolo che li porti alla gloria. E ogni volta si ripetono: “questa volta è diverso.” Quello che si sentono dire è che il trading è una “cosa sicura”, un modo garantito per fare soldi. È così facile, dopo tutto. Si limitano a “comprare e tenere” le azioni e il mercato restituirà loro, sperano, il 10% annuo proprio come come accaduto negli ultimi 100 anni. Questo errore è stato più volte sostenuto da esperti, mediatori, consulenti finanziari e media.

Persino Dave Ramsey, il famoso consulente del debito, ha sposato e acquistato quattro fondi comuni di investimento.. Se fosse vero, come spiegherebbe perché all’incirca l’80% degli americani, secondo numerosi sondaggi, ha uno stipendio inferiore a un anno risparmiato in media? Inoltre, nessuno che abbia acquistato e detenuto la S&P 500 ha mai perso denaro in un arco di tempo di 20 anni. Giusto?

Ecco il problema. Non importa quanto le persone risolute pensino di acquistare e detenere, di solito ricadono nello stesso vecchio modello emotivo di acquisto elevato e di vendite basse. Gli investitori sono esseri umani. In quanto tali, gravitiamo su ciò che ci fa sentire bene e cerchiamo di evitare il dolore.

Quando le cose sono euforiche nel mercato, tipicamente in cima a un mercato “toro” lungo, compriamo quando dovremmo vendere. Quando le cose si mettono male, alla fine del mercato ribassista, vendiamo quando dovremmo invece comprare. Di fatto, di solito è la capitolazione finale degli ultimi “detentori” che stabiliscono la fine del mercato degli orsi e l’inizio di una nuova mercato in rialzo. Come dice Sy Harding, nel suo eccellente libro “Riding The Bear”, mentre le persone possono promettersi ai vertici dei mercati rialzati si comportano in modo diverso: “Nessuna creatura come un investitore ‘buy and hold’ è mai emersa dall’altra parte del successivo mercato degli orsi.

“Le statistiche compilate da Ned Davis Research confermano l’affermazione di Harding. Ogni volta che il mercato diminuisce di oltre il 10% (e il “vero” ribasso non inizia nemmeno ufficialmente fino al declino del 20%), i fondi comuni di investimento subiscono deflussi netti di denaro da investitori.

La paura è un’emozione più forte dell’avidità. dura mesi (la norma), o anche anni (entrambi i mercati ribassisti del 1929 e 1966), e si può vedere come la tortura di perdere denaro settimana dopo settimana, mese dopo mese, possa logorare anche il più determinato “buy and hold”.

Ma la “soglia del dolore” dell’investitore medio è molto più bassa di quella che dovrebbe essere. La ricerca mostra che non importa se il mercato degli orsi duri meno di 3 mesi (come l’orso 1990) o meno di 3 giorni (come l’orso del 1987). La gente venderà ancora, di solito in fondo, e quasi sempre in perdita. Quindi è così che succede.

E l’unico modo per evitarlo è di evitare di possedere azioni durante i mercati dell’orso. Se provi a cavalcarli, le probabilità sono che tu fallirai. E se credi che siamo in una “Nuova Era” e che i mercati orsi siano una cosa del passato, sei un potenziale trader in perdita.

Dipendenza da trading online cosa fare

Cosa fare in caso di dipendenza da trading online? Se hai sintomi di dipendenza da trading, la prima cosa da fare è agire subito. Se sei davvero dipendente, probabilmente non puoi farlo da solo, o probabilmente finirai per scambiare te stesso sempre più a fondo con il debito e la disperazione.

I centri di dipendenza e consulenza sanno tutto su questo e sono addestrati per aiutarti a riqualificare il tuo cervello. Innanzitutto, apriti con la famiglia e gli amici e cerca il loro sostegno. In quanto dipendenze del genere danneggiano anche le relazioni familiari e sociali.

In ogni caso, la dipendenza da trading potrebbe non essere il vero problema, quindi potrebbe essere necessario capire che cosa sia davvero alla base di essa. E’ un problema economico, che cerchi di risolvere in quel modo? E’ un problema sentimentale, che cerchi di dimenticare buttandosi nel mondo del trading online? E così via.

Ricorda che ogni dipendente ha una storia diversa e unica. Anche se pensi di non avere davvero un problema e potresti “smettere in qualsiasi momento”, tieni presente che i segnali di pericolo non mentono. Se sono presenti in una certa consistenza, probabilmente sei in serio pericolo.

Dipendenza da trading come curarsi

Come curarsi dalla dipendenza da trading? Lo riassumiamo in 10 passaggi:

Ammettere che c’è un problema

Il primo passo per risolvere qualsiasi dipendenza, è capire che si ha un problema di dipendenza appunto. In questo caso dal trading. Prendete le misure necessarie per porre rimedio alla situazione.

Non pensate a quanti soldi avevate prima

Non importa quale fosse il vostro portafoglio nel marzo 2000, marzo 2009 o venerdì scorso. Il valore del tuo portafoglio è esattamente quello che è, quindi è realizzato o non realizzato. La perdita è già persa ed è la comprensione che ti aiuterà a fare i conti con la necessità di apportare un cambiamento. Apri quelle dichiarazioni e osservale: la terapia d’urto è generalmente efficace nel favorire la consapevolezza.

Non occorre credere di essere dei perdenti

Molte persone hanno la tendenza a credere che se “perdono un trade”, allora sono “perdenti” per antonomasia. Cercano di ignorare la situazione, o nascondono il fatto che hanno perso denaro, il che a sua volta causa più errori.

Questo non fa altro che esasperare l’intero problema fino a quando non provano ad assegnare la colpa a chiunque e sempre agli altri. Non sei un perdente. Hai fatto un errore di investimento. Hai perso soldi. È successo a chiunque abbia mai investito nel mercato azionario, e ce ne sono molti altri che hanno perso più di te. Chiunque che ti dice che non ha mai perso soldi nei mercati, è un bugiardo!

Ritieniti responsabile

Per iniziare il processo di riparazione della tua situazione, devi accettare la responsabilità della tua situazione. Non è colpa del mercato, dell’advisor corrente o del responsabile finanziario. Non è colpa di Wall Street, né è colpa della razza demoniaca dei dirigenti aziendali. È colpa tua. Una volta accettato che è colpa vostra e cominciate a risolvere il problema, piuttosto che rimandare l’inevitabile e subendo ulteriori conseguenze dall’insistere, solo allora puoi iniziare ad andare avanti. Non occorre sentirsi dei falliti, certo, ma non bisogna neanche credere che gli altri siano la causa delle nostre perdite.

Capire che i mercati cambiano

I mercati cambiano a causa di una grande varietà di fattori, dai tassi di interesse ai rischi valutari, dagli eventi politici alle sfide geo-economiche. Ha davvero senso comprare e tenere? Se i mercati sono in uno stato costante di flusso e il tuo portafoglio rimane in uno stato costante, allora devi applicare la legge del cambiamento. Il cambiamento avverrà e gli elementi nell’ambiente circostante si adatteranno o si estinguerà e l’estinzione in sé e per sé è una conseguenza del cambiamento. Pertanto, se sei un investitore devi cambiare te stesso e adattarti a un ambiente in continua evoluzione. O ti estinguerai, proprio come avviene con gli animali.

Chiudere aiuto

Questo mercato ha confuso anche il migliore degli investitori e probabilmente continuerà a farlo per un po ‘. Quindi, che possibilità hai di farlo da solo? Non aver paura di chiedere, o di ottenere aiuto, se ne hai bisogno. Questo non è più un mercato che perdonerà facilmente gli errori e mentre potresti pagare un po’ per ottenere aiuto, un aiuto potrebbe impedirti di commettere errori di investimento più costosi in futuro. Affidati a consulenti finanziari rinomati, Broker rinomati, al consiglio di amici che ti vogliono davvero bene.

Cambia gradualmente

Nessuno ha detto che il cambiamento sarebbe stato facile o indolore. Tuttavia, prima di tutto, occorre apportare modifiche gradualmente e testare le acque e misurare i risultati. Ad esempio, vendi le posizioni di dimensioni più piccole. Non farai subito cambiamenti evidenti nel portafoglio, ma ti renderai conto che puoi effettivamente eseguire un ordine di vendita senza subire conseguenze negative. Lavora a modo tuo attraverso il portfolio sui rally e ripulisci lo stesso dagli asset più dannosi.

Sviluppa una strategia

Ora che hai ripulito tutto il portafoglio dei titoli più dannosi, dovresti sentirti molto più padrone del tuo portafoglio e dei tuoi investimenti. Ora sei pronto per iniziare ad avanzare nello sviluppo di una strategia di investimento basata sugli obiettivi. Se il tuo portafoglio è un miscuglio di investimenti, allora come fai a sapere se il tuo portafoglio genererà il rendimento necessario per raggiungere i tuoi obiettivi?

Una strategia di investimento basata su obiettivi, costruisce il portafoglio per abbinare investimenti e veicoli di investimento in una struttura ordinata per fornire i rendimenti necessari con il minor rischio possibile. Abbandona l’indice di riferimento e misura i tuoi progressi rispetto alla destinazione dell’investimento.

Ama la tua strategia

Una volta che hai progettato la strategia, compresi i contributi mensili che intendi dare al piano, è tempo di implementarla. È qui che inizia veramente il lavoro. Devi imparare il piano dentro e fuori così ogni mossa che fai ha una ragione e uno scopo. Devi vivere il piano in modo che vengano apportati aggiustamenti allo stesso e gli investimenti, per abbinare le prestazioni, il tempo e gli orizzonti di valore.

Infine, devi amare il piano in modo che tu ci creda e non ti discosti da esso. Deve diventare parte della tua vita quotidiana, altrimenti sarà sacrificato per capricci e momenti di debolezza.

Vivi la tua vita

Devi essere tu ad avere il controllo della tua situazione anziché essere la situazione che controlla te. I mercati continueranno a rimanere volatili, a un certo punto arriverà un importante “mercato orso” e ci saranno molte opportunità per fare soldi lungo la strada. Ma è così che funziona. Finché eseguirai il tuo piano, il piano funzionerà per te e raggiungerai i tuoi obiettivi alla fine.

Non c’è un piano per diventare ricchi velocemente. Come detto, chi ti dice ciò vuole solo ingannarti. Quindi, vivi la tua vita, goditi la tua famiglia e fai quello che sai fare meglio. Soprattutto, fai in modo che il tuo portfolio funzioni per te come hai fatto per i soldi che ci hai messo. Recupererai anche le relazioni sociali. Il che sarà la prima vincita importante.

Come fare trading prudentemente

Se sei dipendente da trading o potresti esserlo, devi trovare una via d’uscita da questa situazione pericolosa. Se fai trading con prudenza, va bene, ma assicurati di monitorare le tue attività e mantenere le cose sotto controllo.

In che modo? Facendo trading professionalmente. Innanzitutto formandosi molto, magari leggendo qualche libro di trader famosi o di economisti che studiano le Borse. Affidarsi poi a Broker rinomati e affidabili, che abbiano regolare licenza per operare. Il che ti mette a riparo da truffe e raggiri. Un Broker che si rispetti mette lui stesso in guardia contro il pericolo fornendoti del materiale informativo. Come ebook da scaricare, corsi di formazione on demand, webinar, incontri annuali con relatori qualificati.

Ecco alcuni broker che hanno queste caratteristiche:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

E poi ti mette a disposizione strumenti come take profit e stop loss, per chiudere una posizione senza rischiare di subire perdite. O perdite pesanti. Ma soprattutto, utilizza un Conto demo, ossia fai trading con denaro virtuale che mette a riparo da perdite di soldi reali. Tramite il Conto demo potrai fare pratica e provare i vari strumenti, nonché gli asset su cui investire. In questo modo potrai capire se il trading fa davvero per te.

Tuttavia, non prendere il Conto demo come un gioco. Usa il conto virtuale come se fosse reale, senza fare scelte azzardate solo perché i soldi sono finti. Rischieresti di subire delle perdite quando poi passerai al conto reale.

Dipendenza da trading non ancora considerata come dovrebbe da comunità scientifica

Il trading può essere definito come l’attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari come azioni, obbligazioni, futures, materie prime e valute (ad es., Forex). Sia il piccolo investitore indipendente che i grandi operatori finanziari possono agire sui mercati mondiali. Oggigiorno, grazie a Internet e ai cambiamenti tecnologici degli ultimi decenni, il trading di strumenti finanziari non è mai stato così facile.

Di fatto, è in costante crescita il fenomeno del trading online che consente di monitorare in tempo reale l’andamento delle Borse e di effettuare la transazione istantaneamente. Secondo la Survey of Consumer Finances del Consiglio della Federal Reserve, nel 2013 negli Usa, circa una famiglia su due persone (48,8%) deteneva azioni in società quotate in borsa (direttamente o indirettamente), rispetto al 40,0% nel 1995. Dati che in questi 5 anni sono sicuramente anche aumentati.

Inoltre, il valore medio delle scorte è aumentato da $ 228300 nel 2010 a $ 269900 nel 2013, superando il valore medio di $ 254000 nel 2007 (ossia, prima del crollo del mercato azionario del 2008).

Nonostante l’interesse per i mercati finanziari sia in costante aumento in tutto il mondo, ed è accompagnato da un numero crescente di suicidi tra i trader (professionisti o meno), la comunità scientifica che si occupa di salute mentale sembra aver preso alla leggera il fenomeno di una “dipendenza da trading”.

Il trading non è ancora stato ufficialmente riconosciuto come un’attività che porta alla dipendenza e la letteratura scientifica su questo è quasi del tutto assente. In effetti, pochissimi studi hanno studiato la presenza di un comportamento simile alla dipendenza tra gli investitori e, quando ciò è stato fatto, sono stati utilizzati criteri di gioco patologico o altri criteri di dipendenza non specificati a causa della mancanza di strumenti specifici di valutazione.

Collettivamente, questi dati ci portano a credere che la presenza di scambi patologici tra investitori sia un fenomeno reale e che rappresenti anche un importante problema di salute pubblica che merita l’attenzione della comunità scientifica.

LEAVE A REPLY