Criptovaluta NEO: come funziona e perché è sulla bocca di tutti

Cos’è Criptovaluta NEO? Come funziona Criptovaluta NEO? NEO è una truffa? Conviene investire in NEO? Dalla Cina con furore. NEO è una criptovaluta lanciata dal 22 giugno 2017, sebbene sia un cambio di nome della già vivente criptovaluta Antshares, nata nel 2014 in Cina per rinnovare le transazioni commerciali.

NEO sta interessando molto gli investitori in quanto, oltre ad avere le caratteristiche solite di tutte le criptovalute (si basa su una tecnologia blockchain e sfrutta una rete peer-to-peer che rende le transazioni crittografate per preservare la privacy dei translatori), supporta altresì la possibilità di generare identità digitali e di sottoscrivere i cosiddetti smart contracts (come ad esempio fa Ethereum). Dunque anch’essa, come ad esempio Ethereum o Ripple, non si pone sul mercato come semplice moneta digitale, bensì come micro-mondo economico dove è possibile effettuare scambi commerciali sfuggendo alle regole bancarie e alle leggi dei governi centrali.

Nella classifica per capitalizzazione delle criptovalute, NEO si piazza all’undicesimo posto, con 1.457.000.000 circa di dollari. Ma secondo gli esperti è sicuramente destinato a salire. Vediamo di seguito tutte le caratteristiche di NEO, partendo proprio dalle similitudini e dalle differenze con le prime due della classe: Bitcoin ed Ethereum. La prima nata nel 2009 da una idea di Satoshi Nakatomo e la seconda nel 2013 da una idea del giovane Vitalik Buterin.

Sommario

NEO differenze e somiglianze con Bitcoin ed Ethereum

Cosa ha in comune NEO con Bitcoin ed Ethereum? Il fatto di essere, come le altre monete digitali, decentralizzate, di usare un linguaggio open source, una tecnologia blockchain per il blocco delle transazioni, ed una rete peer-to-peer al fine di criptare le transazioni stesse e rendere impossibile ogni tentativo di duplicazione o falsificazione. Con Ethereum, in particolare, NEO ha in comune la possibilità di produrre smart contracts. Ovvero contratti digitali non regolati dalle ordinarie leggi in materia, ma garantiti dal sistema stesso. Un esempio di smart contract potrebbe essere il pagamento digitale di un caffè o di un dominio web. Quindi, non esistono intermediari nella cessione di beni o servizi, quindi costi o burocrazia superflua.

Quali sono le differenze tra NEO e Bitcoin ed Ethereum? Quanto al bitcoin, si mostra preferibile proprio perché, come Ethereum, ha in più la possibilità di creare smart contract. Ponendosi pertanto come principale competitor di Ethereum. Quanto ad Ethereum, invece NEO presenta il vantaggio di sfruttare il linguaggio Java, GO e Python, a differenza di Ether la quale si fonda solo sul linguaggio Solidity per la sua blockchain. Ecco quindi che NEO potrebbe attirare più sviluppatori, proprio perché si presta a più strumenti di lavoro, allargando pertanto la propria comunity.

Criptovaluta NEO come funziona

Inizialmente, nella sua prima fase di passaggio dal vecchio sistema ideato nel 2014 alla nuova Criptovaluta NEO, il problema principale era sicuramente l’assenza di un wallet funzionante ed efficiente che ci permettesse di operare senza dover sincronizzare continuamente la Chain e di poter reclamare facilmente i GAS (ex Antcoin). Da agosto, per fortuna, sono stati lanciati una serie di Light Wallet (proprio come MyEtherWallet) con sincronizzazione immediata e possibilità di richiedere i GAS ancora non reclamati. A darne per prima la notizia è stato il sito Reddit.

Tra questi, si distingue neowallet.net per le seguenti caratteristiche:

  • sincronizzazione immediata
  • grafica intuitiva, molto simile a MyEtherWallet
  • dopo un auto-invio dei propri NEO sul proprio indirizzo, i Token GAS sono disponibili per essere reclamati tramite un apposito tasto

Alternativa ad esso è NeoTracker, il quale nasce come Block Explorer e consente inserendo il Public Address di monitorare oltre al balance di NEO, anche quello di GAS (claimed e unclaimed). Sempre nel mese di agosto stata aggiunta, con grande successo, anche la funzionalità wallet ed è stato ufficializzato anche nel sito neo.org. NeoTracker permette di acquisire i GAS con un unico click, senza dover effettuare la fastidiosa operazione dell’auto-invio dei NEO al proprio indirizzo per averli disponibili.

Per quanto concerne Binance, il nuovo exchange decentralizzato, partner di NEO, ha attivato il GAS Wallet per i depositi e dal 7 Agosto ha attivato pure la possibilità di scambiarlo con i Bitcoin. Binance si sta già imponendo come quello dove avvengono le maggiori transazioni di NEO. Acquistare o vendere i GAS sarà dunque più facile, senza dover ricorrere a Google Translator per utilizzare gli exchange cinesi. Implementazioni, queste, che faranno aumentare la popolarità di NEO anche in Europa.

Come comprare Criptovaluta NEO

Sei già attratto dal mondo di NEO e ti stai chiedendo come comprare NEO? Acquistare la criptovaluta NEO è più semplice di quanto pensi. La prima cosa da fare è quella di acquistare bitcoin (BTC) sul sito Coinbase, dove sarà possibile pagarli con il metodo preferito: bonifico bancario SEPA o una carta di credito legata al circuito Mastercard o Visa. I tempi per ottenere i bitcoin variano a seconda della modalità di pagamento scelta. Se è il bonifico, ci vorranno circa 4-5 giorni prima di vedere accreditati i bitcoin; con Carta di Credito, invece, è possibile averli disponibili in pochi minuti. Una volta acquistati i BTC, bisogna convertirli in NEO (NEO) e sarà possibile fare questo passaggio tramite il sito di exchange Changelly.com. A questo punto questo exchange renderà disponibili i NEO, che andranno conservati nel light wallet elettronico chiamato NEOtracker.

Quindi, ricapitolando, ecco i 3 passaggi da eseguire:

  1. Iscriversi a Coinbase per acquistare bitcoin (BTC)
  2. Andare su Changelly.com e scambiare i bitcoin (BTC) con i NEO
  3. Trasferire e conservare i nuovi NEO nel portafoglio elettronico online NEOtracker

NEO prezzo e valore

Qual è il prezzo di NEO? Quanto vale NEO? Come diciamo sempre quando ci poniamo queste domande, dare delle cifre lascia il tempo che trova. NEO nasce nel 2014 con un prezzo di 0,17 dollari rimasto stabile fino ad aprile 2017. Il 15 giugno 2017 ha raggiunto i 1,65 dollari, e in una sola settimana è salito fino a 9,79 dollari, con un ROI vicino al 600%. al 16 agosto, NEO ha toccato il record attuale di 47,58 dollari (con un ROI prossimo al 500%), per poi deprezzarsi della metà due settimane dopo a 21,23 dollari (il 5 settembre). Il 7 settembre 2017, NEO ha toccato quota 31,48 dollari. Nel momento in cui scriviamo vale 23,82 euro.

Criptovaluta NEO conviene?

Veniamo ad un’altra domanda lecita: Criptovaluta NEO conviene? Come visto, pure NEO è una criptomoneta che è riuscita a generare ROI altissimi nel giro di poco tempo. Introducendo di recente nuovi light wallets ed exchange capaci di supportarli anche in lingua inglese (oltre al cinese di base). Quindi, ciò significa che potrebbe incrementare finalmente la propria diffusione anche nel vecchio continente. Dove per ora a dominare per quanto concerne gli smart contracts è Ethereum. Tuttavia, NEO assume una posizione dominante invece in Medioriente. Pertanto, se troverà spazio anche in Europa, NEO potrà toccare quota 400 dollari proprio come Ethereum.

Quindi, alla domanda di partenza diciamo che, molto probabilmente, acquistare NEO oggi potrebbe convenire in vista di rialzi futuri.

NEO vantaggi

Quali sono i vantaggi di NEO? Tutto parte dalla sua fondazione: nasce da una idea di Da Hongfei, uno dei più importanti professionisti in questa industria. Fu lanciata tramite ICO (Initial Coin Offerings, una sorta di crowfounding per lanciare nuovi progetti e ricevere fondi) ma a differenza di tante criptovalute poi finite male, poiché hanno team che si espongono sulla pre-vendita della moneta e sul suo valore potenziale, NEO ha intrapreso la strategia opposta. Il team di Da è sempre reperibile e tratta delle applicazioni del mondo reale della tecnologia.

Un altro vantaggio del sistema NEO è il sistema SegWit, acronimo di Segregated Witness. Adoperata anche da giugno dalla criptovaluta Monero, la quale si fa apprezzare per la segretezza delle transazioni anche tra i traslatori stessi. SegWit è stata in passato un aggiornamento della blockchain in cui i miners e gli utenti hanno votato per il cambio delle dimensioni del blocco al fine di rendere la blockchain più veloce come piattaforma in termini di transazioni. Il SegWit si è dimostrato molto affidabile e apprezzato, dando alla piattaforma una maggiore credibilità e un aumento del suo prezzo.

Bisogna poi considerare che quello delle criptovalute è un mondo destinato a salire di valore e di prezzo. Gli investitori stanno considerando questi asset come bene rifugio sempre più, alla stregua dei classici metalli preziosi. In questo crescendo rossiniano delle monete digitali, NEO è quella che sta attirando sempre più risparmiatori. D’altronde, NEO sembra peraltro essere una di quelle poche criptovalute molto apprezzate dagli enti di regolamentazione, e in tanti alla luce di tutto questo ritengono che le possibilità di crescita di questa criptovaluta siano molto alte.

Come investire in NEO

Qual è il modo migliore per investire in NEO? Onde evitare truffe o mettere troppo in pericolo il proprio capitale, è possibile acquistarli tramite CFD. Acronimo di Contratti per differenza, i quali rispecchiano in maniera fedele il valore di un asset, senza costringere il trader ad acquistarli in maniera diretta. Ecco i vantaggi di acquistare NEO con CFD:

  • Possibilità di fare trading con soli 100 euro
  • Guadagnare sia quando il prezzo sale sia quando il prezzo scende mediante lo short selling
  • Investire all’interno del Bitcoin in maniera virtuale o reale
  • Regolamentazione Europea della CySEC, massima autorità del vecchio continente in materia di mercati finanziari (in Italia invece ad assumere questo compito è la CONSOB)

Dove acquistare NEO

Dove è possibile acquistare la criptovaluta NEO? Posto che il modo migliore sia il CFD, questi contratti possono essere acquistati tramite Broker regolamentati e sicuri. I Broker più convenienti nei quali investire sono quelli che prevedono un Conto demo iniziale, così da fare pratica senza rischiare soldi reali. Che presentino Grafici chiari sull’andamento del mercato. Che diano continue informazioni sui fatti salienti della borsa, anche tramite Alert via sms (si pensi ad elezioni di Stati influenti, colpi di stato in Paesi principali estrattori di determinate materie prime, disastri ambientali, acquisizioni o cessioni di multinazionali, eventi storici importanti, fallimenti, ecc.). Che prevedano una assistenza clienti sempre reperibile, in italiano e facilmente raggiungibile (chat interna al sito, mail, telefono). Che diano spread convenienti e zero commissioni. Che diano un bonus di benvenuto. Che rendano facili e sicuri i prelievi e i versamenti di denaro dal conto.

I Broker che rispondono a queste caratteristiche sono:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Criptovaluta NEO alternative

NEO non ti ha convinto e ti stai chiedendo: quali sono le migliori alternative alla criptovaluta NEO? Ecco quelle che a nostro parere sono le migliori alternative a NEO allo stato attuale:

Bitcoin

Inevitabile non partire da chi ha dato il là alle criptovalute nel 2009 e alla moneta digitale che ancora oggi influenza l’andamento di mercato di tutte le altre: il Bitcoin. Lo sviluppatore o gli sviluppatori che si nascondono dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakatomo, hanno voluto ideare una moneta digitale che sfugga ai controlli di banche e governi nazionali. Dove a decidere sui suoi cambiamenti siano gli utilizzatori finali. Una rivoluzione che ha dato il via al magico mondo delle criptovalute, oggi diventate una valida alternativa per variare il proprio portafogli. Tuttavia, patiscono ancora di alta volatilità, quindi bisogna saperci investire.

Ethereum

Nata dalla mente di un 19enne russo, Vitalik Buterin, nel 2013, questa criptomoneta va anche oltre il concetto di Bitcoin. Ovvero, non solo è una moneta digitale, ma è un sistema capace di creare come detto in precedenza gli smart contracts. Ethereum è stato però soggetto ad un massiccio attacco Hacker nel giugno 2016, mentre un errore di uno sviluppatore ha reso inaccessibili 128 milioni di dollari dal wallet. Problemi presto risolti e che non hanno scalfito il secondo posto di Ether nella classifica delle criptovalute per volumi di transazioni mosse.

Ripple

La medaglia di bronzo delle criptovalute va a Ripple, la quale, oltre ad essere una moneta digitale, si distingue per il fatto di essere un sistema comodo, economico e sicuro per trasferire denaro da una valuta all’altra. Senza dover passare per il dollaro e le sue oscillazioni. Così come senza essere costretti a passare per i tradizionali sistemi bancari. Tutti fattori che comportano commissioni e svalutazioni di quanto si invia e riceve.

Litecoin

Litecoin si pone come semplice alternativa al bitcoin in termini di moneta digitale. Dopo un grande exploit quando fu lanciata, ha poi subito un crollo e oggi un assestamento. Si lascia preferire per l’alta velocità dei blocchi rispetto al bitcoin.

Monero

Nata nel 2014 inizialmente col nome di BitMonero, Monero si differisce da molte altre criptovalute essendo basata sulla piattaforma con il protocollo CryptoNote e possiede differenti algoritmi. Monero come già accennato in precedenza, si lascia preferire soprattutto per il completo anonimato con cui avvengono le transazioni, che restano celate anche a chi fa parte del sistema. Non a caso, la sua crescita è stata rapidissima, accelerata dall’adozione nell’estate 2016 del sistema AlphaBay di Darknet. Che l’ha resta la sesta criptovaluta per ordine di importanza, segnando una capitalizzazione di oltre 600 milioni di dollari.

Zcash

Zcash è la prima criptomoneta con cui le parti coinvolte nella transazione possono verificare l’autenticità degli enunciati matematici, ma non ricevere nessun altro tipo di informazione. Quindi l’anonimato è garantito anche tra gli stessi traslatori.

NEM

Acronimo di New Economy Movement, si tratta di una piattaforma di trading blockchain che si basa sul Proof-of-Importance. Si tratta di un algoritmo per il consensus, che permette di determinare chi sarà a calcolare il prossimo blocco. Ogni account viene quindi calcolato in base all’importanza, determinata in base alla quantità di coin contenuto e dal numero di transazioni che vengono fatte da e verso l’account. Così da sollecitare le transazioni e disincentivare gli accumuli di moneta.

DASH

Da non confondere con il popolare detersivo, Dash è stata lanciata nel 2014 come Xcoin, fino ad assumere oggi il nome di Dash-Digital Cash. Si tratta di un hard-fork del Bitcoin. Si distingue per:

  • Instant Send: consente di ottenere una conferma della transazione nell’ordine di qualche secondo
  • Private send: aumento della privacy aumentato per le transazioni
  • Block Reward redistribuiti in maniera differente rispetto al Bitcoin (45% miner, 45% master nod, 10% Treasury)

Dash è in continua evoluzione e promette di apprezzarsi molto in futuro.

Bitcoin Cash

Trattasi di un Hard fork del Bitcoin, messo in atto da quegli sviluppatori che non erano d’accordo con le ultime decisioni di cambiamento messe al voto a fine luglio. Essi ritenevano che le novità che volevano apportare al sistema non risolvevano 2 problemi essenziali del sistema: la lentezza con cui avvengono blocchi e l’accentramento dei poteri nelle mani di pochi miner (il che fa venire meno uno dei propositi principali della nascita del Bitcoin: la decentralizzazione del sistema monetario).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY