Confesercenti: 8,2 miliardi di consumi in meno se sale l’Iva

Il quadro messo in luce da Confesercenti attraverso una simulazione condotta da Ref ricerche, nel caso in cui venissero aumentate le aliquote Iva non ha prodotto uno scenario roseo.

Il Governo starebbe valutando di rialzare le aliquote come possibile soluzione all’abbattimento dell’Irpef, ma se decidesse di farlo i consumi diminuirebbero di circa 8,2 miliardi di euro, ovvero di 305 euro di spesa in meno per famiglia, l’impatto sul Pil ammonterebbe a 5 miliardi di euro in meno.

I risultati della simulazione

La simulazione è partita ipotizzando un aumento di 3 punti all’aliquota agevolata, passando quindi dal 10 al 13% e di 1 punto sulla super-agevolata, salendo dunque dal 4 al 5%. L’effetto negativo, basandosi sulle relazioni con dati storici, viene stimato in termini di Pil con -0,3%, che produrrebbe un rialzo dei prezzi dello 0,7% il quale si tradurrebbe a sua volta nella contrazione della spesa, soprattutto se si considera che le due aliquote interessano i generi di largo consumo e i servizi, andando a colpire anche le fasce socialmente più deboli.

Nel confronto europeo, i consumatori italiani subiscono una pressione fiscale elevata, il nostro paese si posiziona infatti al secondo posto dopo la Svezia, paese noto per l’elevata tassazione.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY