Conto Deposito Santander conviene? Costi e opinioni

Cos’è il Conto Deposito Santander? Come funziona Conto Deposito Santander? Conto Deposito Santander conviene? Quali sono le opinioni su Conto Deposito Santander? Quali sono le recensioni su Conto Deposito Santander? Conto Deposito Santander è una truffa? Cos’è la Banca Santander? La Banca Santander è affidabile?

Risponderemo a queste ed eventuali altre domande di seguito. Del resto, è giusto porsi queste domande quando si decide di affidare i propri risparmi presso un istituto di credito. Onde evitare spiacevoli brutte sorprese.

Banca Santander chi è

Chi è la Banca Santander? Santander Bank, precedentemente Sovereign Bank, è una consociata interamente controllata del gruppo spagnolo Santander. Ha sede a Boston e il suo mercato principale è il nord-est degli Stati Uniti. Ha depositi per $ 57,5 miliardi, gestisce circa 650 uffici bancari al dettaglio e oltre 2000 bancomat e impiega circa 9 800 persone [2]. Offre una vasta gamma di servizi e prodotti finanziari tra cui retail banking, mutui, corporate banking, gestione della liquidità, carte di credito, mercati dei capitali, fiducia e gestione patrimoniale e assicurazioni.

La Banca Centrale è stata rinominata come Santander Bank il 17 ottobre 2013; anche lo stadio, l’arena e il centro delle arti dello spettacolo per i quali ha i diritti di denominazione sono stati rinominati.

Sul sito ufficiale della Banca sono sciorinati diversi dati:

  • 160 anni di attività
  • 1,20% di tasso per depositi di 36 mesi
  • Zero spese di apertura conto
  • 122 milioni di clienti sparsi per il Mondo

Banca Santander è sicura?

La Banca Santander è affidabile? Giusto porsi questa domanda prima di scegliere un Istituto di credito. E per loro parla sempre la propria storia.

Santander Bank, N.A., fu fondata nel 1902 come “Sovereign Bank”, un savings and loan Istitute a Wyomissing, in Pennsylvania. I primi clienti della società erano in gran parte lavoratori tessili. Il sovrano si espanse rapidamente durante la crisi dei risparmi e dei prestiti degli anni ’80 e ’90, acquisendo numerose altre banche.

Nel 2000, Sovereign ha acquistato 278 filiali della New England dalla nuova fusione FleetBoston Financial, diventando la terza più grande banca al dettaglio nell’area di Boston in un colpo solo. Questa transazione è stata guidata dall’esigenza delle autorità di vigilanza bancaria che Fleet Bank e BankBoston abbiano ceduto 306 filiali come condizione per la fusione.

Quarantacinque anni prima della fondazione della Sovereign Bank, il suo futuro genitore fu fondato come Banco Santander il 15 maggio 1857, con l’approvazione della regina Isabella II di Spagna. Quindi, si può dire che la sua storia inizi ancora prima, nel 1857.

La banca crebbe e negli anni ’20 iniziò a costruire una rete di filiali. Nel 1942 ha aperto a Madrid. Nel 1934 Emilio Botín Sanz de Sautuola y López divenne direttore e nel 1950 presidente. Ha ampliato la banca in tutta la Spagna, quindi nel 1957 è stata la settima banca spagnola.

Nel 1976 ha acquisito la First National Bank of Puerto Rico e nel 1982 Banco Español-Chile. Nel 1986, il figlio di Emilio senior, Emilio Botín Sanz de Sautuola e Garcia de los Ríos, gli succedette. Alla fine degli anni ’80 acquistò la CC-Bank in Germania e una partecipazione in Banco de Comercio e Industria in Portogallo. Nel 1989 fu lanciata la “Supercuenta Santander”. Nel 1999 la Sovereign acquistò i diritti di denominazione per la nuova arena della Mercer County a sostegno della nuova Trenton Savings Bank (precedentemente TSFS) e di altre filiali del New Jersey per un periodo di dieci anni.

Negli anni successivi, la banca ha anche nominato il Sovereign Center arena e il Sovereign Performing Arts Centre a Reading, Pennsylvania, e il Sovereign Bank Stadium di York, in Pennsylvania. Nel giugno 2006, il Banco Santander ha acquistato quasi il 20% della Sovereign Bank per US $ 2,4 miliardi. Poiché il Banco Santander possedeva il 25% di Sovereign, aveva il diritto di acquistare la banca per $ 40 per azione per un anno a partire dalla metà del 2008.

Il 1 ° giugno 2006, la Sovereign Bank ha acquistato la Independence Community Bank Corp. di Brooklyn, New York, per 3,6 miliardi di dollari in contanti.

Sovereign ha completato il processo di transizione di Independence e S.I. Bank Fiducia dei clienti il 9 settembre 2006. Sovereign ha finanziato questa fusione tramite la vendita parziale al Banco Santander Central Hispano in Spagna. Il 13 ottobre 2008, Banco Santander ha acquistato la rimanente Sovereign per 1,9 miliardi di dollari (1,4 miliardi di euro).

La Sovereign Bank è stata gravemente colpita dalle perdite relative a prestiti e titoli per l’auto a Fannie Mae e Freddie Mac. In precedenza, Banco Santander aveva visto una perdita di oltre $ 1 miliardo sul suo investimento in Sovereign, quando il prezzo delle azioni di quest’ultimo è crollato dopo essere stato declassato da Moody’s nel settembre 2008.

Il 30 gennaio 2009, il Banco Santander ha completato l’acquisizione di Sovereign Bank, per circa $ 2,51 per azione. Nell’agosto 2011, la banca ha annunciato i suoi piani per trasferire ufficialmente il suo quartier generale USA da Wyomissing, Pennsylvania, a Boston, Massachusetts. Alla fine di settembre 2011, la banca ha annunciato che avrebbe ufficialmente cambiato il suo nome in “Santander” come parte dell’obiettivo della società madre di creare un marchio globale.

Il rebranding è stato completato il 17 ottobre 2013. Nel marzo 2015, Scott Powell è stato nominato capo degli affari negli Stati Uniti a Santander e CEO di Santander Holdings USA, in sostituzione di Roman Blanco.

Una storia quindi di tutto rispetto, alla quale bisogna aggiungere che Banca Santander aderisce al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e ha un indice CET 1 del 11.74% al dicembre 2015. Ricordiamo che tale indice misura il grado di solidità e di sicurezza di una banca ed è calcolato facendo il rapporto tra il capitale che la Banca ha, e le attività ponderate per rischio.

Avere questo valore alto è importante, in quanto più esso è alto, più la banca è sicura. Ricordiamo infatti che secondo le norme dettate dalla Banca Centrale Europea, il CET 1 minimo che ogni banca dovrebbe avere è del 10.25%.

Banca Santander sedi

Dove si trovano le sedi della Banca Santander? Santander è presente in molti paesi sparsi per il Mondo. In Europa la troviamo ad esempio nel nostro Paese e nel Regno Unito. Mentre in giro per il Globo negli Stati Uniti, America Latina, Singapore, Hong Kong e in Africa.

In Italia, la banca conta 21 filiali e oltre 6.000 negozi convenzionati. Nel nostro Paese si fa apprezzare per quanto offre riguardo i prestiti personali (considerati molto flessibili), nonché per i servizi finanziari correlati, come i conti di deposito. Dei quali ci occuperemo più specificamente ora.

Santander conto deposito tipi

Quali sono i tipi di conto deposito offerti dalla Banca Santander? Sono 3 e li passiamo in rassegna di seguito:

Conto deposito Santander “Io Scelgo” cos’è e come funziona

Cos’è il Conto deposito Santander Io scelgo? Come funziona il Conto deposito Santander Io scelgo? Consente al correntista di avere la massima libertà di scelta quando si tratta di valutare le condizioni del conto stesso, senza dimenticare la remunerazione.

Si piazza a metà tra un conto di tipo libero, senza vincoli e con minor remunerazione, e uno vincolato, con più guadagno. Le somme di denaro depositate possono essere prelevate in ogni momento e senza costi, a scelta. Insomma, questo conto abbina la disponibilità di denaro di un conto libero alla remunerazione di un conto vincolato.

Occorre però aggiungere che in ogni momento è possibile comunque prelevare anche le somme vincolate, senza aggravi di penali né costi. Ci verrà riconosciuto il tasso base.

I tassi previsti dal conto “Io Scelgo” sono i seguenti:

  • Tasso base: 0,50% lordo

Tasso vincolato:

  • 36 mesi, 1,80% lordo
  • 24 mesi 1,60% lordo
  • 12 mesi 1,50% lordo

Conto deposito Santander “Io posso”, cos’è e come funziona

Cos’è il Conto deposito Santander Io posso? Come funziona il Conto deposito Santander Io posso? Si tratta di un conto 100% online, facile da aprire e da gestire, nonché sicuro grazie alla firma digitale e con possibilità di guadagnare una remunerazione fissa del 1,15% lorda, 0,85% netta.

Dura fino a 36 mesi, senza vincoli. Come il precedente, anche questo conto abbina due tipi di conti: la libertà di gestione mediante l’Home banking e la sicurezza del Fondo Interbancario dei Depositi.

Conto deposito Santander “Time Deposit”, cos’è e come funziona

Cos’è il Conto deposito Santander “Time Deposit”? Come funziona Conto deposito Santander “Time Deposit”? Esso vincola le somme fino a 36 mesi e permette di avere una remunerazione del 1,80% lorda , uno dei tassi più alti del mercato.

“Time Deposit” non dà la possibilità di prelevare subito il denaro prima della scadenza del vincolo. Ma occorre dare un preavviso di un mese, più precisamente, 31 giorni. In tal caso, si percepirà un interesse dello 0,75% lordo sulle somme prelevate. Non sono però previste spese extra o penali da pagare. Ancora, l’importo minimo da dover versare per aprirlo è 5mila euro.

Conto deposito Santander opinioni

Quali sono le opinioni sul Conto deposito Santander? Tutto sommato positivo. In particolare, i giudizi sottolineano la sua sicurezza e le interessante proposte appannaggio dei clienti. Non si trovano in giro commenti particolarmente negativi. Ovviamente, è sempre meglio se diate anche voi un’occhiata in giro per “toccare con mano”. Scegliete opinioni su conto deposito Santander aggiornate agli ultimi mesi.

Come aprire Conto deposito Santander

Come aprire il Conto deposito Santander? Basta fare un salto sul sito web ufficiale, e seguire la procedura in tutte le sue fasi. Occorrerà compilare alcuni form presenti sul sito. Il tempo per completare questa operazione sarà circa di 10 minuti.

Inutile dirlo che per aprire il conto bisognerà essere maggiorenni, essere già titolari di un conto bancario o postale che verrà poi collegato come conto di appoggio.

E’ possibile aprire il conto deposito anche telefonando al numero verde disponibile sul sito ufficiale. L’operatore ci richiederà alcuni dati e ci dirà di indicare una una fascia oraria alla quale essere ricontattato. Servirà per completare la procedura telefonicamente, dato che tutto sarà registrato. E non servirà alcuna documentazione cartacea.

Conto deposito Santander costi

Quanto costa il Conto deposito Santander?

Conto deposito Santander conviene? Possiamo dire che il Conto Deposito Santander sia a costo zero. Già, in quanto sia la formula Io Posso che la formula Io Scelgo non chiedono alcuna spesa aggiuntiva né penale. Anche nel caso in cui si depositano somme sul conto. Quindi, detta in soldoni, ogni versamento che si deciderà di fare sarà sempre del tutto gratuito.

Naturalmente, bisogna sempre aggiornarsi prima di aprire qualsiasi conto. Le condizioni possono sempre cambiare. Così come possono esserci promozioni in corso vantaggiose. Per queste info, rimandiamo al sito ufficiale della Banca, alla sezione specifica dedicata al Conto deposito.

Conto deposito Santander conviene?

Conviene aprire il Conto deposito Santander? Per rispondere a questa domanda, occorre analizzare tutte le sue caratteristiche e cercare il maggior numero possibile di informazioni.

Dal punto di vista della sicurezza e della trasparenza, nulla da dire. Occorre però anche essere bravo col web, in modo da gestire da sé la Banca e risparmiare soldi e tempo.

Naturalmente, se cerchi un conto che dia tassi molto remunerativi, il conto deposito Santander non fa per te, visto che dà lo 0,75%. Ma bisogna anche tenere presente la sicurezza che esso offre e il fatto che il mercato, almeno quello sicuro e trasparente, non offre molto di meglio.

Anzi, cogliamo l’occasione di invitarvi a diffidare di quanti promettono tassi esorbitanti. Spesso si tratta di fregature. Salvo i casi in cui non siano proposte a tempo, di pochi mesi o massimo un anno, a scopo promozionale. Ma anche in questo caso, è difficile che vadano oltre il 2-3%.

Infine, dato che entrambe le soluzioni proposte da Banca Santander offrono l’opportunità di beneficiare di un conto non vincolato, può essere consigliabile se si ha l’opportunità di vincolare il conto, di recarsi presso altre soluzioni. Visto che in genere danno tassi più alti. Naturalmente, questa è una scelta personale e legata alle proprie esigenze. I soldi ti possono servire in qualsiasi momento o puoi mettere da parte un gruzzoletto che faccia maturare interessi?

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.
REVIEW OVERVIEW
Conto deposito Santander

LEAVE A REPLY