Crypto.com in Malta primo Exchange ad avere licenza come Banca

Il famoso Exchange di criptovalute Crypto.com ha annunciato di aver lavorato a stretto contatto con l’MFSA. Acronimo di Malta Financial Services Authority, l’agenzia di controllo sui mercati finanziari dell’isola di Malta.

In effetti, già due mesi fa, l’exchange ha ricevuto una licenza per le attività finanziarie virtuali (VFA) di Classe 3 dall’MFSA. Venerdì, la piattaforma di trading ha rivelato che la licenza EMI è stata approvata e la società ritiene che sia un “momento spartiacque per l’industria delle criptovalute”.

Lavorando con l’MFSA, Crypto.com osserva che mira a fornire un “ambiente di trading crittografico conforme”.

“Siamo stati impegnati fin dal primo giorno a costruire un’attività completamente regolamentata”, ha spiegato in una nota Kris Marszalek, cofondatore e CEO di Crypto.com.

“Lavorare con i regolatori è il modo migliore per adempiere alla nostra missione di accelerare la transizione del mondo alla criptovaluta. Essere la prima piattaforma globale di criptovaluta a ricevere una licenza EMI dall’MFSA è una pietra miliare per l’intero settore.”

Malta è stata considerata un hotspot per le società di criptovalute ed è stata persino soprannominata “Blockchain Island”.

Nell’aprile 2020, tuttavia, un rapporto stimava che circa il 70% delle società di criptovalute non avesse chiesto la licenza all’MFSA. All’epoca, nessuna società di risorse digitali aveva ricevuto una licenza e solo 26 società avevano presentato domanda.

Proprio di recente, la Financial Action Task Force (FATF) ha tenuto una riunione riservata ed è stata critica nei confronti della nazione insulare di Malta.

Fonti governative hanno affermato che più di 70 miliardi di dollari si sono spostati attraverso il paese negli anni passati, quando le normative erano lassiste. Tuttavia, lo stesso rapporto ha rilevato che i dirigenti del settore delle criptovalute non erano d’accordo con la stima di $ 70 miliardi del GAFI.

All’interno dell’annuncio della licenza MFSA di Crypto.com, l’exchange ha anche spiegato come si è assicurato l’Australian Financial Service License (AFSL) lo scorso anno a dicembre. Crypto.com ha anche ottenuto un’iscrizione principale con Visa nel marzo 2021.

A seguito della licenza AFSL, la società ha anche affermato che avrebbe offerto carte Visa Crypto.com nel prossimo futuro.

Se volete investire in criptovalute potete cominciare da queste piattaforme regolamentate:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Social trading
*67% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
CFD su Bitcoin e CriptovaluteSocial trading e AutotradingISCRIVITI
Conto demo gratisServizi di intelligenza artificialeISCRIVITI
CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

sono tutti broker con licenza e registrati in Consob.

Malta e criptovalute: una passione che viene da lontano

Lo stato insulare di Malta nel Mar Mediterraneo, col quale ci siamo peraltro spesso scontrati poiché non ci aiuta nella questione immigrati (come del resto tutta l’Unione europea) era già noto da anni per essere amichevole nei confronti delle soluzioni di criptovaluta e della tecnologia blockchain in generale.

Secondo un rapporto regionale, fonti governative affermano che più di 70 miliardi di dollari sono stati spostati nel paese negli anni passati mentre i regolamenti erano lassisti. Inoltre, il Financial Action Task Force (FATF) è stato critico nei confronti di Malta in una recente riunione riservata.

“Fonti a conoscenza di [una] riunione riservata del GAFI”, ha affermato che il regolatore finanziario è preoccupato per Malta, secondo un rapporto regionale pubblicato da timesofmalta.com.

Il GAFI ha tenuto una riunione riservata ed è stato detto che “circa 60 miliardi di euro in criptovaluta” (oltre 70 miliardi di dollari) sono passati attraverso i confini dell’isola di Malta, secondo il rapporto.

Le fonti dell’articolo sono sconosciute, ma i partecipanti alla riunione del GAFI hanno sottolineato che uno dei maggiori problemi con Malta era che presumibilmente “ha facilitato un grande volume di criptovaluta” e lo ha fatto “senza sufficiente supervisione”.

Le organizzazioni e le società che hanno uffici situati a Malta includono società di crittografia come Okex, Coinvest, Decentralized Ventures, Yovo, Ledger Projects, Stasis, Bitmalta e Blockchain Malta Association. Le soluzioni crittografiche e la tecnologia blockchain sono così popolari a Malta che il paese è soprannominato “l’isola Blockchain”.

Alla fine di aprile, tuttavia, mentre le normative travolgevano la nazione maltese, il 70% delle società di criptovalute del settore non aveva ancora chiesto la licenza. Nel frattempo, 26 società di criptovalute hanno fatto domanda, ma nessuna è stata approvata. Le normative sulle criptovalute a Malta hanno iniziato a emergere nel paese nell’estate del 2018.

Il rapporto di timesofmalta.com afferma che fonti anonime del settore delle criptovalute hanno insistito sul fatto che Malta è ora fortemente regolamentata.

Inoltre, hanno negato le stime delle transazioni crittografiche del GAFI che presumibilmente provengono dal paese insulare. Un rapporto scritto da Michael Morell, un ex vicedirettore della Central Intelligence Agency (CIA), ha spiegato che gli scambi di criptovalute hanno dati accessibili a portata di mano.

Inoltre, nel 2019, la Malta Financial Services Authority (MFSA) ha nominato la società di sorveglianza blockchain Ciphertrace per aiutare le autorità di regolamentazione a combattere la non conformità. Il compito di Ciphertrace è monitorare “le transazioni che passano attraverso scambi di criptovalute locali e portafogli digitali”.

Lo studio di timesofmalta.com non rivela come il GAFI abbia ottenuto le sue stime sulle transazioni che mostrano apparentemente miliardi di dollari in criptovalute che attraversano Malta.

Le persone ben informate sulla riunione del GAFI, inoltre, non hanno fornito dettagli sui tempi esatti di queste presunte transazioni.

“Parlando della minaccia del riciclaggio di denaro, è stato a lungo stabilito che le criptovalute come Bitcoin, che utilizzano un registro delle transazioni accessibile al pubblico, sono uno strumento di lotta alla criminalità e di raccolta di informazioni molto efficace”, ha aggiunto il rapporto di Morell.

Considerazioni finali

Ovviamente continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti su Crypto.com. Se intanto vuoi investire in criptovalute in maniera sicura, Capital.com è una delle piattaforme legali e con licenze europee.

Per creare invece il tuo account gratuito sull’exchange Crypto.com clicca qui.

Se invece volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche di copiare dai migliori investitori.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui,