Ethereum Shangai a Marzo, SBF contro Tether, Binance e Crypto.com audit – Crypto Summary w49

In questo Crypto Summary cerchiamo di riassumere le notizie più importanti della settimana che ci siamo appena lasciati alle spalle.

In questa settimana Bitcoin ha avuto una piccolissima risalita sopra i 17.000$ e ha chiuso la settimana al rialzo con Ethereum ritornato stabilmente sopra i 1200$. Buone performances anche per Trust Wallet, Axie Infinity e The Graph. Altri exchange hanno pubblicato i dati delle proprie riserve mentre sono emersi nuovi particolari sulla vicenda FTX e sul comportamento di SBF.

In questo post riepilogativo iniziamo la settimana cercando di capire quali sono state le notizie più importanti del settore crypto.

Crypto Summary w49

Per iniziare ad investire in criptovalute potete utilizzare la piattaforma regolamentata di eToro (clicca qui iscriverti).

E’ un broker che può essere utilizzato anche sfruttando la funzionalità di Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito, oltre al conto demo gratuito. E ‘ possibile negoziare su più di 60 crypto asset, oltre naturalmente a Bitcoin ed Ethereum.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.

Bitcoin: analisi fondamentale

In questa settimana, nonostante nuovi particolari sulla vicenda FTX e timori di nuovi scandali, BTC è riuscito a fare un piccolo rialzo con un recupero quasi del 10% ed il prezzo che si è riportato stabilmente sopra i 17.000$.

Come vediamo sul grafico di TradingView, il prezzo è ancora debole e rimane in un patterm di compressione ribassista con BTC sotto la media mobile a 50 periodi.

BTC / USD Grafico

L’attenzione massima è per le date di martedì e mercoledì. Martedì ci sarà il dato sull’inflazione USA (Cpi Index) e mercoledì invece il FOMC con la FED che dovrebbe alzare i tassi di interesse di 50 punti base nel tentativo di contenere l’inflazione.

FED Interest Rate

un dato che dovrebbe già essere stato prezzato dal mercato. Nel caso in cui si andasse verso un rialzo inatteso dello 0,75% ovviamente non sappiamo cosa potrebbe accadere.

Come vedete nel grafico la percentuale più alta di probabilità (quasi 80%) è per i 50 punti base. Andiamo a vedere poi alcune statistiche sul Realized Price, ovvero il rapporto tra la Realized Market Cap e il numero di token di BTC.

Per Realized Market Cap si intende la market cap prendendo come riferimento il prezzo del token nel momento in cui è stato comprato. Quindi non si prende come riferimento il prezzo attuale. A che serve questa metrica? A individuare una potenziale media sul prezzo di acquisto.

Come possiamo vedere dal grafico su Glassnode, possiamo ottenere quindi un realized profit e un realized loss, cioè fare un rapporto tra una potenziale presa di beneficio (profitto) e la perdita.

Nel grafico possiamo vedere che questo rapporto ha raggiunto un nuovo minimo storico. Cioè le perdite sono superiori alle prese di profitto ovvero ai realized profit. Nei cicli precedenti questi rapporti sono stati poi seguiti da un cambio di mercato. Non è detto però che questo si ripeta ancora.

SBF e la manipolazione dei media

Continuano ad emergere particolari inquietanti sulla vicenda FTX. Come vedete in questo tweet:

CZ su SBF e Media

il CEO di Binance è tornato a parlare di Sam Bankman Fried specificando come FTX avesse investito troppo denaro in una galassia di progetti tra cui come vedete in questo Excel troviamo Genesis, Voyager, le blockchain di Near Protocol e Polygon, Sequoia e tanti altri progetti per un totale di 5,5 miliardi di dollari.

Poi parla di sponsorizzazioni miliardarie come quelle del Miami Stadium e della Formula 1 oltre agli spot al SuperBowl. Sponsorizzazioni sensibilmente maggiori di quelle di Binance che più grande come azienda. Hanno speso 100 volte di più essendo 1/10 di Binance, qualcosa non tornava.

CZ, in particolare si chiede come fa questa Tv citata nel tweet a prendere ancora una volta le difese di SBF che ha finanziato anche la politica in modo del tutto trasparente. In effetti soprende molto che questo personaggio continui a parlare su Twitter ed in Tv come se niente fosse.

SBF ha usato, secondo CZ, i soldi degli utenti per investire in amicizie potenti come politici e celebrità in modo da manipolare l’opinione pubblica e attaccare gli operatori del settore.

FTX ha cercato di destabilizzare il settore crypto a proprio vantaggio

In un’inchiesta del Wall Street Journal sono emersi altri particolari sulla vicenda con delle comunicazioni in una chat Signali in cui erano presenti molti personaggi noti del settore come CZ di Binance e Ardoino, il CEO di Tether ed il CEO di Kraken.

SBF sul Wall Street Journal

SBF, infatti, avrebbe cercato di destabilizzare il mercato a proprio vantaggio cercando di colpire la stablecoin USDT per farle prendere il peg con il dollaro. In molti, infatti, pensavano che le operazioni di Alameda ed FTX puntassero a buttare già Tether per trascinare al ribasso tutti i prezzi delle criptovalute.

Secondo le chat CZ avrebbe detto ad SBF di fermarsi:

Smettila di provare a far de-peggare le stablecoin. E smettete di fare qualsiasi cosa. Smettila subito, non causare altri danni!”

Tutto sarebbe nato in seguito ad alcune operazioni sospette da parte di FTX ed Alameda che molti temevano fossero finalizzate ad attaccare USDT.

Il tentativo “disperato” sarebbe stato fatto per cercare di salvare FTX e trascinare al ribasso l’intero mercato. In questo modo molti token in grande perdita detenuti da Alameda avrebbero registrato delle perdite con un impatto minore dopo aver perso di valore in un mercato in caduta libera.

Dalle analisi on-chain (come sapete la blockchain è pubblica) Alameda avrebbe preso in prestito più di 1 milione di token USDT scambiandoli in altre stablecoin.

In questa conversazione denominata “Exchange coordination” anche Tether ha dichiarato che la società è solida ed avrebbe cambiato qualunque somma di denaro.

SBF naturalmente ha dichiarato al WSJ che le accuse sono assurde e infondate. Crediamo che sia già per lui un privilegio poter rilasciare tutte queste interviste e dire la propria su testate importanti. Probabilmente ad altre persone non sarebbe stato consentito.

Ethereum stima l’aggiornamento “Shangai” per Marzo 2023

Con l’Ethereum Merge avvenuto qualche mese fa, la rete Ethereum passata ad un nuovo modello di consenso grazie alla “fusione” della Mainnet con la Beacon Chain ovvero la nuova rete basata sul nuovo livello di consenso Proof Of Stake. Ne abbiamo parlato ampiamente sul sito.

Come sapete gli ETH in staking verranno sbloccati in modo graduale. Uno degli aggiornamenti più importanti di Ethereum è Shangai che permetterà di fare l’un-stake dei propri fondi.

Come vedete in questo tweet di Vitalik, la roadmap di Ethereum era stata aggiornata a novembre:

col prossimo aggiornamento di Ethereum che ha nome in codice “The Surge” che ora dovrà aspettare.

Gli sviluppatori Ethereum hanno infatti deciso di dare priorità agli stakers di ETH che dovrebbero poter prelevare i propri fondi con l’aggiornamento Shangai. Questo potrebbe avvenire indicativamente attorno a Marzo 2023. Prima verranno lanciati gli aggiornamenti sulle varie reti di test così come avvenuto con il Merge.

Ethereum: Shangai a Marzo 2023

Si tratta di un aggiornamento importante in quanto The Surge, previsto subito dopo il Merge, dovrebbe portare delle innovazioni in grado di portare il network Ethereum a elaborare le transazioni più velocemente migliorando il carico di lavoro.

A Giugno invece dovrebbe arrivare il tanto atteso aggiornamento Ethereum Improvement Protocol (EIP) 4844 che dovrebbe introdurre il danksharding. Il danksharding è un nuovo concetto di sharding in cui ogni shard può avere un solo proponente invece che blocchi e proponenti come avviene in quello tradizionale. Oltre a questo porterà un nuovo tipo di transazione che utilizza i data blob (binary large object).

Binance e Crypto.com pubblicano le Proof of Reserve

Aumenta la voglia di trasparenza da parte degli utenti e gli Exchange si adeguano di conseguenza. Binance ha infatti pubblicato il report di Mazars (auditor) sulla prova delle sue riserve:

Binance Proof of Reserve

Come leggiamo,infatti, è stato pubblicato il primo rapporto sullo stato delle riserve di Binance che dimostra come al momento della valutazione le riserve dei clienti sono sovracollateralizzate al 101%.

Il crollo di FTX ha infatti spinto tutti i principali exchange di criptovalute a pubblicare la Proof of Reserve dei propri fondi. Subito dopo anche Crypto.com ha pubblicato anche un report, sempre fatto dalla stessa società Mazars Group.

Come vedete nel tweet ufficiale:

Crypto.com pubblica la POR

anche in questo caso il report evidenzia che i fondi dei clienti sono completamente garantiti 1:1.

Tra le altre cose è possibile eseguire una prova Merkle Tree dei propri fondi ovvero verificare crittograficamente col proprio address che i saldi siano corretti e che i fondi sono inseriti nella Proof of Reserve.

Quello che lascia un po’ perplessi è che non si tratta di un audit ufficiale ed esterno ma di report che hanno solo l’obiettivo di confrontare i saldi secondo i dati e gli indirizzi pubblici forniti dalle stesse aziende. In pratica Mazars ha solo fatto uno snapshot delle riserve totali ad una certa data per eseguire le analisi sulla collateralizzazione degli asset, non si tratta quindi una verifica di un ente esterno.

Nexo: arriva il liquid staking

Dopo l’annuncio del nuovo wallet non custodial da parte di Nexo, arriva oggi un nuovo annuncio relativo allo staking.

Come vedete in questo tweet:

Nexo Liquid Staking

è stata lanciata una nuova funzionalità di Smart Staking sulla piattaforma di Nexo. Hanno lanciato infatti un nodo validatore su rete Ethereum.

E’ in pratica la funzionalità di liquid staking su Ethereum, un po’ come fa Lido. E’ possibile quindi scambiare in rapporto 1:1 ETH col token NETH (Nexo Staked Ethereum) della piattaforma ed iniziare a guadagnare l’APR

Come vedete nel post su un blog si può ricevere una APR dal 4% al 12% giornaliero in base al verificarsi di determinate condizioni.

E’ possibile inoltre usare NETH come collaterale per prendere in prestito altri token con un LTV del 30%.

Ovviamente i rischi sono i classici rischi delle piattaforme centralizzate.

Ethereum Shangai a Marzo, SBF contro Tether, Binance e Crypto.com PoR– Crypto Summary w49
Torna l’appuntamento con il Crypto Summary in cui riassumiamo le notizie più importanti della settimana che ci siamo appena lasciati alle spalle.In questa se…
Ethereum Shangai a Marzo, SBF contro Tether, Binance e Crypto.com PoR– Crypto Summary w49

The video was uploaded on 12/12/2022.

You can view the video here.

The video lasts for 13 minutes and 17 seconds.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti e le novità più rilevanti del settore crypto oggi.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Per poter acquistare criptovalute potete utilizzare i seguenti exchange:

EXCHANGE
CARATTERISTICHEVANTAGGI
Più grande exchangeNumerose criptovaluteISCRIVITI
In evidenza
Crypto IndexExchange EuropeoISCRIVITI
App facile da usareCarta VISAISCRIVITI
Criptovalute principaliFacile da usareISCRIVITI

utilizzando questi links avrete uno sconto sulle fees e vari vantaggi.

Se volete, invece, fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.