Consumo in calo dopo dati negativi sulle vendite al dettaglio

consumo

Stando ai dati sulle vendite al dettagli diminuite dello 0,1% su mese e dello 0,2% sull’anno, il consumo ed in particolare i consumi di genere alimentare, sono diminuiti.

Quale periodo riguardano in particolare questi dati sul consumo?

I dati sono stati rilasciati dall’Istat e riguardano un calo dello 0,1% nel mese di agosto. Il condacons teme un natale “più povero” per la maggior parte degli italiani. Le vendite di prodotti alimentari sono in calate dello 0,8% e in particolare secondo i dati comunicati dal tg5 delle 13.00, a risentirne di più sarebbe il consumo in primis di pesce e poi di carne, ma anche la frutta e verdura. consumoIl tutto sembra essere accentuato da una neo cultura alimentare che si stanno andando sempre più diffondendo su internet e che spinge i consumatori a concentrarsi sul consumo di cibi non proprio idonei ad una dieta corretta, come l’uso sfrenato della soia, che richiede eccessivi processi chimici ad esempio per trasformarla in una sorta di hamburger.

Il dato risultata comunque preoccupante perché registrato nel mese di agosto, un mese in cui solitamente la gente sta in vacanza e i consumi sono soliti aumentare. Per cui possiamo immaginare come sarà questo stesso valore in un mese più “qualunquista”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY