DDL Concorrenza: cosa cambia? Novità in vista in tutti i settori

Il DDL Concorrenza è finalmente Legge: un testo legislativo annuale per il mercato e per la concorrenza che, a due anni e mezzo (ben 894 giorni di attesa) dalla presentazione e, dopo ben quattro passaggi parlamentari, finalmente è giunto il via libera definitivo dall’aula del Senato.

Finalmente il tanto atteso “Sì” alla fiducia richiesta dal Governo con ben 146 voti favorevoli, 113 voti contrari e nessun astenuto. Per il Governo italiano è un vero e proprio passaggio importante, come ha avuto occasione di osservare lo stesso Premier Paolo Gentiloni.

Lo stesso Premier Gentiloni, in un rapido e coinciso tweet ha annunciato in data 2 agosto: “Senato approva definitivamente la legge sulla concorrenza. Impegno mantenuto per Governo e maggioranza”.

Si tratta della prima legge annuale per la concorrenza che stimola la produttività delle imprese italiane e la crescita del Sistema-Paese, riduce il costo dei beni e dei servizi acquistabili e fruibili dai consumatori ed utenti italiani, garantisce nuove tutele per i consumatori italiani in maniera di trasparenza, promuove l’innovazione ed attrae maggiori flussi di capitale ed investimenti dall’estero.

In sintesi, gli obiettivi del DDL Concorrenza sono ascrivibili a migliorare la crescita del PIL: +0,2% nel breve periodo e +1% nel medio-lungo termine (infografica).

Calenda: l’approvazione del DDL Concorrenza è un segnale di serietà

Anche lo stesso Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha osservato come l’approvazione del DDL Concorrenza sia un segnale palese di serietà per il nostro Sistema-Paese e con Comunicato Stampa ha annunciato su sito del MISE: “E’ stata approvata oggi per la prima volta in Italia la Legge annuale per il mercato e la concorrenza” e continua ad argomentare “Dopo un iter travagliato di quasi tre anni è un importante segnale di serietà per il Paese. La legge introduce significative novità in tema di assicurazioni, professioni, energia, comunicazioni, ambiente, trasporti, turismo, poste, banche e farmacie con l’obiettivo di stimolare la crescita e la produttività e consentire ai consumatori di avere accesso a beni e servizi a minor costo”.

Il Ministero dello Sviluppo Economico è al lavoro per definire nei tempi più brevi possibili tutti i decreti attuativi necessari per la piena efficacia del testo legislativo. Nel futuro, ha fatto notare Calenda, occorrerà ragionare sull’opportunità di adottare un approccio “settoriale” mediante decreti legge.

Cosa cambierà con l’approvazione del DDL Concorrenza?

Tantissimi sono i settori su cui è intervenuto il DDL Concorrenza, scopriamoli insieme con le novità più rilevanti:

Assicurazioni

Iil comparto assicurativo sarà interessato dalle seguenti novità:

  • praticare sconti sulla polizza assicurativa a chi sottoscrive clausole anti-frode (es. installazione scatola nera),
  • il costo della scatola nera è a carico dell’assicurazione e sarà portabile per favorire la mobilità della domanda,
  • maggiore trasparenza nelle procedure di risarcimento (obbligo della fattura),
  • risarcimenti per le macro lesioni uniformi su tutto il territorio nazionale con la successiva pubblicazione della Tabella dei risarcimenti.

Pensioni complementari

Per i soggetti disoccupati da più di 2 anni, vi è la possibilità di anticipare la liquidazione del fondo pensione fino a 5 anni prima della scadenza.

Comunicazioni

Ecco le principali novità:

  • obbligo per gli operatori di stabilire costi di uscita congrui, in caso di recesso anticipato da offerte promozionali,
  • procedure online per la sottoscrizione e recesso dai contratti di telefonia e pay tv,
  • semplificazione delle procedure per la migrazione dei clienti telefonici ad altro operatore,
  • la tariffazione inizia dalla risposta dell’operatore,
  • attraverso il credito telefonico residuo è possibile effettuare erogazioni liberali alle Onlus.

Poste

Dal 10 settembre 2017 finisce la riserva legale in favore delle Poste sulla consegna degli atti giudiziari e della notifica di sanzioni per violazioni del codice della strada.

Energia

  • piena liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas,
  • riforma del bonus per le famiglie in disagio economico e obbligo di rateizzazione delle fatture di importo elevato (“maxi-bollette”),
  • istituzione di un elenco di “operatori professionali”,
  • razionalizzazione della rete dei carburanti e riduzione dei costi,
  • semplificazione delle procedure di gara per la distribuzione locale del gas.

Ambiente

Semplificazione per l’attività di raccolta e trasporto dei rifiuti di metalli ferrosi e non ferrosi e dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Banche

  • trasparenza nelle offerte e proposte delle polizze vita in abbinamento al mutuo,
  • maggiore certezza e trasparenza nelle transizioni relative al leasing.

Avvocati

  • maggiore trasparenza sui compensi economici,
  • possibilità di costituire società tra avvocati con soci di capitale.

Notai

  • maggiore diffusione del servizio notarile diffuso a livello capillare sul territorio italiano,
  • possibilità di pubblicizzare gli onorari.

Ingegneri

Possibilità per le società di ingegneria di accettare commesse da privati.

Odontoiatri

Per le società di odontoiatri sono previste maggiori garanzie per i clienti e per l’esercizio della professione.

Farmacia

  • eliminazione del il tetto di massimo 4 farmacie per farmacista e possibilità dell’esercizio in forma di società di capitali,
  • piena liberalizzazione degli orari,
  • ottimizzazione della presenza sul territorio,
  • via libera al bugiardino anche in formato digitale.

Trasporti

  • per il servizio Taxi, promozione della concorrenza, adeguamento dell’offerta di servizi alle nuove tecnologie e contrasto all’abusivismo,
  • per il servizio Metro e Bus, diventa obbligatorio fornire il servizio di biglietteria elettronica per tutti i servizi di trasporto pubblico locale.

Turismo

Le strutture turistico-ricettive potranno offrire scontistiche maggiori rispetto alle tariffe praticate dalle “piattaforme on line”.

LEAVE A REPLY