Debutto trionfale per la Ferrari a Wall Street

Il titolo Ferrari ha debuttato ieri a Wall Street, collocando il 10% del capitale. Le azioni della Rossa di Maranello, dopo i primi scambi, hanno fatto registrare un balzo del 15%, toccando un prezzo superiore ai 60 dollari, a fronte dei 52 dollari dell’Ipo, che già conferivano al gruppo un valore totale di circa 10 miliardi di dollari. Il prezzo del titolo si è poi attestato a quota 57 dollari, con una crescita comunque del 10%.

Mentre all’interno del palazzo della Borsa di New York, Sergio Marchionne, ad di Fca e presidente di Ferrari, dava inizio alle contrattazioni con il classico suono di campanella, fuori dall’edificio alcuni modelli della Rossa venivano esposti agli occhi dei numerosi appassionati. Insieme a Marchionne, sul palco di un trading floor fitto di giacche e maglie rosse, il numero uno di Exor, John Elkann, con un maglione vermiglio, lo stesso colore della giacca indossata da Tom Farley, amministratore delegato del Nyse. Presenti anche Piero Ferrari e l’ad del Cavallino, Amedeo Felisa. Il futuro di quest’ultimo, considerato vicino all’addio, è stato al centro dell’attenzione dei cronisti. Marchionne ha rilasciato la seguente dichiarazione in proposito. “Queste macchine le ha fatte lui, lui è il meglio che c’è e dobbiamo molto a lui. Felisa ha 69 anni, per quanto lo adori penso che prima o poi si stancherà, come tutti”.

Marchionne ha poi commentato l’intensa giornata newyorkese: “vedere Wall Street piena di Ferrari è una cosa eccezionale che sarebbe stata impensabile 10 anni fa, la conclusione di un grandissimo periodo di sogni che abbiamo portato a casa”. Alla domanda sul perché un investitore dovrebbe acquistare titoli Ferrari, ha risposto che “non ci sono alternative, non c’e niente come la Ferrari, non c’e’ niente come essere azionisti di una società simile”.
A margine, si è parlato anche del prossimo sbarco a Piazza Affari, previsto entro gennaio. “Speriamo di poter fare un grande regalo ai nostri azionisti prima della Befana”, ha affermato Marchionne.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY