Detrazione irpef per acquisto mobili

La detrazione irpef per acquisto mobili è una norma confermata dall’esecutivo e permette  al beneficiario di ottenere una detrazione irpef del 50 % per acquistare mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ utilizzate per l’arredo di un immobili.

Leggi anche: le novità della circolare 7/E sul Bonus mobili

Agenzia delle entrate e detrazione irpef

Per beneficiare della detrazione irpef per acquisto mobili occorre effettuare una ristrutturazione edilizia,  su una singola unità immobiliari residenziali o su parti comuni di edifici e tali spese devono essere sostenute a partire dal 26 giugno 2012. I lavori che consentono la detrazione irpef per acquisto mobili devono essere lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione effettuati su singola unità immobiliare o su parti comuni di edifici residenziali. Tra i lavori di manutenzione straordinaria segnaliamo installazione di ascensori, sostituzione di infissi esterni, costruzione di scale interne, rifacimento di scale e rampe, ecc. Per quanto riguarda la ristrutturazione edilizia i lavori riguardano modifica della facciata, costruzione servizi igienici ampliando i volumi, realizzazione di una mansarda, ecc.

Detrazione irpef acquisto elettrodomestici e mobili

Stabiliti i lavori di ristrutturazione che danno diritto al bonus mobili, vediamo in dettaglio che tipo di mobili e di elettrodomestici possono essere oggetto di agevolazione. Oggetto dell’agevolazione sono gli acquisti di mobili nuovi (ad esempio poltrone, credenze, materassi, scrivanie, sedie, armadi, ecc.) ed elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (ossia lavatrici, asciugatrici, forni a microonde, ventilatori elettrici, stufe elettriche, ecc.). Per i forni la classe energetica non deve essere inferiore alla classe A.

bonus mobili ed elettrodomestici
agevolazioni mobilio

La detrazione irpef per acquisto mobili ed elettrodomestici deve essere indicata all’interno della dichiarazione dei redditi (ovvero modello 730 o modello Unico). L’importo detraibile è pari al 50 % della spesa sostenuta sino ad un importo massimo di 10 mila euro, e tra le spese che è possibile portare in detrazione è possibile includere anche le spese di trasporto e quelle di montaggio. Occorre ricordare che il limite di 10 mila euro riguarda la singola unità immobiliare e pertanto chi effettua lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari ha diritto di beneficiare del bonus mobili più volte.

Per beneficiare della detrazione il pagamento deve essere effettuato tramite carte di credito o carte di debito e non è pertanto consentito effettuare il pagamento mediante assegni bancari o contanti.  Qualora il pagamento venga effettuato tramite bonifico bancario o postale, sullo stesso occorrerà indicare:

  • Causale del versamento effettuato;
  • Codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  • Il numero di C.F. o di Partita iva del destinatario del bonifico.

Per beneficiare della detrazione fiscale è pertanto necessario conservare la seguente documentazione:

  • Ricevuta del bonifico bancario effettuato o ricevuta di transazione nel caso di pagamenti effettuati con carta di credito o di debito;
  • Fatture di acquisto beni dove è riportata la quantità e la qualità dei beni e dei servizi acquisiti;