Consob: al via la consultazione sulle restrizioni Esma su CFD e opzioni binarie

Il massimo organismo di controllo italiano sui mercati finanziari – Commissione nazionale per le società e la Borsa, meglio conosciuta con l’acronimo Consob – ha avviato una consultazione riguardante le misure da adottare in merito alle opzioni binarie e ai contratti per differenza (Contract For difference, meglio conosciuti con l’acronimo CFD).

Lo scopo della CONSOB è quello di introdurre anche nel nostro Paese in modo definitivo – ai sensi della direttiva comunitaria sulla prestazione dei servizi di investimento (Mifid II) e dell’articolo 42 del regolamento Mifir (Regolamento Ue sui mercati degli strumenti finanziari) – le medesime misure restrittive già previste dall’ESMA a partire dal primo agosto 2018.

Proprio al fine di tutelare i risparmiatori dalla tentazione di guadagni facili senza alcuna formazione, dalla truffa di piattaforme che promettono la Luna, dalla lusinga di uno strumento tanto facile quanto succhia-soldi come le opzioni binarie e da leve finanziarie troppo eccessive.

La consultazione finirà entro il 22 gennaio prossimo. Dopodiché si giungerà alle dovute conseguenze e alle eventuali misure da adoperare.

Intanto vediamo quelle che sono le piattaforme di trading che già rispettano le normative:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

ESMA, cosa prevedono provvedimenti oggetto della consultazione Consob

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha dal primo agosto formalmente adottato nuove misure sulla fornitura di contratti per differenze (CFD) e opzioni binarie agli investitori al dettaglio.

Le misure sono state pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (GU). Entreranno in vigore dal 2 luglio 2018 per le opzioni binarie e dal 1° agosto 2018 per i CFD e si applicheranno come segue:

1. Opzioni binarie (dal 2 luglio 2018): divieto di commercializzazione, distribuzione o vendita di opzioni binarie agli investitori al dettaglio. Un’opzione binaria è un’opzione finanziaria esotica in cui il payoff è costituito da un importo monetario fisso o nulla del tutto. I due tipi principali di opzioni binarie sono l’opzione binaria cash-or-nothing e l’opzione binaria asset-or-nothing. Il primo paga una certa somma di denaro se l’opzione scade in-the-money mentre il secondo paga il valore del titolo sottostante. Sono anche chiamate opzioni tutto-o-niente, opzioni digitali (più comuni nei mercati forex / tassi d’interesse) e opzioni a rendimento fisso (FRO) (sulla Borsa americana).

2. Contratti per differenze (dal 1 ° agosto 2018): restrizione alla commercializzazione, distribuzione o vendita di CFD agli investitori al dettaglio. Questa limitazione consiste in: sfruttare i limiti delle posizioni di apertura; una regola di chiusura del margine su base per account; una protezione del saldo negativo su base account; impedire l’uso di incentivi da parte di un fornitore di CFD; e un avviso di rischio specifico per azienda consegnato in modo standardizzato.

L’ESMA ha adottato tali misure nelle lingue ufficiali dell’UE e resteranno in vigore per un periodo di tre mesi dalla data di applicazione.

Steven Maijoor, presidente dell’organismo, ha detto:

“Le misure che l’ESMA ha intrapreso oggi rappresentano un passo significativo verso una maggiore protezione degli investitori nell’UE. Le nuove misure sui CFD, per la prima volta, garantiranno che gli investitori non possano perdere più denaro di quanto hanno investito, limitare l’uso di leva finanziaria e incentivi e fornire comprensibili avvertenze sui rischi per gli investitori.”

Il divieto dell’ESMA di commercializzare, distribuire o vendere opzioni binarie agli investitori al dettaglio affronta i notevoli problemi di protezione degli investitori causati dalle caratteristiche di questo prodotto.

“Questo approccio paneuropeo è il modo più appropriato per affrontare questo importante problema di protezione degli investitori. Le ANC controlleranno l’impatto di queste misure durante la loro applicazione e valuteranno, con l’ESMA, quali sono i prossimi passi da compiere”.

E ora veniamo alle misure sui CFD andate in vigore dal 1 ° agosto 2018

Le misure di intervento sul prodotto adottate dall’ESMA ai sensi dell’articolo 40 del regolamento sui mercati degli strumenti finanziari includono:

1. Sfruttare i limiti dell’apertura di una posizione da parte di un cliente al dettaglio da 30:1 a 2:1, che variano in base alla volatilità del sottostante:

  • 30:1 per le principali coppie di valute;
  • 20:1 per le coppie di valute non principali, l’oro e gli indici principali;
  • 10:1 per le materie prime diverse dall’oro e dagli indici azionari non importanti;
  • 5:1 per le singole azioni e altri valori di riferimento;
  • 2:1 per criptovalute;

2. Una regola di chiusura del margine su base per account. Questo standardizzerà la percentuale del margine (al 50% del margine minimo richiesto) a cui i fornitori sono tenuti a chiudere uno o più CFD aperti del cliente al dettaglio.

3. Protezione del saldo negativo su base account. Ciò fornirà un limite globale garantito per le perdite dei clienti al dettaglio.

4. Una restrizione agli incentivi offerti per negoziare i CFD.

5. Un avviso di rischio standardizzato, compresa la percentuale di perdite sui conti degli investitori al dettaglio del fornitore di CFD.

ESMA cos’è

ESMA raggiunge questo obiettivo: valutando i rischi per gli investitori, i mercati e la stabilità finanziaria, completando un regolamento unico per i mercati finanziari dell’UE, promuovendo la convergenza della vigilanza e supervisionando direttamente le agenzie di rating e i repertori di dati sulle negoziazioni.

Oltre a favorire la convergenza della vigilanza tra le autorità di regolamentazione dei titoli, mira a farlo in tutti i settori finanziari lavorando a stretto contatto con le altre autorità europee di vigilanza competenti nel settore bancario (EBA) e le pensioni assicurative e professionali (EIOPA).

Mentre l’ESMA è indipendente, vi è piena responsabilità nei confronti del Parlamento europeo dove appare prima la commissione per i problemi economici e monetari (ECON), su loro richiesta per audizioni formali. Esiste inoltre una piena responsabilità nei confronti del Consiglio dell’Unione europea e della Commissione europea. L’Autorità riferirà pertanto sulle sue attività regolarmente alle riunioni, ma anche attraverso una relazione annuale.

L’ESMA è stata fondata come risultato diretto delle raccomandazioni della relazione di Larosière del 2009 che chiedeva l’istituzione di un Sistema europeo di vigilanza finanziaria (ESFS) come rete decentralizzata. È entrato in funzione il 1 ° gennaio 2011 in base al suo regolamento istitutivo e ha sostituito il comitato delle autorità europee di regolamentazione dei valori mobiliari (CESR), una rete di autorità dell’UE che promuoveva una vigilanza coerente in tutta l’UE e fornito consulenza alla Commissione europea.

L’ESMA raggiunge la sua missione e i suoi obiettivi attraverso quattro attività:

  • Valutare i rischi per gli investitori, i mercati e la stabilità finanziaria
  • Completamento di un unico regolamento per i mercati finanziari dell’UE
  • Promuovere la convergenza della vigilanza
  • Supervisione diretta di specifici soggetti finanziari
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY