Dieselgate, Bosh dovrà risarcire i clienti Volkswagen

La corte federale di San Francisco ha stabilito che Bosch dovrà provvedere a risarcire i clienti del mercato americano, coinvolti loro malgrado nell’acquisto di autoveicoli del Gruppo Volkswagen interessati nel caso Dieselgate.

L’indennizzo avrà un ammontare pari a 327,5 milioni di dollari, ossia 303,6 milioni di euro, l’accordo verrà ratificato il 14 febbraio.

Dieselgate 2.0 e 3.0 litri

La multinazionale tedesca, Bosch, è stata coinvolta nello scandalo Dieselgate per aver fornito alcune delle centraline di controllo delle emissioni dei motori. La somma concordata è stata così ripartita: 163,3 milioni di dollari per i 475 mila possessori dei propulsori 2.0 TDI e 113,3 milioni di dollari, per i restanti 78 mila proprietari dei 3.0 TDI.

Volkswagen

Per quanto riguarda gli indennizzi a carico di Volkswagen per i modelli 3.0 V6 TDI, coloro i quali accetteranno il richiamo avranno un risarcimento che può variare dai 7 mila ai 16 mila dollari, com una maggiorazione di 500 nel caso ci fosse un calo delle performace. I clienti che sceglieranno il buyback, verrà restituito oltre l’importo dell’auto anche un risarcimento di 7.500 dollari.

L’esborso totale di Volkswagen

Stando dunque ai documenti depositati in tribunale, il Gruppo Tedesco dovrà spendere almeno 1,2 miliardi di dollari, ma in caso di bocciatura degli enti regolatori al conto verranno aggiunti altri 4 miliari, il conto totale per il caso dieselgate salirà dunque a 25 miliardi di dollari solo per il mercato americano.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY