Decreto legge sui premi di produzione: la tassazione scende al 10%

Per il decreto legge sui premi di produzione, dovrebbero mancare poche ore, il consiglio dei ministri, si impegnerà a mettere un punto fermo sulla detassazione del salario collegato alla produttività.

La nuova Legge di Stabilità 2016 pare dunque sia ricca di novità per l’economia italiana, infatti sia per i liberi professionisti che per i dipendenti aziendali, si prospetta una situazione economica lievemente più florida rispetto al passato, anche se contemporaneamente alle nuove riforme, come è stato detto, nel corso di quest’anno, i controlli del fisco saranno molto più serrati rispetto al passato.

La nuova norma attuativa della Legge di Stabilità 2016 prevede una tassazione agevolata al 10% riguardante i premi risultati. Ma non è tutto, un’altra novità sulla manovra, riguarda i voucher che un lavoratore potrebbe ricevere al posto del premio, si tratta di voucher da poter spendere per le proprie esigenze personali e familiari, come per la retta da pagare all’asilo per un figlio piccolo, o per la somma da pagare alla baby sitter o per altri servizi. Tali voucher, se verranno erogati al lavoratore, saranno completamente esenti dalle tasse.

In riferimenti a questi incentivi, lo Stato italiano per il 2016 ha stanziato 483 milioni di euro, mentre per i prossimi due anni, la somma raggiungerà 520 milioni di euro.

La nuova legge sui premi di produzione. Incentiva la produttività?
La nuova legge sui premi di produzione. Incentiva la produttività?

Decreto legge sui premi di produzione, ecco come funzione la detassazione

I premi di produzione che un lavoratore può guadagnarsi, saranno tassati solo al 10% per il valore massimo di duemila euro, al contrario di quanto accaduto fino ad oggi, poiché i premi di produzione sono stati tassati secondo l’imponibile e le aliquote Irpef.

Il premio di produzione può arrivare ad una somma pari a 2.500 euro per tutte quelle imprese che si impegneranno a trovare dei giusti accordi con il rispettivo sindacato riguardo al coinvolgimento dei lavoratori nelle aziende.

Decreto legge sui premi di produzione, una mossa pensata per incentivare la produttività

Il governo, con il decreto legge sui premi di produzione, ha voluto dare uno spiraglio di speranza a tutti i lavoratori d’Italia, vittime della crisi economica in cui l’Italia verte negli ultimi anni.

L’ipotesi su cu si basa il decreto legge, è che che detassando gli introiti aggiuntivi sugli stipendi dei lavoratori, si può in questo modo, provare ad incentivare la produttività, come sta accadendo ultimamente negli altri paesi.

I dati sulla produttività del lavoro, in Italia sono molto bassi rispetto al resto dell’Europa, Francia, Germania e Gran Bretagna sono tra i primi paesi europei a registrare un aumento della produttività per ogni ora di lavoro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY