Cosa sono le vendite allo scoperto

vendite-scoperto

Le vendite allo scoperto – conosciute con il nome di short selling – sono delle vendite di strumenti finanziari non posseduti direttamente dal venditore. Obiettivo dell’investitore è quello di “scommettere” con successo sul trend o movimento ribassista delle quotazioni di titoli. Vediamo allora di comprendere quale sia il funzionamento delle vendite allo scoperto, e in che modo riuscire a guadagnare attraverso esse.

Vendite allo scoperto: prestito di titoli

Il primo aspetto da chiarire è in che modo possa funzionare la vendita allo scoperto. Se infatti il venditore cede titoli che non possiede direttamente, ne consegue che vi sarà qualche soggetto che presterà i titoli da vendere all’investitore: tale soggetto è generalmente rappresentato da una banca o da un intermediario finanziario, che per tale “prestito” – in maniera simile a quanto avviene con un prestito di denaro – domanderà un interesse, alto quanto maggiore sarà la durata del prestito dei titoli.

Vendite allo scoperto: il riacquisto

Abbiamo pertanto capito che l’investitore che effettua operazioni in short selling ottiene in prestito dei titoli da una banca o da un intermediario finanziario, che vende immediatamente sul mercato secondario, ottenendo un ricavo. Al termine del periodo di investimento prefissato, l’investitore dovrà preoccuparsi di acquistare gli stessi titoli dal mercato secondario, da restituire – insieme all’interesse – alla banca o intermediario finanziario prestatore (la c.d. “ricopertura dello scoperto”).

Vendite allo scoperto: perdite o guadagni

È a questo punto che possiamo ovviamente determinare se l’operazione di vendita allo scoperto ha potuto generare un guadagno o una perdita. E, considerando che un termine del confronto è dato e invariabile (il prezzo di vendita dei titoli), ne consegue che il guadagno o la perdita deriverano unicamente dal prezzo di riacquisto dei titoli da restituire alla banca o all’intermediario finanziaria.

Se pertanto il prezzo di ricopertura dello scoperto è inferiore al prezzo incassato nella vendita, l’investitore otterrà un rendimento dall’operazione di short selling. Se invece il prezzo di ricopertura dello scoperto è superiore al prezzo incassato nella vendita, l’investitore otterrà una perdita.

Il motivo di cui sopra è altresì la ragione fondamentale per cui la vendita allo scoperto viene effettuata in una fase discendente dei mercati azionari.

Foto originale by FuFu Wolf

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY