Cross BTC-USD sfonda anche quota 8.000 su possibile passo indietro banca Jp Morgan

Il cross BTC-USD consolida abbondantemente sopra area 8.000, dopo il nuovo record storico toccato a quota 8.380 in avvio di ottava. Al momento della scrittura la criptovaluta si apprezza del 2,60% nei confronti del biglietto verde, passando di mano a quota 8.200.

Dopo lo scalpore destato dal furto subito da Tether, una start-up di token digitali in dollari, che sotto un attacco hacker si è vista sottrarre un corrispettivo di valute digitali pari a quasi 31 milioni di euro, il Bitcoin ha continuato la propria ascesa, in forte recupero dall’improvviso calo del 6% che aveva riportato la coppia appena sotto quota 7.800. L’episodio aveva sollevato ulteriori dubbi tra i denigratori delle criptovalute sull’affidabilità dei sistemi di sicurezza legati alle transazioni.

Ulteriore spinta sui nuovi massimi storici è arrivata dopo le indiscrezioni secondo cui, anche JP Morgan stia valutando di offrire la possibilità di fare trading online con il Bitcoin una volta che il mercato dei Futures CME dedicherà un apposito contratto derivato sulla valuta digitale per eccellenza. La banca d’affari americana, soltanto un paio di settimane fa, aveva fatto sapere tramite le dichiarazioni del proprio CEO, Jamie Dimon, di non vedere di buon occhio il fenomeno Bitcoin, additandolo come una delle peggiori “bolle “ degli ultimi anni. Dimon si era proprio spinto oltre, minacciando di licenziare qualsiasi dipendente della JP Morgan che avesse “osato“ fare trading con le valute virtuali.

Sembra che il passo indietro della banca d’investimenti sia stato condizionato dalle crescenti richieste dei propri clienti di avere a disposizione gli strumenti adatti per operare una volta che il mercato CME di Chicago lo consentirà di fare. La decisione finale sarà presa da JP se la domanda finale sarà effettivamente alta. Goldman Sachs, Bank of America Merrill Lynch e Morgan sono già i le Big Bank americane che hanno deciso di offrire il proprio servizio di broker online sulla criptovaluta.

Andamento cambio Bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo


Quadro grafico sul cross BTC-USD nettamente rialzista, con le quotazioni che hanno trovato un sostegno di brevissimo nella media mobile a 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto) transitante in area 7.850.

E’ormai da più settimane che tra gli ambienti dei trader delle criptovalute circola la voce che il Bitcoin sia ormai destinato a salire verso quota 10.000. Nonostante anche l’impostazione tecnica sembri confermare i pronostici più ottimisti, è bene agire sempre con i piedi di piombo e valutare l’evolversi della situazione, step by step, senza farsi prendere dai facili entusiasmi. Del resto dopo un rally del 700% da inizio anno, delle decise e durature prese di beneficio potrebbero essere del tutto lecite.

Al ribasso, persa EMA 10, i corsi della coppia BTC-USD potrebbero scivolare verso il supporto successivo, rappresentato dalla media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico), mentre per un’inversione di medio periodo sarebbe necessaria una chiusura settimanale sotto la media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), tutto sommato ancora a debita distanza, in area 6.500. Al rialzo, invece, in caso di break-out daily dei recenti massimi, attesi allunghi verso nuovi record storici prima in area 8.500 e successivamente verso quota 9.000

Andamento cross ETH-USD

Vola su nuovi record storici anche il cross ETH-USD che ha rotto al rialzo anche quota 450, evidenziando un rialzo settimanale superiore ai 30 punti percentuali.

Pattern di trading su cambio bitcoin-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long prende quota in caso di chiusura oraria o daily oltre quota 8.285 e pronostica primi due target price in area 8.420 e 8.505; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.075 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori balzi oltre quota 8.505 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.640 e successivamente a quota 8.780; stop loss in caso di close orario minore di 8.285

Suggeriti ulteriori Long in caso di estensioni oltre quota 8.780 in close orario o daily, per puntare a prendere profitto in area 8.922 e 9.065, estesa a quota 9.305; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.505 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 7.180, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 7.375 ed in un secondo momento a quota 7.495; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 6.990 in chiusura giornaliera.

Il pattern di trading Short, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 8.075 in chiusura di candela oraria daily, e suggerisce di prendere profitto, in area 7.945 e 7.870; stop loss in caso di recupero oltre quota 8.285 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.870, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.745 ed in seconda battuta a quota 7.615; stop loss in caso di ritorno sopra quota 8.075 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali cali sotto quota 7.615 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 7.495 e 7.375, estesa a quota 7.180; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.870 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 9.305, per sfruttare eventuali storni in un primo momento a quota 9.065 e successivamente a quota 8.780; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 9.550 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY