Conto deposito Banca Unipol: cos’è, come funziona, opinioni

Cos’è il Conto deposito di Banca Unipol? Come funziona il Conto deposito di Banca Unipol? Il Conto deposito di Banca Unipol conviene? Conto deposito Banca Unipol è una truffa? Banca Unipol è affidabile? Cos’è Banca Unipol? Come sono le recensioni sul Conto deposito Banca Unipol? Come sono le opinioni su Conto deposito Banca Unipol?

Quando vi state interessando ad un conto deposito, è giusto porsi le domande di cui sopra. Sulla banca che lo gestisce, sui suoi costi, su quanto garantisce, sui pareri e le esperienze di chi lo ha già attivato.

In questo articolo, cercheremo di dare il nostro contributo alla causa. Con una recensione quanto più completa possibile sul conto deposito di Banca Unipol.

Banca Unipol cos’è

Cos’è Banca Unipol? Unipol Banca S.p.A. è una banca italiana con sede a Bologna, nella regione Emilia-Romagna. Fa parte del gruppo Unipol. Nonostante le azioni della banca fossero di proprietà di Unipol o della controllata UnipolSai, circa il 14,66% delle azioni della banca (al 31 dicembre 2014) erano indirettamente di proprietà dei soci di minoranza di UnipolSai.

Banca Unipol storia

Banca dell’Economia Cooperativa (Banec) è stata rilevata nel 1987 da Unipol Assicurazioni (ora Gruppo Unipol) e da alcuni consociati italiani. La Cassa di Risparmio di Bologna (Caribso) era azionista di minoranza della banca per il 12% a 31 dicembre 1993 (10,24% come nel 1997).

Nel 1995 Unipol è diventata azionisti di minoranza di Casse Emiliano Romagnole (CAER), la società madre di Caribso, per il 3,64% (aumentata al 6,61% nel gennaio 1998 sottoscrivendo nuove azioni; diluita al 4,55% nel 1999 e 1,82% a causa della costituzione di Cardine Banca nel 2000).

A sua volta, CAER possedeva Finsoe, la holding di Unipol, per il 9,80% (aumentato al 9,82% nel 1996), e possedeva direttamente il 6,99% delle azioni di Banec (aumentato al 9,75% in 1996). Contando solo la proprietà diretta di CAER e Caribso, CAER Group aveva una partecipazione di minoranza del 19,99% su Banec.

A quel tempo CAER era una delle banche che Unipol vendeva le loro assicurazioni attraverso di essa.

Nel dicembre 1998 BANEC è diventata Unipol Banca, in quanto Unipol ha aumentato il suo possesso dal 16,74% al 69,15% di settembre. Unipol ha deciso di costruire una propria banca per conglomerare un modello di business di assicurazione bancaria. Il CAER rimane il proprietario diretto delle azioni del 9,75%, ma Carisbo ha venduto tutte le proprie azioni.

La proprietà di Unipol sulla banca è stata nuovamente aumentata al 74,81% nel 1999, all’81,03% nel 2000 e ancora all’81,07% nel 2002. Il legame con Cardine Banca (ex CAER) si sciolse anche nel 2001, quando Cardine vendette le azioni di Finsoe e Unipol Banca; Carisbo ha ceduto le azioni di Linear Assicurazioni (20% a Unipol) e UniSalute (9,9% a Unipol). CAER è sceso a possedere Unipol Banca 8% direttamente nel 1999 e al 4% nel 2000.

Dopo l’operazione, Cardine possedeva il 3,73% delle azioni di Unipol Assicurazioni e Unipol Assicurazioni possedeva l’1,80% delle azioni di Cardine Banca. Nel 2003 una società sorella, MeieAurora ha acquisito il 10% delle azioni sottoscrivendo nuove azioni per € 67,2 milioni, con la compagnia assicurativa detiene direttamente l’82,86% acquisendo € 149,8 milioni di nuove azioni.

Nel dicembre 2003 MeieAurora ha inoltre acquistato le azioni di Reti Bancarie per 173,4 milioni di euro, anziché versare in Unipol Banca. Tuttavia, Aurora ha anche ricevuto diritti esclusivi per vendere il prodotto assicurativo nella rete di Reti Bancarie per 5 anni.

Nel 2006 Unipol possedeva direttamente il 69,54% delle azioni della banca e il 14,99% tramite Aurora Assicurazioni (ex MeieAurora) a causa di aumenti di capitale. Il rapporto è diventato del 67,75% e del 16,78% (Aurora Assicurazioni) nel 2007.

Aurora Assicurazioni si è fusa con Unipol Assicurazioni nel 2009; le nuove società controllate hanno acquisito le quote residue di Unipol Banca dai soci del Gruppo Unipol (4,99% da Finsoe SpA, 4,99% da Holmo SpA e 5,49% da Coop Estense Scarl), rendendo la banca una consociata interamente controllata del gruppo.

È stata una conseguenza di Banca Monte dei Paschi di Siena ritirata da Finsoe da febbraio 2007 a giugno 2008, che le azioni di Finsoe sono state vendute a Finsoe e Holmo. Dopo la creazione della consociata UnipolSai, Banca Sai è stata assorbita da Unipol Banca nel 2014. La quotazione di Unipol Assicurazioni in qualità di UnipolSai ha inoltre reso la banca non più una consociata interamente controllata del Gruppo Unipol.

Banca Unipol conto deposito tipi

Quali sono i tipi di conto deposito di Banca Unipol? Sono due: Save Up e Time Deposit. Di seguito vediamo di cosa si tratta.

Conto Deposito Banca Unipol, Save Up

Com’è il Conto deposito Save Up di Banca Unipol? Si tratta di una soluzione online che risulta semplice e flessibile per chiunque. Almeno stando a quanto asserisce la banca stessa. E’ stata pensata per garantire un rendimento crescente nel tempo, ma è anche adatta a chi desidera avere un piano di risparmio da supportare anche con versamenti minimi di appena 20 euro al mese.

Save Up ha una durata di tre anni, con interessi riconosciuti annualmente direttamente sul proprio conto deposito. Segnatamente il 31 dicembre di ogni anno.

Il conto deposito Save up è attivabile gratuitamente. Inoltre, è possibile variare o sospendere la propria rata, anche riattivarla in seguito. Il che fa di questo conto deposito un conto molto flessibile. Il tutto, senza che vengano imposte elevate penali. Il tutto, considerando pure che gli interessi maturati verranno riconosciuti ugualmente.

E’ possibile scegliere liberamente la quota mensile da versare. Alla quale sarà possibile aggiungere un importo da versare per poter accrescere ancor di più i propri rendimenti.

Il conto deposito può essere attivato da parte di chi è già cliente e chi intende aprire un conto per la prima volta. I primi potranno accedere alla propria area clienti e richiedere la soluzione in questione dal Virtual Shop. I secondi dovranno prima ovviamente aprire un conto Unipol e poi abbinarci un conto deposito valido per ciascun intestatario.

Riguardo i rendimenti, per il primo anno il rendimento del Conto Deposito Save Up è pari allo 0,50%, per il secondo anno arriva invece all’1%, mentre per il terzo anno la quota percentuale raggiunge l’1,50%. Quindi l’incremento è progressivo.

Occorre poi fare i conti, è proprio il caso di dirlo, con le limitazioni dei versamenti mensili e iniziali. Al riguardo il contraente potrà versare come quota mensile un minimo di 20 euro fino ad arrivare a un massimo di 500 euro. Per quanto riguarda invece il versamento iniziale, opzione facoltativa come detto in precedenza, bisogna sapere che il massimo è fissato attualmente a 5.000 euro.

Conto deposito Save Up vantaggi

Quali sono i vantaggi del conto deposito Save Up di Banca Unipol? Possiamo sintetizzarli così:

  • Possibilità di creare un piano di risparmio senza effettuare versamenti iniziali;
  • Possibilità di scegliere un piccolo importo mensile da versare
  • Chance di beneficiare di tassi di interesse superiori a quelli del conto corrente
  • Possibilità di beneficiare dei tassi d’interesse predefiniti per tutti gli anni della durata del piano. Il tutto senza esporsi al rischio di variabilità dei tassi di mercato
  • Possibilità di variare o sospendere la rata e successivamente riattivarla
  • Non ci sono penali in caso di revoca anticipata
  • E’ un prodotto che gode della garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Conto deposito Save up di banca Unipol è una truffa?

Conto deposito Save up di banca Unipol è una truffa? Possiamo rispondere tranquillamente di no a questa domanda. Il conto è sospendibile, modificabile e riattivabile in qualsiasi momento. Non ci sono penali e vige la garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi fino a 100mila euro.

Quest’ultimo aspetto è in grado di garantire il deposito dei correntisti fino a tale soglia. E diventa operativo da quando l’istituto avesse malauguratamente avere problemi a restituire quanto depositato. Sia nel caso in cui il motivo siano difficoltà momentanee, sia per fallimento definitiva della stessa. In quest’ultimo caso si parla di bail-in.

Cos’è il Bail-in? Un bail-in è il salvataggio di un istituto finanziario sull’orlo del fallimento, in cui creditori e depositanti subiscono una perdita nelle loro posizioni. Un bail-in è l’opposto di un piano di salvataggio, che comporta il salvataggio di un istituto finanziario da parte di soggetti esterni. Generalmente governi che usano i soldi dei contribuenti. I salvataggi sono stati molto più comuni dei bail-in. Tuttavia, negli ultimi anni, e in seguito a massicci salvataggi, alcuni governi ora richiedono agli investitori e ai depositanti di una banca di subire una perdita prima dei contribuenti.

Queste condizioni di salvataggio valgono ovviamente per gli altri conti deposito operativi in Italia.

Conto deposito Banca Unipol, Time Deposit

Com’è il Conto deposito Banca Unipol Time Deposit? Offre un tasso di interesse vantaggioso su cui i clienti possono contare al di là delle eventuali variazioni dei tassi di mercato.

Riguardo il tasso di interesse, quanti desiderano fare un vincolo di un determinato importo, beneficiano di un TAN (tasso annuo lordo) dello 0,30% per le somme vincolate a 9 mesi. Il quale sale allo 0,40% per quelle vincolate a 12 , per poi raggiungere lo 0,60% di rendimento lordo nel caso in cui le somme venissero vincolate dal contraente per 18 mesi, limite possibile in questo 2019.

Time Deposit è ideale per quanti vincolano una detta somma per un periodo precedentemente concordato con Unipol Banca. Che a sua volta riconosce poi gli interessi maturati nel momento della scadenza e regola le operazioni relative attraverso degli addebiti o accrediti sul conto corrente del contraente.

L’importo minimo che è possibile vincolare mediante Time Deposit di Unipol Banca è pari a 10 mila euro. Mentre pare non ci sia un massimo, ma di ciò beneficiano i nuovi clienti della Banca, o i clienti che apportano al proprio conto nuova liquidità.

Altre limitazioni: obbligo di avere la residenza in Italia, essere privati consumatori o aziende con un fatturato annuo non superiore ai 2,5 milioni di euro.

Conto deposito Banca Unipol Save Up recensioni e opinioni

Quali sono le recensioni su Conto deposito Banca Unipol Save Up? Quali sono le opinioni su Conto deposito Banca Unipol Save Up? Quali sono i pareri su Conto deposito Banca Unipol Save Up? Naturalmente, come su ogni cosa, vige il parere personale legato alla propria esperienza. Orbene, tante sono le testimonianze che sconsigliano tale strumento finanziario per quanti vorrebbero ottenere lauti profitti.

In tanti invece lo consigliano, di contro, a quanti vogliono investire piccole cifre. In questo caso, dato il limite dei 36 mesi e i tassi indicati, può essere una soluzione redditizia. In tanti poi ne esaltano la facilità di gestione, la gratuità e la possibilità di gestire ed effettuare il tutto direttamente online. Con la sicurezza di rendimenti stabili e ben precisati fin dall’inizio.

Quindi, riguardo Banca Unipol Save Up, possiamo dire che è consigliabile a chi vuole gestire somme basse e beneficiare di flessibilità e autonomia gestionale.

Conto deposito Banca Unipol Time Deposit

Quali sono le recensioni su Conto deposito Banca Unipol Time Deposit? Quali sono le opinioni su Conto deposito Banca Unipol Time Deposit? Quali sono i pareri su Conto deposito Banca Unipol Time Deposit? In questo caso occorre dire che le opinioni e le recensioni sul web sono ben poche. Forse perché ancora nuovo e destinato a scadere.

Conto deposito Banca Unipol conviene?

Conto deposito Banca Unipol conviene? Il conto offerto da Unipol, rispetto alle altre banche, non è un conto di deposito vincolato. Dato che si caratterizza per la possibilità di svincolare in qualsiasi momento una parte delle somme di denaro versate. Inoltre, non vi saranno penali da applicare in caso di mancato rispetto delle scadenze. Infine anche gli interessi maturati saranno retribuiti.

La chiusura del conto è poi gratuita ed eseguibile direttamente online. Se invece intendete rispettare la scadenza dei mesi sottoscritti al deposito, basterà scegliere se svincolare le somme acquisendo anche gli interessi, oppure rinvestire direttamente la somma in un nuovo conto di deposito. Che ovviamente Banca Unipol spera sia sempre attivato presso di essa.

LEAVE A REPLY