Bitcoin sopra i 21.000$, Avalanche partner di Amazon, Nexo a rischio – Crypto summary w02 2023

Cosa è successo alle criptovalute in settimana? In questo Crypto Summary cerchiamo di riassumere le notizie più importanti di questo inizio 2023.

Una settimana finalmente bullish con Bitcoin che è tornato sopra la soglia dei 21.000 $ ai livelli pre fallimento di FTX per poi chiudere sui 20.500$. Bene Ethereum che continua la marcia di avvicinamento all’aggiornamento Shangai, inoltre Avalanche stringe partnership importanti con altri colossi tech. Poi problemi e voci su possibili guai su Nexo che scatenano la corsa ai prelievi.

In questo post riepilogativo iniziamo la settimana cercando di capire quali sono state le notizie più importanti del settore.

Crypto Summary w02

Per iniziare ad investire in criptovalute potete utilizzare la piattaforma regolamentata di eToro (clicca qui iscriverti).

E’ un broker che può essere utilizzato anche sfruttando la funzionalità di Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito, oltre al conto demo gratuito. E ‘ possibile negoziare su più di 60 crypto asset, oltre naturalmente a Bitcoin ed Ethereum.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.

Bitcoin vola sopra i 21.000$, record di liquidazioni

In questa settimana, mercato finalmente positivo dopo il rilascio del dato sull’inflazione USA (CPI) che è stato confermato al 6,5%. Ora i mercati scommettono su una ripresa generale e su possibili tagli ai tassi di interesse per il 2023.

Subito dopo il dato sull’inflazione, Bitcoin ha rotto una prima resistenza di prezzo portandosi sopra i 20.000 $. Come vediamo dal grafico di TradingView il prezzo era riuscito già nei primi giorni dell’anno a riportarsi sopra la media mobile a 50 periodi su time frame giornaliero.

Grafico BTC/USDT - 15 Gennaio 2023

L’ultimo movimento rialzista ha riportato il prezzo sopra la media mobile a 200 periodi, un evento che come vedete nel grafico sottostante non si verificava da circa 1 anno.

Grafico BTC/USDT -Incrocio Medie mobili

Vedete che poi c’è stato l’incrocio delle due medie mobili al ribasso che ha portato alla fase di mercato in cui siamo entrati.

Naturalmente è presto per parlare di inversione di trend anche perché questi livelli devono essere ancora confermati. C’è stato un andamento parabolico dopo il quale generalmente si assiste ad un movimento di correzione al ribasso. Inoltre su time frame più ampi, siamo ancora in una fase ribassista, quindi bisogna prestare la massima attenzione.

Tuttavia la settimana ha chiuso con rialzi per Bitcoin del 25% ed altre coin che hanno fatto anche meglio, spinte dal forte movimento rialzista di BTC.

La spinta rialzista di Bitcoin è stata innescata anche da una serie di liquidazioni di posizioni short su vari exchange. Molti avevano preso in prestito grandi quantità di Bitcoin da shortare, ma il mercato ha reagito in maniera opposta.

Come vedete nel grafico di Coinglass:

BTC liquidazioni short  Gennaio 2023

abbiamo più di 300 milioni di liquidazioni negli ultimi giorni per Bitcoin. Se sommiamo tutte le liquidazioni anche su altre criptovalute superiamo i 700 milioni di dollari di liquidazioni. Molte posizioni sono saltate contribuendo ad un rialzo dei prezzi.

Solo il 14 Gennaio abbiamo avuto circa 140 milioni di dollari in posizioni short liquidate. Probabile arrivo di volatilità nei prossimi giorni.

Avalanche stringe partnership con Amazon AWS

Notizia molto importante dal mondo Avalanche con l’annuncio di una partnership con Amazon. Come vedete in questo tweet:

Avalanche partnership con Amazon AWS

Ava Labs ha annunciato una collaborazione con i servizi di Amazon Web Service (AWS) per favorire l’adozione della blockchain e consentire una maggiore adozione da parte delle aziende e istituzioni.

Avalanche è stata scelta in quanto rappresenta una blockchain efficiente e moto economica. Offre inoltre una tecnologia chiamata “Subnet” per la creazione di blockchain con regole personalizzate e propri token invece del token nativo AVAX. In questo modo sia i privati che le istituzioni potranno lanciare le proprie subnet in pochi click. Il servizio sarà distribuito tramite il marketplace di AWS.

Come leggiamo su Medium, Amazon Web Service supporterà anche Avalanche nella sua infrastruttura e nello sviluppo del suo ecosistema per nuovi segmenti di clienti e nuove aree geografiche.

Come sapete, Amazon offre già i suoi servizi cloud per ospitare molti servizi di progetti crypto. Ad esempio moltissimi nodi validatori di Ethereum utilizzano oggi i servizi di Amazon.

In questo caso si tratta di qualcosa di differente. AWS infatti farà da provider di hosting per queste subnet che verranno lanciate e non si limiterà ad essere un semplice fornitore di servizi.

Nexo accusata di attività illegali

La scorsa settimana si è diffusa la paura per la piattaforma di lending di Nexo che ha registrato una grande attività di prelievi per cifre superiori ai 150 milioni di dollari.

Nella giornata di giovedì sono state mosse accuse gravi ai vertici di Nexo che sarebbero accusati di attività illegali in un’inchiesta che è partita in Bulgaria. Ci sarebbe infatti una indagine a Sofia, con perquisizioni negli uffici e accuse di riciclaggio per il team. Secondo l’accusa Nexo avrebbe violato anche le sanzioni finanziarie contro la Russia e sarebbe coinvolta in attività illegali.

Come vedete in questo tweet:

Nexo accusata di riciclaggio

il team ha smentito ogni coinvolgimento affermando che Nexo non scende mai a compromessi e che è molto attenta a tutte le politiche e alle misure necessaria per contrastare il riciclaggio di denaro sporco.

Nexo afferma di impiegare oltre 30 persone nel team di antiriciclaggio che consentono di avere dati in tempo reale dei clienti per il monitoraggio.

Come leggiamo qui sono consapevoli che le criptovalute possono essere impiegate anche per scopi illeciti, ma utilizzando strumenti come Chainanalysis riescono a conoscere il percorso dei crypto asset, dal deposito sulla piattaforma fino all’indirizzo del wallet su cui viene prelevato.

Questo però non è bastato a rassicurare gli utenti. Nonostante non si tratti di un caso di insolvenza o problemi di liquidità, si è scatenata la corsa ai prelievi dalla piattaforma da parte degli utenti.

Nexo è anche sottoposto ad un audit di Armanino e quindi sul sito possiamo vedere quella che è lo stato delle riserve:

Nexo: Audit Armanino

attualmente è di circa 124 mila Bitcoin, in controvalore pari a circa 2 miliardi e 300 milioni di dollari.

Torna a parlare SBF

Sam Bankman Fried è tornato poi a parlare della vicenda FTX pubblicando un post sulla piattaforma di newsletter Substack. Il post dal titolo FTX Pre-Mortem Overview” è l’ennesimo tentativo da parte di SBF di dichiarasi innocente.

SBF: Post Pre mortem FTX

Nel Post poi pubblica dei dati in cui evidenzia come FTX US, la succursale statunitense di FTX era solvibile quando l’azienda ha dichiarato bancarotta. Secondo l’ex CEO di FTX, Alamed research ha perso soldi a causa del crollo di mercato, alla pari di altri fondi come Three Arrows Capital.

Nel post Bankman Fried riporta dei dati in un excel evidenziando il fatto che i dati riguardano FTX International in quanto la succursale USA non ha mai avuto problemi di solvibilità.

Presenta poi degli screenshot di audit fatti, che evidenziavano come la situazione delle riserve fosse stabile. Poi il mercato è cambiato e hanno fatto degli errori di copertura che hanno portato ai problemi che tutti conosciamo.

Metamask: arriva lo staking su Ethereum

Si avvicina la data di Ethereum Shangai, un aggiornamento atteso di Ethereum che consentirà di sbloccare gli Ethereum messi in staking.

Se vi ricordate con il merge di Ethereum siamo passati alla Proof of Stake con i fondi che sono attualmente bloccati in staking sulla chain. Con l’aggiornamento annunciato per Marzo, sarà possibile ritirare gli ETH in staking.

Nell’attesa, proprio ieri Metamask ha annunciato la possibilità di fare staking di Ethereum direttamente dal wallet.

Come vedete in questo tweet è possibile sfruttare lo staking Ethereum utilizzando Metamask Portoflio, un servizio desktop che consente di gestire il proprio portafoglio da browser ed avere più servizi di quelli presenti nell’estensione per Chrome o Firefox.

Staking ETH su Metamask

E’ possibile utilizzare i servizi di liquid staking di Lido Finance e Rocket Pool con APR attorno al 4-5%. Dall’interfaccia vedete che si ottiene in cambio un derivato liquido da poter impiegare nelle applicazioni Defi, e dunque stETH per Lido e rETH per Rocket Pool in rapporto 1:1.

Come sapete fino all’aggiormamento Shangai, lo staking funziona in unica direzione, ovvero è possibile depositare i propri ETH in stake ma non sbloccarli, a meno di pagare una penale.

E’ sicuramente una funzionalità in più per chi utilizza Metamask e non vuole uscire dall’applicazione per connettersi ai servizi di liquid staking esterni.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti e le novità più rilevanti del settore crypto oggi.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Per poter acquistare criptovalute potete utilizzare i seguenti exchange:

EXCHANGE
CARATTERISTICHEVANTAGGI
Più grande exchangeNumerose criptovaluteISCRIVITI
In evidenza
Crypto IndexExchange EuropeoISCRIVITI
App facile da usareCarta VISAISCRIVITI
Criptovalute principaliFacile da usareISCRIVITI

utilizzando questi links avrete uno sconto sulle fees e vari vantaggi.

Se volete, invece, fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.