Il Debito Pubblico Italiano non esiste, parola di Silvio Berlusconi

debito-pubblico-italiano

Ha fatto scalpore, nelle prime fasi della campagna elettorale, la dichiarazione di Silvio Berlusconi secondo cui “lo spread è un imbroglio”. La negazione dell’esistenza della Spada di Damocle che da un anno e mezzo influenza la vita economica del nostro paese ha causato al Cavaliere accuse di irresponsabilità e di malafede.

Sottotraccia, però, Silvio Berlusconi sta facendo diffondere un’altra “evidenza” fuori dal mainstream economico e politico: il debito pubblico non esiste. Secondo il presidente del Pdl, il calcolo del debito pubblico è sbagliato perché non tiene conto dell’attivo, corrispondente ai risparmi delle famiglie, consistente in 8mila miliardi di euro. La conclusione è che l’Italia può spendere più di quel che i partner stranieri pensino, e che sul fronte del bilancio il Bel Paese gode di ottima salute.

Il ragionamento di Berlusconi ha però delle falle consistenti. Gli 8mila miliardi che gli italiani possiedono non possono compensare il debito pubblico. Questi “è dello Stato”, mentre i risparmi dei cittadini, per l’appunto, appartengono ai cittadini e non allo Stato. Lo sarebbero solo se il Governo decidesse di tassare ogni cittadino italiano di qualche decina di migliaia di euro, ma tale sanguinoso prelievo non è – evidentemente – nell’ordine delle cose. In secondo luogo, attualmente non esiste uno strumento per conoscere con esattezza quanto una nazione abbia “sotto il materasso”.

Lo scopo di Silvio Berlusconi, con queste dichiarazioni, è duplice. Innanzitutto, rappresenta un tentativo di tranquillizzare l’Europa e porre le basi per la rinegoziazione del Fiscal Compact, accordo secondo il quale ogni membro UE si impegna a dimezzare il duo debito in venti anni. Inoltre, rappresenta un tentativo di rassicurare gli italiani e di dimostrare che, nonostante il pessimismo montiano, le tasse – e quindi le entrate – si possono diminuire senza rischiare il collasso finanziario.

In verità, c’è un modo per far entrare in gioco i presunti 8mila miliardi di euro degli italiani. E’ semplice, e si sta già cominciando a fare: spingere gli italiani a compare i titoli di Stato. L’iniziativa corrispondente, BTP Italia, sta andando a gonfie vele. Si tratta semplicemente di implementarla e di foraggiarla con l’emissione di nuovi titoli.

Nel caso, per ora solo teorico, in cui gli italiani detenessero una quota veramente consistente di debito pubblico, scomparirebbe ogni – per ora solo presunta – ingerenza di Francia e Germania, le cui banche detengono attualmente il nostro debito. Saremmo finalmente padroni del nostro destino. Potremmo persino decidere di andare in default senza causare il caos internazionale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

3 commenti

  1. il debito pubblico sig.gian franco e’ stato fatto gia’ dai tempi di craxi nex e’ mai intervenuto , poi colpa anche degli italiani che non hanno mai tirato fuori le palle nex si e’ mai ribellato

LEAVE A REPLY