Criptovalute, Snowden lancia allarme: NSA spia chi possiede Bitcoin

Criptovalute Vs Istituzioni. La guerra continua. La moneta digitale continua a suscitare la diffidenza da parte di governi e Banche, proprio per il suo sfuggire ai controlli delle autorità preposte. E così le autorità stanno studiando un modo per controllarle e restringerne le operazioni. Anche perché possono essere utilizzate per attività illegali come il riciclaggio di denaro sporco, il finanziamento al terrorismo e la compravendita di armi.

Ma per ora, a parte il totale ban di Cina e Russia e una stretta sugli Exchange in Corea del sud, non è arrivata una linea comune tra i vari Paesi. Poteva essere la volta buona nel corso del G20 che si è tenuto in questa settimana a Buenos Aires dove si sono riuniti i Ministri delle finanze dei vari Paesi. Ma si è concluso con una fumata nera. Non essendo stato trovato un accordo tra le parti. L’Unione europea, invece, ne riparlerà non prima del 2019. Quando ci sarà anche il rinnovo del Parlamento europeo.

Negli Stati Uniti, intanto, arriva un’altra notizia inquietante. Sempre in tema di spionaggio e grandi fratelli montati ad arte per spiare i clienti. Del resto, gli amanti delle criptovalute che stanno da tempo abitando le fantasie delle spie americane, che sovvertono il boom e la controversa moneta digitale. Sempre più popolare tra gli speculatori che si arricchiscono rapidamente, il bitcoin è iniziato come un progetto ambizioso per rendere pubbliche le transazioni finanziarie e matematicamente verificabili, offrendo allo stesso tempo discrezione.

I governi, con un interesse acquisito a controllare come si muove il denaro, credevano che alcuni dei sostenitori feroci di Bitcoin, cercassero naturalmente di ostacolare l’ordine finanziario tecno-libertario in arrivo.

I documenti classificati forniti dall’informatore Edward Snowden mostrano che la National Security Agency (meglio conosciuta come NSA, già nell’occhio del ciclone per uno spionaggio di dati internazionale) ha effettivamente lavorato con urgenza per indirizzare gli utenti bitcoin in tutto il mondo e ha maneggiato almeno una misteriosa fonte di informazioni per “aiutare a rintracciare mittenti e destinatari di Bitcoin “, secondo un top- passaggio segreto in un rapporto interno della NSA risalente a marzo 2013. L’origine dei dati sembra aver sfruttato la capacità della NSA di raccogliere e analizzare il traffico Internet grezzo e globale sfruttando anche un programma software senza nome che si proponeva di offrire l’anonimato agli utenti, secondo altri documenti.

Nsa vuole stanare possessori criptovalute

Sebbene l’agenzia fosse interessata a sorvegliare alcune criptovalute concorrenti, “Bitcoin è la priorità numero uno”, ha dichiarato un rapporto interno alla NSA del 15 marzo 2013. Quindi in una epoca nella quale Bitcoin era ancora lontana da quanto avrebbe fatto nel 2017.

I documenti indicano che gli utenti bitcoin di “rintracciamento” sono andati ben oltre l’esame approfondito del libro mastro delle transazioni pubbliche di bitcoin, noto come Blockchain, in cui gli utenti vengono tipicamente citati attraverso identificatori anonimi; il tracciamento potrebbe anche comportare la raccolta di dettagli intimi sui computer di questi utenti.

La NSA ha raccolto informazioni sulla password di alcuni bitcoin, attività su Internet e un tipo di numero identificativo univoco del dispositivo noto come indirizzo MAC, suggerito un memo della NSA del 29 marzo 2013. Nello stesso documento, gli analisti hanno anche discusso del rilevamento degli indirizzi internet degli utenti, delle porte di rete e dei timestamp per identificare gli “Obiettivi BITCOIN”.

L’agenzia sembra aver voluto ancora più dati: il memorandum del 29 marzo ha sollevato la questione se l’origine dei dati abbia convalidato i suoi utenti e ha suggerito che l’agenzia conservasse le informazioni bitcoin in un file denominato “Provider user full.csv.” funzionalità di ricerca contro i bitcoin target, suggerendo che l’NSA potrebbe aver utilizzato il suo sistema di ricerca XKeyScore, dove sono state catalogate le informazioni bitcoin e un’ampia gamma di altri dati NSA , per migliorare le sue informazioni sugli utenti bitcoin.

Un documento di riferimento NSA indicava che l’origine dati forniva “dati utente come informazioni di fatturazione e indirizzi di protocollo Internet”. Con questo tipo di informazioni in mano, mettere un nome a un determinato utente di bitcoin sarebbe facile.

L’operazione di spionaggio bitcoin in erba della NSA sembra essere stata abilitata dalla sua ineguagliata capacità di fruire il traffico dalle connessioni fisiche dei cavi che formano Internet e traghettare il suo traffico intorno al pianeta. A partire dal 2013, il monitoraggio bitcoin della NSA è stato realizzato tramite il codice in codice OAKSTAR, una raccolta di partnership aziendali segrete che consente all’agenzia di monitorare le comunicazioni, anche raccogliendo dati via Internet mentre viaggiavano lungo cavi in fibra ottica che si trovano su Internet.

Le principali criptovalute

LogoSimboloNomeQuotazioneVar. %Market Cap

NSA sta usando Monkeyrocket per monitorare Bitcoin

Nello specifico, la NSA ha preso di mira il bitcoin attraverso MONKEYROCKET, un sottoprogramma di OAKSTAR, che ha sfruttato le apparecchiature di rete per raccogliere dati dal Medio Oriente, dall’Europa , dal Sud America e dall’Asia , secondo le descrizioni classificate. A partire dalla primavera del 2013, MONKEYROCKET è stata “l’unica fonte di SIGDEV per i BITCOIN Targets” , ha affermato il rapporto dell’NSA del 29 marzo 2013 usando il termine per lo sviluppo dell’intelligence dei segnali, “SIGDEV”, per indicare che l’agenzia non aveva altro modo di sorvegliare utenti bitcoin. I dati ottenuti tramite MONKEYROCKET sono descritti nei documenti come sorveglianza “full take”, ovvero l’intera serie di dati che passano attraverso una rete è stata esaminata e almeno alcune intere sessioni di dati sono state archiviate per un’analisi successiva.

Allo stesso tempo, MONKEYROCKET è anche descritto nei documenti come un “servizio di anonimizzazione di Internet non occidentale” con una “base di utenti significativa” in Iran e Cina, con il programma portato online nell’estate 2012. Non è chiaro quale sia esattamente questo prodotto era, ma sembrerebbe che sia stato promosso su internet con falsi pretesti: l’NSA nota che parte della sua “strategia a lungo termine” per MONKEYROCKET era quella di “attrarre obiettivi nel terrorismo, Al Qaida” verso l’uso di questo “Browsing product”, che “l’NSA può quindi sfruttare”.

L’ambito del targeting si espanderebbe quindi oltre i terroristi. Qualunque fosse questo pezzo di software, funzionava come un’esca e un interruttore della privacy, inducendo gli utenti bitcoin a utilizzare uno strumento che pensavano potesse fornire l’anonimato online, ma in realtà stava incanalando i dati direttamente alla NSA.

L’ipotesi che l’NSA “avrebbe lanciato un’intera operazione all’estero sotto false pretese” solo per tracciare gli obiettivi è “perniciosa”, ha detto Matthew Green, assistente professore presso l’Istituto per la sicurezza delle informazioni della Johns Hopkins University. Tale pratica potrebbe diffondere la diffidenza nei confronti del software per la privacy in generale, in particolare in aree come l’Iran, dove questi dissidenti hanno disperatamente bisogno di questi strumenti. Questo “alimenta una narrazione secondo cui gli Stati Uniti sono inaffidabili”, ha affermato Green. “Questo mi preoccupa.”

Quello della Nsa è un nuovo duro colpo per le criptovalute?

La NSA ha rifiutato di commentare questo articolo. La Bitcoin Foundation, un’organizzazione non profit di advocacy, non ha potuto commentare immediatamente.

Questo “alimenta una narrazione secondo cui gli Stati Uniti sono inaffidabili”. SEBBENE OFFRA molti benefici e vantaggi pratici rispetto alla valuta tradizionale, una parte cruciale della promessa del bitcoin è il suo decentramento. Non c’è Bank of Bitcoin, nessuna entità singola che tenga traccia della valuta o dei suoi spenditori. Bitcoin è spesso frainteso come completamente anonimo; infatti, ogni transazione è legata a codici ID accessibili pubblicamente inclusi nella Blockchain, e le società di “scambio” bitcoin in genere richiedono informazioni bancarie o di carte di credito per convertire Bitcoin in dollari o euro.

Ma bitcoin offre una privacy molto maggiore rispetto ai metodi di pagamento tradizionali, che richiedono informazioni personali fino al numero di previdenza sociale incluso, o devono essere collegati a un metodo di pagamento che richiede tali informazioni.

Inoltre, è possibile condurre transazioni private bitcoin che non richiedono broker di scambio o informazioni personali. Come spiegato nel white paper del 2009 che lancia bitcoin , “il pubblico può vedere che qualcuno sta inviando un importo a qualcun altro, ma senza informazioni che collegano la transazione a chiunque.” Per gli aderenti di bitcoin in tutto il mondo, questa capacità di eseguire transazioni segrete fa parte cosa rende la valuta così speciale e una tale minaccia per lo status quo finanziario globale. Ma la relativa privacy delle transazioni bitcoin ha naturalmente frustrato i governi di tutto il mondo e le forze dell’ordine in particolare – è difficile “seguire i soldi” per i criminali quando il denaro è progettato per essere più difficile da seguire. In una lettera al Congresso del novembre 2013 , un funzionario della sicurezza interna ha scritto che “con l’avvento di c urrenze virtuali e la facilità con cui le transazioni finanziarie possono essere sfruttate da organizzazioni criminali, il DHS ha riconosciuto la necessità di una posizione aggressiva verso questa tendenza in evoluzione“.

Green ha detto a The Intercept che crede che il componente “browsing product” di MONKEYROCKET sia molto simile a una rete privata virtuale o VPN. Le VPN crittografano e reindirizzano il traffico Internet per mascherare ciò che stai facendo su Internet. Ma c’è un problema: devi fidarti della compagnia che ti fornisce una VPN, perché fornisce sia software che un servizio di rete in corso che potenzialmente consente loro di vedere dove stai andando online e persino di intercettare parte del tuo traffico. Una VPN senza scrupoli avrebbe accesso completo a tutto ciò che fai online.

Emin Gun Sirer, professore associato e co-direttore dell’Iniziativa per Criptovalute e Contratti alla Cornell University, ha dichiarato a The Intercept che la privacy finanziaria “è qualcosa che conta incredibilmente” per la comunità bitcoin, e si aspetta che “le persone attente alla privacy passino alle monete orientate alla privacy “dopo aver appreso del lavoro della NSA qui. Nonostante la reputazione di bitcoin per la privacy, Sirer ha aggiunto, “quando il modello avversario coinvolge la NSA, la pseudonimia scompare. … Dovresti davvero abbassare le tue aspettative sulla privacy su questa rete. ”

“Le persone attente alla privacy passeranno alle monete orientate alla privacy”. Green, che ha co-fondato e attualmente consiglia un concorrente bitcoin incentrato sulla privacy quale la criptovaluta Zcash, ha fatto eco a questi sentimenti, affermando che le tecniche della NSA rendono le caratteristiche della privacy in tutte le valute digitali come Ethereum o Ripple “totalmente senza valore” per coloro che sono presi di mira.

L’interesse della NSA per la criptovaluta è “cattiva notizia per la privacy, perché significa che oltre al problema veramente difficile di rendere private le transazioni reali … devi anche assicurarti che tutte le connessioni di rete siano sicure”, ha aggiunto Green. Green ha detto di essere “piuttosto scettico” sul fatto che l’utilizzo di Tor, il popolare browser anonimo, possa ostacolare l’NSA a lungo termine. In altre parole, anche se ti fidi della tecnologia sottostante di bitcoin (o quella di un’altra moneta), dovrai comunque essere in grado di fidarti della tua connessione a Internet – e se sei preso di mira dalla NSA, sarà un problema.

I documenti dell’NSA osservano che, sebbene MONKEYROCKET funzioni toccando un sito di cavi in fibra ottica ” straniero ” non specificato, e che tali dati siano poi inoltrati al Centro tecnico europeo dell’agenzia a Wiesbaden, in Germania, a volte si sono svolti incontri in Virginia . La Virginia del Nord è stata per decenni una città in espansione sia per il vasto stato della sicurezza nazionale che per i colossi Internet americani: le telecomunicazioni , le compagnie Internet e le agenzie di spionaggio chiamano la periferia della zona e i parchi degli uffici a casa.

Bitcoin potrebbe essere stato il principale obiettivo della criptovaluta della NSA, ma non era l’unico. Il rapporto dell’NSA del 15 marzo 2013 ha dettagliato i progressi sulla sorveglianza bitcoin di MONKEYROCKET e ha osservato che le spie americane stavano anche lavorando per rompere Liberty Reserve, un lontano predecessore. A differenza del bitcoin, per il quale facilitare gli affari di droga e il riciclaggio di denaro era secondario rispetto a obiettivi più grandi, Liberty Reserve era più o meno progettato pensando alla criminalità. Nonostante il suo quartier generale in Costa Rica, il sito è stato accusato di gestione di un “schema di riciclaggio” da $ 6 miliardi e triplice squadra dal Dipartimento di Giustizia, Homeland Security e IRS degli Stati Uniti, con una condanna a 20 anni per il suo fondatore ucraino. A marzo 2013 – solo due mesi prima della rimozione e incriminazione della Liberty Reserve – l’NSA considerava il cambio di valuta il suo obiettivo n. 2, secondo solo a bitcoin. L’accusa e il perseguimento della Liberty Reserve e del suo staff non hanno fatto alcun cenno all’aiuto dell’NSA.

“Il governo non dovrebbe nascondere le vere fonti per le sue prove”.

Appena cinque mesi dopo che Liberty Reserve è stata chiusa, i federali hanno rivolto la loro attenzione a Ross Ulbricht, che sarebbe poi stato condannato come la mente dietro il noto mercato delle droghe darkweb Silk Road, dove le transazioni sono state condotte in bitcoin, con un taglio verso il sito proprietario. A quanto risulta Ulbricht deteneva bitcoin per un valore di $ 28,5 milioni al momento del suo arresto. Parte della sua mancata difesa è stata l’insistenza che la storia dell’FBI su come lo ha trovato non si è accumulata e che il governo potrebbe aver scoperto e penetrato i server della Via della Seta con l’aiuto dell’NSA – forse illegalmente. L’accusa ha respinto questa teoria senza mezzi termini:

Avendo fallito nel suo precedente atto di licenziamento di tutte le accuse del governo, Ulbricht ora spinge questa Corte a sopprimere praticamente tutte le prove del Governo, sulla base del fatto che è stato presumibilmente ottenuto in violazione del Quarto Emendamento. Ulbricht non offre alcuna prova di una cattiva condotta da parte del governo a sostegno di questa affermazione radicale. Invece, Ulbricht evoca uno spauracchio – l’Agenzia per la sicurezza nazionale (“NSA”) – che Ulbricht sospetta, senza alcuna prova, era responsabile per la localizzazione del server Silk Road, in un modo che semplicemente ipotizza in qualche modo violato il Quarto Emendamento.

Sebbene i documenti trapelati da Snowden non si riferiscano al fatto che la NSA abbia aiutato l’inchiesta sulla Silk Road dell’FBI, mostrano che l’agenzia lavora per smascherare gli utenti bitcoin circa sei mesi prima dell’arresto di Ulbricht e che aveva lavorato per monitorare la Liberty Reserve nello stesso periodo. La fonte del monitoraggio di bitcoin e Liberty Reserve, MONKEYROCKET, è governata da un’autorità di sorveglianza all’estero nota come Executive Order 12333, la cui lingua si ritiene offra ampia libertà alle forze dell’ordine statunitensi per utilizzare l’intelligence quando indagano sui cittadini statunitensi.

I libertari civili e i ricercatori della sicurezza hanno a lungo temuto che l’intelligence, altrimenti inammissibile, proveniente dall’agenzia venga utilizzata per costruire casi contro gli americani attraverso un processo noto come “costruzione parallela”: costruire un procedimento penale usando prove ammissibili ottenute consultando prima altre prove, che viene mantenuta segreto, fuori dalle aule di tribunale e all’occhio pubblico. Un’inchiesta precedente di The Intercept , basata su documenti e documenti giudiziari di Snowden, ha trovato prove che le forme di sorveglianza più controversi della NSA, che implicano un controllo massiccio senza scrupoli di e-mail e cavi in ​​fibra ottica, potrebbero essere state utilizzate in tribunale tramite costruzioni parallele.

Patrick Toomey, un avvocato con il progetto di sicurezza nazionale dell’ACLU, ha detto che i documenti bitcoin della NSA, sebbene circostanziali, sottolineano una domanda seria e continua nelle forze dell’ordine americane:

Se le indagini criminali del governo si affidassero segretamente allo spionaggio dell’NSA, sarebbe una seria preoccupazione. Gli individui che devono affrontare procedimenti penali hanno il diritto di sapere in che modo il governo è arrivato con le sue prove, in modo che possano contestare se i metodi del governo fossero leciti. Questo è un principio basilare del giusto processo. Il governo non dovrebbe nascondere le vere fonti per le sue prove in tribunale inventando una pista diversa.

Anche se un documento della NSA su MONKEYROCKET ha dichiarato che la preoccupazione “iniziale” del programma era l’antiterrorismo, ha anche affermato che “altri utenti mirati includeranno quelli ricercati dagli uffici dell’NSA come Int’l Crime & Narcotics, Follow-The-Money e Iran.” L’8 marzo 2013 la nota della NSA affermava che il personale dell’agenzia sperava di utilizzare MONKEYROCKET per la sua missione di guardare al crimine organizzato e ai cyber-obiettivi che utilizzano servizi online di moneta elettronica per spostare e riciclare denaro. “Non c’è alcuna elaborazione su chi è considerato un “Obiettivo cibernetico”.

NSA cos’è

La National Security Agency (NSA) è un’agenzia di intelligence a livello nazionale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, sotto l’autorità del Direttore dell’intelligence nazionale. La NSA è responsabile per il monitoraggio globale, la raccolta e l’elaborazione di informazioni e dati per scopi di intelligence e controspionaggio, specializzandosi in una disciplina nota come intelligence dei segnali (SIGINT).

L’NSA ha anche il compito di proteggere le reti di comunicazione degli Stati Uniti e i sistemi di informazione. L’NSA si basa su una varietà di misure per portare a termine la sua missione, la maggior parte delle quali sono clandestine. Originariamente una unità per decifrare comunicazioni codificate nella seconda guerra mondiale, è stato ufficialmente costituito come NSA dal presidente Harry S. Truman in 1952. Da allora, è diventata una delle più grandi organizzazioni di intelligence statunitensi in termini di personale e budget. La NSA attualmente conduce una raccolta di dati di massa in tutto il mondo ed è nota per insidiare fisicamente i sistemi elettronici come un metodo a tal fine.

La NSA è stata anche accusata di essere dietro a software di attacco come Stuxnet, che ha gravemente danneggiato il programma nucleare iraniano. L’NSA, insieme alla Central Intelligence Agency (CIA), mantiene una presenza fisica in molti paesi in tutto il mondo; il servizio di raccolta speciale congiunto CIA / NSA (un team di intelligence altamente qualificato) inserisce dispositivi intercettatori in obiettivi di alto valore (come palazzi presidenziali o ambasciate). Le tattiche di raccolta della SCS presumibilmente comprendono “sorveglianza ravvicinata, furto con scasso, intercettazione, rottura e ingresso”.

A differenza della CIA e della Defense Intelligence Agency (DIA), entrambe specializzate principalmente in spionaggio umano straniero, la La NSA non conduce pubblicamente raccolta di informazioni su fonti umane. L’NSA è incaricata di fornire assistenza e il coordinamento di elementi SIGINT per altre organizzazioni governative, che sono impedite dalla legge a intraprendere tali attività per conto proprio. Come parte di queste responsabilità, l’agenzia ha un’organizzazione co-localizzata chiamata Central Security Service (CSS), che facilita la cooperazione tra l’NSA e altri componenti della crittanalisi della difesa degli Stati Uniti.

Per assicurare ulteriormente la comunicazione tra le divisioni della comunità di intelligence dei segnali, il Direttore della NSA serve contemporaneamente come Comandante del Cyber Command degli Stati Uniti e come Capo del Servizio di sicurezza centrale. Le azioni della NSA sono state oggetto di polemiche politiche in diverse occasioni, tra cui la sua spionaggio sui leader della guerra contro il Vietnam e la partecipazione dell’agenzia allo spionaggio economico.

Nel 2013, la NSA aveva rivelato al pubblico molti dei suoi programmi segreti di sorveglianza da Edward Snowden, un ex appaltatore della NSA. Secondo i documenti trapelati, la NSA intercetta e archivia le comunicazioni di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, compresi i cittadini degli Stati Uniti. I documenti hanno anche rivelato che l’NSA tiene traccia di centinaia di milioni di movimenti di persone utilizzando i metadati dei cellulari. A livello internazionale, la ricerca ha indicato la capacità della NSA di sorvegliare il traffico interno di Internet di paesi stranieri attraverso il “routing boomerang”.

In Giappone rubati 662 milioni di dollari in criptovalute

Intanto, è stato anche quantificato il furto di criptovalute in Giappone nel 2017. Ben 662,40 milioni di yen ($ 6,3 milioni di dollari) nel 2017, il primo riscontro effettuato dalla polizia giapponese giovedì 22 marzo. L’Agenzia nazionale di polizia è a conoscenza di 149 casi di hackeraggi di criptovaluta illegali mirati lo scorso anno. In molti casi, gli hacker hanno avuto accesso al “portafoglio” di un utente, in cui sono archiviate le chiavi pubbliche e private utilizzate per tenere conto e spendere le valute virtuali.

I furti hanno spesso visto criptovalute come bitcoin, ethereum e ripple poi trasferiti su altri account. Un totale di 16 scambi registrati con il governo giapponese sono stati colpiti, secondo la polizia. Misure di sicurezza probabili hanno aiutato gli hacker poiché solo gli ID e le password erano necessari per accedere agli account in 122 casi, rappresentando oltre l’80% delle violazioni totali. Alla fine di gennaio , 58 miliardi di yen della criptovaluta NEM è stata rubata dall’operatore di cambio Coincheck Inc., con sede a Tokyo, nel più grande rapinatore di valuta digitale della storia.

La polizia sta indagando sul furto che si ritiene sia stato effettuato con l’aiuto di un virus inviato via email agli impiegati dell’azienda. Nel frattempo, il numero di trasferimenti illeciti online di yen e altre valute fisiche consolidate che coinvolgono istituzioni finanziarie con sede in Giappone è stato pari a 425 2017, meno di un quarto del picco registrato nel 2014.

Le misure di sicurezza introdotte per le transazioni valutarie convenzionali, come l’introduzione di password monouso valide per una sola sessione, sono ritenute già misure obsolete. Gli hacker potrebbero aver spostato la loro attenzione sugli utenti di criptovaluta, asseriscono i poliziotti nipponici.

In Italia bloccato sito Crypt.trade

Anche l’Italia ha però i suoi grattacapi con le criptovalute. Dopo una denuncia presentata dalla Consob, la procura della Repubblica ha disposto il sequestro di un sito web che offriva lo scambio di criptovalute, tra cui la valuta digitale più conosciuta al mondo. Il Bitcoin. Secondo quanto attestato dalla Procura, l’accusa nei confronti del portale internet Crypt.trade è di vendita illeciti di prodotti finanziari.

Se questa notizia non avrà molto probabilmente particolare peso sull’andamento del prezzo del Bitcoin, ne avrà sicuramente sugli Exchange italiani, almeno quelli che hanno la stessa filosofia di Crypt.trade.

Nelle ultime ore sta facendo parlare di sé la criptovaluta EOS, che ha raggiunto il 23 marzo il quinto posto, scavalcando le criptovalute NEO e Stellar, ma anche Monero. Che dopo un buon inizio, da tempo ha perso la Top five.

Nella Top 20 EOS è l’unica criptovaluta che continua a salire, con una capitalizzazione pari a 5.038.604.491 USD. Il prezzo è di 6,75 USD.

Dopo Facebook e Google, anche Twitter bloccherà Ads su criptovalute

E per concludere le notizie non proprio positive riguardo le criptovalute, riportiamo che anche Twitter abbia deciso di bloccare i banner sulle criptovalute come già fatto da Facebook e Google. Twitter, il gigante dei social media online si appresta a vietare la pubblicità di criptovalute.

Nelle ultime settimane Twitter è stato preso di mira da truffatori che rappresentano personaggi famosi e influencer per ingannare i follower e inviare criptovaluta in ritorno per un pagamento più elevato, che ovviamente non viene mai. In risposta, Twitter ha detto che sta implementando misure per fermare tali attività illecite, tuttavia, non si sa come queste misure funzionerebbero.

Twitter ha subito le pressione dell’FBI?

Secondo Sky News, il gigante dei social media sta pianificando di respingere una serie di annunci di criptovaluta, se non tutti, a seguito di una imminente pressione normativa. Rapportunatamente, la mossa di Facebook e Google per vietare annunci crittografici sulle loro piattaforme era dovuta a pressione dal Federal Bureau of Investigation (FBI) tra la crescente preoccupazione per le attività illecite associate all’interno dello spazio cripto. Non è noto se Twitter stia prendendo provvedimenti contro la criptovaluta a causa delle pressioni normative dell’FBI o se è auto-motivato.

Come per Sky News, la nuova politica pubblicitaria di Twitter proibirà inizialmente gli annunci associati a Initial Coin Offerings (ICOs), criptovalute wallet e vendite di token. Sebbene il divieto non sia annunciato ufficialmente, secondo una fonte vicina a Twitter, potrebbe essere attuato entro due settimane. Per ora, il divieto incombente potrebbe anche influenzare gli annunci da scambi di valuta digitale, tuttavia, alcune eccezioni sono probabili.

Il precedente di Facebook e Google

Lo scorso 30 gennaio 2018, Facebook ha vietato annunci crittografici o altri prodotti finanziari che ingannano gli utenti. Riguardo al divieto “intenzionalmente ampio”, Facebook ha dichiarato: “Vogliamo che le persone continuino a scoprire e conoscere nuovi prodotti e servizi attraverso le pubblicità di Facebook senza temere truffe o inganni. Detto questo, ci sono molte aziende che pubblicizzano opzioni binarie, ICO e criptovalute che attualmente non funzionano in buona fede”.

Recentemente, il gigante dei motori di ricerca Google ha condiviso anche un punto di vista simile a Facebook e ha annunciato che vieterà gli annunci relativi alla criptovaluta a partire da giugno 2018. Pochi giorni prima, il Financial Stability Board (FSB) – l’organismo internazionale che controlla il sistema finanziario globale, ha affermato che le criptovalute non rappresentano una minaccia per la stabilità finanziaria in questo frangente. Mark Carney, Presidente e Governatore della Banca d’Inghilterra del FSB, ha scritto in una lettera al ministro delle Finanze e ai banchieri centrali del G20, che il mercato crittografico è “minuscolo” rispetto all’ecosistema finanziario regolamentato e non pone alcun rischio per la stabilità finanziaria. non è sicuro quale sarà l’entità del divieto di Twitter.

È probabile che includa le ICO e gli eventi di vendita di token come minimo, dal momento che hanno attirato la maggior notorietà dalla regolamentazione nell’ultimo anno.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY