Conto Corrente Intesa SanPaolo: costi, come funziona, opinioni

Quanto costa il conto corrente Intesa SanPaolo? Come funziona il Conto Corrente Intesa SanPaolo? Quali sono le opinioni sul Conto Corrente Intesa SanPaolo? Quali sono le recensioni sul Conto Corrente Intesa SanPaolo? Il Conto Corrente Intesa SanPaolo conviene? Chi è Intesa SanPaolo?

Se ti stai ponendo queste domande, vuol dire che ti stai interessando al Conto Corrente Intesa SanPaolo. Del resto, si tratta di un gruppo bancario che non passa inosservato. Alla luce del prestigio che ha acquisito nel sistema bancario italiano, ma anche internazionale.

In questo articolo porremo sotto la lente di ingrandimento il conto corrente che offre, per capire se davvero conviene.

Banca Intesa SanPaolo chi è

Chi è la Banca Intesa Sanpaolo? E’ una banca italiana, la prima in ordine di importanza. Conta oltre 12 milioni di clienti, dominando il mercato italiano e con una forte presenza internazionale nell’Europa centro-orientale e nel bacino del Mediterraneo.

Banca Intesa SanPaolo storia

Qual è la storia di Banca Intesa SanPaolo? Fondata nel 2007 dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo IMI, nel mese di giugno 2017 il governo italiano annuncia la ripresa delle attività salutari di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca di Intesa Sanpaolo per € 1 simbolicamente, supportata da un specificato dallo Stato italiano di 4.785 miliardi di euro.

I prestiti e le obbligazioni definite a rischio saranno raggruppati in una bad bank, garantita dallo Stato italiano per 12 miliardi di euro. Nel mese di agosto 2017, Intesa Sanpaolo annuncia l’acquisizione di Banque Morval, una banca privata svizzera per un importo stimato tra 150 e 200 milioni di euro.

Banca Intesa era un gruppo bancario italiano con sede a Milano e quotato alla Borsa di Milano. A sua volta è nata dalla fusione nel 1998 tra Banco Ambrosiano Veneto, Cariplo e Banca Commerciale Italiana, che hanno dato vita a Banca Intesa. Che è stata la prima banca italiana nel 2005 e la quattordicesima in Europa. Nel 2007, Banca Intesa si è fusa con Sanpaolo IMI per formare Intesa Sanpaolo, il terzo più grande gruppo bancario europeo.

Nel 1999 è stata acquisita la tradizionale Banca Commerciale Italiana. Banca Intesa è stata coinvolta in diverse banche italiane, tra cui Sparkasse Parma e la Banca di Trento e Bolzano. Banca Intesa u. a. la PBZ croata , la VÚB slovacca , la Banca serba Intesa Beograd (la seconda più grande banca dei rispettivi paesi), la CIB ungheresee la russa KMB Bank.

Nel 2004 la società contava circa 57.000 dipendenti.

La nuova banca è una delle più grandi istituzioni in Europa e nel 2010 è stata annoverata tra le banche più sicure al mondo dalla CNBC . Con una capitalizzazione di mercato di circa 45 miliardi di euro (2016) colloca Intesa Sanpaolo tra le 50 più grandi aziende in Europa ed è attualmente in Euro Stoxx 50 con circa il 1,22% ponderazione rappresentato.

Banca SanPaolo è una banca italiana fondata nel 1563 a Torino.

Questa la sua storia antica divisa per punti:

  • 1563: in Italia, sette torinesi fondano la Compagnia di Sanpaolo, un’istituzione dedicata alla difesa dei poveri. Inizialmente un progetto di beneficenza, la Compagnia sta gradualmente sviluppando attività di credito: Mont-de-Piété.
  • 1879: Quasi 3 secoli dopo, le opere caritative, il Mont-de-Piété e il Crédit Foncier sono le tre professioni di Sanpaolo.
  • 1930: La Compagnia di Sanpaolo estende le sue attività a diverse province italiane e si concentra sul credito di diritto pubblico.
  • 1950: la banca cambia nome e diventa l’Istituto Bancario Sanpaolo di Torino.
  • 1988: acquisizione di Banque Vernes e Commerciale de Paris da parte del gruppo Sanpaolo.
  • 1990: Banque Vernes & Commerciale de Paris diventa Banque Sanpaolo in Francia.
  • 1996: SanPaolo Bank acquisisce il Gruppo Dresdner (rete Veuve Morin-Pons Bank).
  • 1997: Privatizzazione del gruppo San Paolo con l’80% delle sue azioni detenute dal mercato.
  • 1998: Sanpaolo Bank si fonde con l’Istituto Mobiliare Italiano (fondato nel 1931).
  • 2003: il Gruppo Sanpaolo vende il 60% del capitale di Banque Sanpaolo in Francia al Gruppo Caisse d’épargne1.
  • 2005: il Gruppo Sanpaolo vende al Gruppo Caisse d’Epargne il restante 40% del capitale. La Banca Sanpaolo in Francia diventa Banque Palatine2.
  • 2007: Sanpaolo IMI si fonde con la prima banca italiana sotto il nome di Intesa Sanpaolo Group per formare il 7 ° gruppo bancario in Europa.

Banca Intesa SanPaolo organizzazione

Banca Intesa S.p.A. si concentra su quattro aree:

  1. La divisione retail, che si occupa di individui e piccole e medie imprese (PMI), nonché di enti di beneficenza. La sua attività principale è la vendita al dettaglio, la gestione patrimoniale e prestiti industriali.
  2. La divisione commerciale si occupa di medie e grandi aziende, istituzioni finanziarie, pubblica amministrazione, ma principalmente fusioni e acquisizioni, mercati finanziari, magazzini e reti internazionali specializzate.
  3. La cosiddetta divisione “banche affiliate italiane” comprende filiali basate su mercati regionali (Italia).
  4. La cosiddetta divisione “affiliate banking” è costruita su filiali estere, fornendo servizi bancari a privati e imprese, in particolare nell’Europa centro-orientale. Banca Intesa ha filiali e uffici in Europa, Asia, America Latina, Africa e Nord America.

Il Gruppo Sanpaolo IMI è una delle principali banche e compagnie assicurative in Italia, con sede a Torino. Impiega circa 44.000 persone per 7 milioni di clienti, con circa 3.200 filiali nel settore bancario personale e commerciale, nonché fondi di risparmio e pensionistici.

Nel gennaio 2008, la banca Intesa Sanpaolo ha annunciato la propria partecipazione alla società Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV), società ferroviaria privata italiana. E’ la prima società ad acquistare la quarta generazione TGV di Alstom, l’AGV.

Ulteriori rami di attività di Banca Intesa SanPaolo:

Dopo la fusione, Intesa Sanpaolo opera con sei divisioni: [5]

  • Banca dei Territori – I clienti Retail e Private Banking, così come le PMI e le organizzazioni non profit sono servite in Italia.
  • Corporate e Investment Banking – Grandi clienti aziendali e istituzioni finanziarie sono servite in tutto il mondo. L’area copre le attività di M & A, Structured Finance e Capital Markets. L’attività di investment banking è raggruppata in Banca IMI, una controllata indipendente, e ha sedi in 29 paesi in tutto il mondo.
  • Banche estere controllate – Attività retail di Intesa Sanpaolo in CEE e MENA.
  • Finanza pubblica – La controllata “Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo” gestisce le attività di finanza pubblica del Gruppo e le finanze a. progetti di infrastrutture pubbliche.
  • Eurizon Capital – il principale gestore patrimoniale in Italia con circa 140 miliardi di euro AuM (2010).
  • Banca Fideuram – è il principale consulente finanziario in Italia con oltre 4.000 private banker e 97 filiali (2010).
  • Il Corporate Centre del Gruppo è un’altra unità (operativa) operativa del Gruppo, in cui u. a. il Treasuy e il trading proprietario sono regolati.

Banca Intesa SanPaolo nel Mondo

Anche se Intesa Sanpaolo è una delle poche grandi istituzioni che non è attualmente inclusa nell’elenco G-SIFI del G20, la banca ha una presenza significativa in tutti i maggiori centri finanziari del mondo. Così come in altri luoghi selettivi e simili in Europa orientale e in Africa.

In Europa, la società gestisce filiali a Londra (European Hub), Amsterdam, Francoforte / Meno, Madrid e Parigi. Filiali sono presenti ad Atene, Bruxelles, Istanbul, Mosca, Varsavia e Stoccolma.

In Asia, la Banca di Hong Kong (hub asiatico), Shanghai, Singapore e Tokyo è rappresentato da rami e di Pechino, Beirut, Ho Chi Minh City, Mumbai, Seoul e Teheran con uffici di rappresentanza a Dubai.

In America, la banca gestisce quattro filiali: filiali a New York e George Town e uffici di rappresentanza a Santiago e San Paolo.

In Africa, detiene – con il 70% – la quota di maggioranza della Banca di Alessandria in Egitto.

Conto corrente Intesa SanPaolo XME caratteristiche

Molto interessante è il conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Che è possibile aprire gratis se si è Under 35, purché lo si faccia entro il 31 dicembre 2019. Così come la sua gestione.

Queste le caratteristiche principali del conto corrente Intesa SanPaolo:

  • Promozione con canone del conto gratuito, imposta di bollo gratuita e altre spese azzerate
  • Carta di debito e XME Salvadanaio, se lo apri online
  • Personalizzabile poi con gli altri prodotti e servizi più utili per te
  • Pieno controllo sul tuo conto da sito e app Intesa Sanpaolo Mobile e anche su smartwatch

Conto corrente Intesa SanPaolo XME costi

Quali sono i costi del Conto corrente Intesa SanPaolo XME?

I seguenti servizi saranno gratuiti, se, come detto, lo si attiva entro il 31 dicembre 2019:

  • 0 euro canone base conto
  • 0 euro imposta bollo
  • 0 euro canone carta di debito
  • 0 euro prelievi di contante in euro in Italia e all’estero agli sportelli automatici
  • 0 euro bonifici SEPA in euro online

Ancora, XME Salvadanaio è gratuito per il primo anno se lo si attiva entro il 30 Giugno 2019

O-Key Smart serve invece per accedere alla banca online e gestire il conto ovunque, da sito, da app e al telefono. Ed anche essa è gratuita.

La Carta di credito titolare è gratuita per i primi 6 mesi se la richiedi entro il 31 Marzo 2019. utile per poter effettuare i propri acquisti online o nei negozi fisici di tutto il mondo.

Ancora, inclusi nel canone troviamo:

  • accredito stipendio o pensione
  • rilascio moduli di assegni
  • addebito diretto (domiciliazione) utenze

Canone mensile del modulo base è pari a 6,00 euro. Mentre il Canone annuo a 72,00 euro. In promozione fino al 31 Dicembre 2019: gratuito fino al compimento dei 35 anni se il conto è monointestato.

Conto corrente Intesa SanPaolo XME come funziona

Come funziona il Conto corrente Intesa SanPaolo XME? Per poterlo fare, occorre sottoscrivere il contratto My Key. Che disciplina, tra l’altro, l’utilizzo della firma grafometrica e della firma digitale, e i servizi per operare a distanza con la banca.

Il rilascio dei moduli di assegni è soggetto alla valutazione della banca. Per ogni assegno bancario si applica l’imposta di bollo prevista dalla legge.

Per i primi 6 mesi il canone mensile della carta di credito titolare è azzerato (scontato 100%).

Per i 30 mesi successivi il canone della carta di credito titolare è ridotto del 100% in funzione dei pagamenti eseguiti nel mese precedente. In particolare:

  • per le carte di credito Classic Card titolare riduzione del 100% se, nel corso del mese precedente, sono stati eseguiti e registrati sul rendiconto della carta pagamenti per un importo totale superiore a 500,00 euro.
  • per le carte di credito Gold Card ed Exclusive Card titolare riduzione del 100% se, nel corso del mese precedente, sono stati eseguiti e registrati sul rendiconto della carta pagamenti per un importo totale superiore a 1.250,00 euro. Ai fini della determinazione dell’importo, non si considerano le operazioni di anticipo contante.

Conto Base Banca Intesa SanPaolo cos’è

Cos’è il Conto Base Banca Intesa SanPaolo? E’ un conto pensato dal colosso bancario per chi effettua poche operazioni. E vuole un rapporto con la banca semplice e saltuario.

Conto Base Banca Intesa SanPaolo caratteristiche

Quali sono le caratteristiche del Conto Base Banca Intesa SanPaolo?

Le principali sono le seguenti:

  • Accesso semplice ai prodotti e ai servizi della banca
  • Conto correte con spese contenute per operazioni quotidiane
  • Costo contenuto per le tue operazioni quotidiane
  • Nessun canone per redditi nelle fasce previste dalla Convenzione Ministeriale (Zero Spese)
  • Nessun canone se il tuo reddito rientra nelle fasce previste dal Decreto del Ministero delle Finanze
  • Prelievi e versamenti sul conto veloci alle casse automatiche del Gruppo Intesa Sanpaolo
  • Prelievi di contante e versamenti alla casse veloci automatiche abilitate del Gruppo Intesa Sanpaolo

Inclusi nel canone troviamo:

  • XME Card
  • Accredito di stipendio e pensione sul conto
  • Domiciliazione utenze

Conto Base di Intesa SanPaolo è ovviamente gestibile comodamente da web. E’ così possibile effettuare sia da sito web che da app:

  • Bonifici e pagamenti
  • Verifica del saldo e delle operazioni

Conto base Intesa SanPaolo costi

Quali sono i costi relativi al Conto base di Intesa SanPaolo? Sono legati al Canone annuo base, che costa 30 euro. Ma è gratuito per queste due tipologie di utenza:

  • per le fasce socialmente svantaggiate (con ISEE inferiore a 11.600 euro)
  • per titolari di pensioni fino a 18.000 euro lordi annui
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY