Coop: in via sperimentale la spesa hi-tech

È stato inaugurato ieri a Milano presso il Bicocca Village il nuovo supermercato Coop nel quale, in via sperimentale, spesa e tecnologia interattiva vengono integrate. Con un semplice movimento della mano il consumatore potrà conoscere tutte le informazioni relative ai cibi come ad esempio l’origine, il valore nutrizionale ed i modi in cui cucinarli, il tutto grazie alla presenza di monitor installati vicini ai banchi.

Gli scaffali verticali sono invece dotati di touch screen per cercare il prodotto desiderato e le eventuali relative promozioni.

coop

Il supermercato del futuro

Il Presidente di Coop Italia, Marco Pedroni, spiega che l’idea nasce da un’evoluzione del Supermercato del Futuro allestito lo scorso anno all’Expo. Grazie all’introduzione delle nuove tecnologie il consumatore avrà maggior trasparenza ed un accesso facilitato alle informazioni che solitamente si trovano sull’etichette, spesso difficilmente comprensibili. Il progetto è stato realizzato da Accenture in collaborazione con Avanade, la joint ventura tra Microsoft ed Accenture ha implementato l’infrastruttura IT oltre allo sviluppo dei touchpoint presenti nel punto vendita.

Come funziona la spesa interattiva

Grazie ai sensori Kinect quando il cliente indica o tocca un prodotto lo schermo sovrastante mostra tutta una serie di dati (anche la presenza di ingredienti allergizzanti e le istruzioni per il corretto smaltimento). Toccando lo schermo il consumatore potrà inoltre orientarsi tra le varie categorie per trovare più facilmente ciò che desidera.

La spesa è totalmente self service comprese le casse automatiche e fra non molto verrà anche aggiunta la possibilità di pagare in mobilità.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY