Cross bitcoin-dollaro bloccato in trading-range 9.100-9.600

Settimana poco mossa per la coppia Bitcoin-Dollaro, che ha scambiato all’interno di un box di congestione abbastanza definito, compreso tra quota 9.100 e quota 9.600. mentre scriviamo il cambio BTC-USD passa di mano a circa 9.210, in calo dell’1,25%.

La criptovaluta per eccellenza nel brevissimo continua a beneficiare dell’apertura di Pechino verso la blockchain, ovvero la tecnologia che sta alla base del modo delle valute digitali. Nella lista del governo cinese delle industrie “indesiderate“ non compare più l’attività di mining.

Dalla Russia, intanto, è arrivata la notizie che una società di mining è pronta ad aprire una struttura che sarà capace di inglobare il 20% dell’attività internazionale.A capo della Russian Mining Company ci sarà un difensore civico russo, il cui piano prevede la conversione di un centro siderurgico nella provincia settentrionale della Caralia, precedentemente chiuso per colpa delle sanzioni statunitensi del 2018, che pertanto diventerà una mining farm capace di farsi carico di 1/ dell’intera produzione mondiale.

Moti investitori e trader non potranno mai dimenticare il rally di fine 2017, che portò il valore del Bitcoin a quasi 20 mila dollari. Da uno studio condotto da alcuni professori statunitensi è emerso che dietro la bolla che fece schizzare le quotazioni sui massimi storici appena indicati, di fu una singola “ balena “, ovvero un unico grande investitore. Il report cita che fu Bitfinex utilizzando Tether, ossia acquistando grandi quantità di BTC mentre scendeva, ad architettare il prorompente rally. Bitfinex ha rimandato al mittente ogni accusa mossa dallo studio statunitense, ritenendolo infondato.

Si susseguono i sondaggi sul BTC, che dopo il recupero delle ultime due settimane, viene sempre più visto positivamente. Un rapporto condotto da Ron Paul, ex membro del congresso in Texas, e forte sostenitore delle criptovalute ha mostrato che la maggioranza degli interpellati dal sondaggio preferirebbe investire in Bitcoin piuttosto che in valuta tradizionale. Tra le 70.000 persone che vi hanno partecipato, la scelta sul BTC è stata di una percentuale pari al 58%.

Sotto l’aspetto tecnico, invece, gli analisti sono diventati più ottimisti nel breve-medio periodo, grazie alla riconquista si area 9.000, un livello che se varrà da supporto, sarà la giusta base per ambire ad un ritorno, nel medio-lungo periodo verso area 14.000.

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio 24option (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Andamento cambio bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo

Sotto l’aspetto tecnico, come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, sul brevissimo, la coppia ha trovato supporto sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che passa sugli attuali livelli, in area 9.215.

Sostegno di breve-medio periodo che invece si è appiattito in zona 8.980-8.950, area di transito delle medie mobili a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico. L’eventuale discesa sotto il supporto appena indicato, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potrebbe causare una possibile flessione in area 8.500, in prima battuta, e successivamente un ulteriore scivolone verso quota 8.200-8.000.

Il break-out della forte resistenza dinamica che si colloca in area 9.600, invece, potrebbe favorire un primo allungo in area 10.200 ed una successiva estensione in area 10.800.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Ottava poco movimentata anche per la coppia ETH-USD, che ha oscillato tra un minimo in area 178 ed un massimo in area 194. Mentre scriviamo il rapporto di cambio tra l’Ethereum ed il biglietto verde quota in area 186,in ribasso dell’1,90%.

Modello di trading sul cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 9.293 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 9.441 e 9.591; stop loss in caso di ritorno sotto quota 9.142 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 9.591 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 9.746 e successivamente a quota 9.903; stop loss in caso di close orario minore di quota 9.293.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 9.903 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 10.064 e 10.327, estesa a quota 10.597; stop loss in caso di ritorno sotto quota 9.746 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 7.991, per sfruttare eventuali rimbalzi in 8.207 e 8.425, estesi a quota 8.565; stop loss in caso di discesa 7.780 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, necessita di una flessione sotto quota 9.142 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 8.994 e 8.848; stop loss in caso di recupero oltre 9.293 quota in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 8.848, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 8.705 ed in seconda battuta a quota 8.565; stop loss in caso di ritorno sopra quota 9.142 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 8.565 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 8.425 e 8.207, estesa a quota 7.991 stop loss in caso di recupero sopra quota 8.848 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 10.597, per sfruttare eventuali storni a 10.327 e 10.064, estesi a quota 9.903; stop loss in caso di ulteriori strappi oltre quota 10.875 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY