Conti correnti: 320 euro l’anno secondo i consumatori

costi-bancari

Secondo una recente ricerca effettuata da Adusbef e da Federconsumatori, i conti correnti italiani costano 320,5 euro l’anno, media ponderata tra i 238,35 euro e i 337,18 euro che costituiscono la forbice di analisi delle associazioni dei consumatori protagoniste di un balletto di cifre con la Banca d’Italia.

In particolare, la “polemica dei numeri” sorge in merito ai c.d. “conti correnti con profilo a bassa operatività“, quei rapporti di conto che dovrebbero essere diretti alla maggioranza dell’utenza bancaria, ovvero a coloro che hanno scarse esigenze finanziarie, e bassa frequenza nell’utilizzo dei canali tradizionali bancari. In merito a tali conti, Adusbef e Federconsumatori puntano il dito contro l’osservazione di Bankitalia, evidenziando come i costi riscontrati nelle 10 principali banche italiane siano il 318 per cento più cari di quanto rilevato dalla stessa Banca centrale.

Secondo quanto affermato dal direttore centrale per la Vigilanza, Carmelo Barbagallo, i costi dei conti correnti italiani sarebbero infatti pari a una media di 101 euro nel 2012. Si tratta, in questa ipotesi, di una stima verificata sulla base dei conti correnti aperti nel corso dell’ultimo anno, per i quali la spesa è appunto sotto la media, e per i quali, al netto degli utilizzi a debito, gli oneri scendono ulteriormente a 60,5 euro l’anno.

Invece, Adusbef e Federconsumatori – si legge in una nota diramata dalle due associazioni – “raccolto i dati delle 10 maggiori banche (Unicredit, Intesa San Paolo, Bnl, Mps, Banca Popolare, Carige, Popolare di Milano, Banca Sella, Popolare di Vicenza, Credem), che detengono l’85% del mercato, esaminando, tassi, costi, spese e condizioni con l’Isc, l’Indicatore sintetico di costo, voluto proprio dalla Banca d’Italia e dall’Abi”. Con tale approccio metodologico, il costo medio di gestione di un conto corrente varierebbe “dai 238,35 euro della Bnl ai 337,18 di Unicredit; dai 273,20 di Intesa San Paolo, ai 438,70 della Banca Popolare di Vicenza, con una media ponderata Isc pari a 320,5 euro, il 318% in più di quanto sbandierato da Bankitalia”.

Sempre secondo quanto affermato da Adusbef e Federconsumatori, altro “male” delle banche sarebbe rappresentato dalle commissioni e spese accessorie. Continua infatti la nota: “Pagare una bolletta costa fino a 4 euro (Bnl), per un bonifico 5 euro (Popolare Vicenza), saldare la rata Imu arriva a costare 10 euro (Mps), saldare una rata di fitto 5 euro (Unicredit), sconfinare sul conto costa il 20% al Banco Popolare; gli interessi sulle somme depositate sono pari allo 0,010% in Bnl, Unicredit, Intesa San Paolo e Popolare di Vicenza. L’istruttoria veloce costa 50 euro alla Carige ed Unicredit; 40 euro alla Popolare di Milano,30 euro al Banco Popolare”.

Per quanto attiene invece le commissioni sui prelevamenti bancomat, in media il costo applicato è pari a 2 euro, con un picco di 2,20 euro nella Banca Popolare di Vicenza. Per i bonifici, il costo medio – concludono le due associazioni – è pari a 4,60 euro per trasferimenti presso altre banche.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY