Come comprare Ripple: metodi e migliori alternative

Come comprare Ripple? Quali sono le migliori alternative per comprare Ripple? Cos’è Ripple? Come funziona Ripple? Le criptovalute stanno attirando sempre più l’interesse degli investitori, complice anche il fatto che pure i media Mainstream cominciano a dare credito a questo asset virtuale. Dopo tutta la differenza iniziale nei confronti del Bitcoin e delle prime criptovalute di successo. Una febbre che ormai sta coinvolgendo tutti i Paesi: negli Usa la Borsa di Chicago ha da poco lanciato i Futures sui Bitcoin. Cina e Russia, che in un primo momento le hanno bandite, potrebbero renderle legali dal 2018. La Corea del Sud, Paese che più di ogni altro trasla Bitcoin, è presa da un’autentica caccia al Bitcoin, con ragazzini e padri di famiglia che scaricano app nella speranza di lucrarci.

In Italia l’interesse sta crescendo con la solita lentezza, ma cresce. E anche i giornali più importanti come IlSole24Ore, Il Corriere della sera e LaRepubblica, iniziano a parlare con la serietà dovuta delle criptovalute. Nonché le principali aziende televisive, Rai, Mediaset e Sky Italia. Ma non c’è solo Bitcoin. Sono una decina infatti le criptovalute più interessanti su cui investire. Tra queste, senza dubbio occorre citare Ethereum, seconda ormai da tempo per volumi di transazioni, la quale ha avuto il merito di lanciare gli smart contract, contratti digitali che possono rivoluzionare il mondo del commercio e della finanza. Nonché Ripple, che invece dalla sua parte ha il fatto di rendere più veloci e convenienti gli scambi tra monete diverse.

In questa sede ci occupiamo proprio di Ripple, ricapitolando cos’è, come funziona, come comprarlo e le migliori alternative per farlo.

Sommario

Ripple cos’è

Cos’è Ripple? La criptovaluta Ripple è nata nel 2013 e il suo protocollo è stato creato da OpenCoin, fondata a sua volta da Chris Larsen e Jed McCaleb. Con lo scopo di eliminare e superare le difficoltà e gli svantaggi del Bitcoin. L’idea alla base di Ripple è quella del sistema monetario P2P, basata sulla tecnologia peer to peer, la quale permettere di crittografare le transazioni (la stessa usata per crittografare le conversazioni su WhatsApp). Ma il vero scopo primario di Ripple è quello di eliminare o, comunque abbassare, i costi di intermediazione sulle transazioni finanziarie. In pratica, quei costi di commissione che dobbiamo alla banca quando trasferiamo denaro o preleviamo tramite carte.

Opera su una piattaforma decentralizzata e su una rete open source, il che significa che gli sviluppatori hanno la facoltà di intervenire e modificare sempre attinendosi alla normativa di utilizzo della valuta virtuale. Viene sviluppata nei Ripple Labs, a San Francisco, in California. Utilizzano l’algoritmo Ripple Consensus per stabilire e registrare le transazioni su un database distribuito sicuro: il Ripple Consensus Ledger (RCL).

La popolarità di Ripple sta crescendo sempre più e anche le Banche stanno apprezzando il suo sistema. Ad oggi sono già più di 75 le Banche che la utilizzano per transazioni commerciali. Si pensi a Satander e a Bank of America.

Ripple come funziona

Come funziona Ripple? Una differenza col Bitcoin è la presenza di registri di transazioni chiamati Ledger, i quali permettono di monitorare gli scambi e completare le transazioni nel giro di pochi secondi. Un’altra sua caratteristica è la possibilità di scambiare e trasferire denaro tra valute nettamente diverse. Si pensi a quelle valute che sono costrette a passare per il dollaro. Grazie a Ripple, non solo non saranno più pagate commissioni, ma non dovranno neanche fare i conti con le oscillazioni del dollaro.

Il sistema Ripple si compone di 3 parti:

Il funzionamento della rete Ripple si basa sul meccanismo della fiducia rappresentata dai crediti IOU (I Owe You) che rappresentano le valute reali. Ciò che si invia e riceve sono proprio questi crediti che vengono convertiti in denaro “reale” nei cosiddetti gateway Ripple. Tutti i debiti, vale a dire le transazioni, avvengono solo tra soggetti che hanno instaurato un legame di fiducia. Aderendo appunto alla rete Ripple. Le transazioni Ripple sono istantanee, gratuite e irreversibili. XRP è l’unica valuta che circola nella rete Ripple ed è l’unità di misura per lo scambio dei crediti IOU.

Ripple però, come detto, è anche una moneta digitale. Riconosciuta con l’acronimo XRP.

Differenze Ripple e Bitcoin

Quali sono le differenze tra Ripple e Bitcoin?

La prima riguarda il fatto che, se Bitcoin è solo una criptomoneta, Ripple, oltre a ciò, è anche una ampia rete mediante la quale svolgere transazioni comodamente tra valute diverse. Con Ripple, le transazioni si svolgono in soli 2-5 secondi, mentre con Bitcoin occorrono circa 10 minuti. Ultima differenza è nella distribuzione massima in circolazione delle due valute virtuali: per i bitcoin è prevista una emissione di un massimo di 21 milioni, mentre per ripple 100 miliardi.

Come comprare Ripple

Il mondo Ripple vi sta già affascinando al punto da chiedervi: come comprare Ripple? Le possibilità sono 2: o tramite Exchange, o tramite CFD con i Broker. In entrambi i casi, comunque, l’importante è affidarsi a piattaforme legali, trasparenti, sicure, controllate. Altrimenti rischierete seriamente di ritrovarvi il conto svuotato dai proprietari truffaldini o da un attacco Hacker perché poco protetti. Nei prossimi paragrafi vedremo quindi quali sono i migliori Exchange e quali sono i migliori Broker per farlo.

Nel caso degli Exchange va però anche premesso il fatto che, rispetto al Bitcoin, non tutti prevedono XRP. Quindi in alcuni casi occorre prima acquistare la regina delle criptovalute e poi prelevare ripple.

Comprare Ripple con CoinBase e Binance

Partiamo dagli Exchange. un’idea potrebbe essere quella di comprare Ripple “palleggiandola” tra due piattaforme molto utilizzate e sicure: CoinBase e Binance. I passi da seguire sono questi:

  • Registrarsi sul sito internet Coinbase
  • Registrarsi sul sito internet Binance
  • Acquistare Bitcoin o Ethereum su Coinbase
  • Inviare la tua cryptovaluta a Binance
  • Convertire la somma trasferita su Binance in Ripple (XRP)

Vediamoli meglio nel dettaglio:

1. Registrarsi su Coinbase

Coinbase è un Exchange tra i più popolari, che conta sui seguenti numeri nel momento in cui scriviamo:

• 12,6 milioni di utenti

• 40 miliardi di dollari in transazioni effettuate

• più di 20 miliardi di dollari di cryptomonete

• più di 39,700,000 portafogli attivi

• 47mila negozianti

• 11mila sviluppatori di applicazioni

Al momento Coinbase è l’unico sito, la cui reputazione è globalmente riconosciuta, che permette di registrarsi e completare il processo di verifica dei documenti in tempi molto brevi. Ci sarà richiesto di verificare l’indirizzo email, il numero di telefono e il documento di riconoscimento. All’utente sono fornite anche delle istruzioni che spiegano come eseguire ogni passaggio. Il documento sarà invece convalidato in pochi minuti grazie alla webcam del computer o in alternativa con la fotocamera del proprio smartphone.

Completato l’iter di registrazione e verifica, sarà possibile acquistare qualsiasi tipo di cryptovaluta presente su Coinbase. Anche Ripple.

2. Registrarsi su Binance

Binance è un Exchange di tipo decentralizzato partner dell’avveniristica criptovaluta NEO, il quale ha attivato il GAS Wallet per i depositi e dal 7 Agosto 2017 prevede pure la possibilità di scambiarlo con i Bitcoin. L’Exchange Binance si sta già imponendo come la piattaforma nella quale vengono eseguite le maggiori transazioni di NEO. Acquistare o vendere i GAS diventa pertanto più facile, senza dover ricorrere a Google Translator per utilizzare gli exchange cinesi.

  • Collegarsi al sito internet Binance
  • Completare il processo di registrazione e verifica della email.
  • Inviare i Bitcoin/Ethereum acquistati su Coinbase al portafoglio Binance
  • Accedere al proprio account Binance
  • Nella parte superiore della schermata si dovrà andare con il mouse su “Funds” e apparirà un menù a cascata dal quale occorre selezionare “Deposits Withdrawals”

3. Acquistare Ripple in maniera veloce con Coinbase e Binance

Occorrerà selezionare la criptovaluta con la quale intendiamo effettuare il deposito. In questo caso, come detto, Bitcoin o Ethereum, cliccando su “Deposit”

A questo punto si estende il menù a tendina mostrando l’indirizzo a cui mandare la cryptovaluta che intendi utilizzare per il versamento. Copia il codice alfanumerico e poi tornare su Coinbase.

  • Cliccare su “Invia” / “Send” relativo alla criptovaluta che si intende trasferire
  • Incollare o copiare il codice alfanumerico precedentemente copiato da Binance, seleziona l’importa da inviare e clicca su “Continua”.
  • Il trasferimento richiederà tra uno e 3 minuti, ma sarà altresì possibile seguire l’andamento della transazione sia da Coinbase che da Binance. A questo punto tornare su Binance e scambiare i Bitcoin appena arrivati in Ripple.
  • Andare alla pagina dedicata alla valuta BTC-XRP (o ETH-XRP), r
  • A metà pagina ci apparirà un grafico al di sotto del quale è presente un’interfaccia che consente di selezionare il tipo di operazione da effettuare. Volendo acquistare Ripple dovremo selezionare “Market” e inserire la percentuale di BTC da convertire.
  • Selezionato l’importo desiderato basterà cliccare su “Buy XRP”.

Come acquistare Ripple: Changelly

Come acquistare Ripple? Una valida alternativa è anche l’Exchange Changelly. Dato che le criptovalute sono monete a tutti gli effetti, abbiamo bisogno di una sorta di conto bancario dove tenerli, che ci funga anche da portafoglio virtuale: per questo scopo ci sono i cosiddetti Wallet. Una volta che ci siamo iscritti ad un wallet, abbiamo anche una sorta di Iban dove inviare il nostro denaro. Ma dato che dobbiamo convertirli in Euro, abbiamo bisogno di un Gateway che ce lo permetta.

A questo scopo possiamo utilizzare Changelly. La procedura per utilizzarlo è abbastanza semplice, ci registriamo, una volta ottenuto l’account seguiamo il wizard. Selezioneremo cosa vogliamo convertire, nel nostro caso Euro in XRP. Seguiremo il wizard in 5 step e dopo circa 10 minuti ritroviamo i fondi nel nostro Wallet scelto.

Changelly è un Exchange americano, che consente di fare trading su Monero, Dash, Bytecoin e molte altre criptomonete. E’ possibile pure acquistare tramite dollari americani o in Euro. In tal caso, si applicano commissioni di cambio fisse allo 0,5% per ogni transazione eseguita.

I vantaggi principali di Changelly sono:

  • Procedimento semplice
  • Convenienza di cambiare con altcoin
  • Non richiede informazioni personali

Lo svantaggio è solo uno: prevede commissioni più elevate rispetto ad altri exchange. Abbiamo detto dello 0,5%, quando la media è tra lo 0,20 e lo 0,25%. Quindi la metà.

Comprare Ripple con Spectrocoin

Un’ottima alternativa per comprare Ripple è Spectrocoin. SpectroCoin viene definito un Wallet & Exchange. Vanta un’interfaccia estremamente facile da usare e una forte attenzione alla sicurezza degli utenti iscritti. Ha sede legale a Londra, e già ciò pone a riparo gli iscritti da frodi in quanto in Gran Bretagna vige il controllo della FAD, organo di vigilanza sui mercati finanziari. Il corrispettivo britannico della nostra CONSOB o della cipriota CySEC. Spectrocoin si distingue dalla massa degli Exchange in quanto offre una carta per fare acquisti nei negozi fisici, proprio come utilizziamo una carta di debito, credito o prepagata.

Vantaggiosi poi i costi, relativamente bassi, in quanto l’unico costo da sostenere è di 1 EUR al mese come canone per il possedimento della carta. Anche l’utilizzo di quest’ultima è vantaggioso, essendo disponibile per le seguenti valute più importanti e diffuse nel mondo:

• dollari

• sterline

• euro

SpectroCoin offre anche una comoda app per far usare la piattaforma da smartphone o tablet. Fruibile sui principali sistemi operativi Windows, Android o iOS. SpectroCoin è pure scelto come wallet da Bankera (la futura banca delle crypto), che rappresenta una delle ICO più apprezzate del momento, la quale consente di comprare, conservare e scambiare i propri token posseduti.

Ecco come registrarsi su SpectroCoin:

  • Collegarsi al sito: www.spectrocoin.com
  • Cliccare sul pulsante in alto a destra su “Sign-Up
  • Inserire il proprio indirizzo email e scegliere una password
  • Confermare i dati, riscrivendo email
  • Accettare i termini e le condizioni e cliccare sul RECAPTCHA, il sistema che si assicura che tu non sia un bot facendo inserire una parola

Dopo aver fatto questa procedura, attendere l’arrivo della mail. Una volta arrivata (controllare anche in Spam) dovremo aprirla e cliccare sul link in essa contenuta per attivare il conto. Proprio come facciamo quando ci registriamo normalmente ad un sito. In alternativa, potremo anche cliccare sul bottone “Sign in with Facebook”per creare automaticamente e semplicemente un conto e senza dover passare per la tiritera della mail.

Quando si vuole effettuare un deposito occorre cliccare sulla tab “Deposit”. Poi pigiare su “Deposit EUR or Other Currency” e si potrà decidere quanto importo versare al fine di acquistare le diverse criptovalute.

Ecco i 3 metodi di versamento previsti su SpectroCoin:

  1. Bonifico bancario da Conto Corrente
  2. Carta di Credito (Visa, Mastercard, Maestro)
  3. E-Wallet (Skrill, Neteller, Payneer, PerfectMoney)

Strano a dirsi, ma il bonifico bancario è un metodo più veloce rispetto alla carta di credito. Ora, bisogna cliccare dal menu in alto su EXCHANGE e scegliere la criptovaluta che desideriamo. A questo punto avremo ottenuto i nostri sospirati ripple.

Abbiamo detto che un vantaggio di SpectroCoin è che prevede anche una carta. E’ possibile richiederla ad un costo di soli 8 euro e ci sarà spedita a casa in 3 o 4 settimane. Se invece si vogliono accelerare i tempi, sarà possibile richiedere la carta in 4-5 giorni al costo di 69 euro. Il costo mensile è di 1 euro al mese. Ma c’è di più: se sulla carta non deteniamo nulla, non ci sarà addebitato alcunché. Per prelevare da uno sportello bancomat, il costo sarà di 2,25 euro ad ogni prelievo se sarà effettuato nella valuta scelta. Quindi nei paesi dell’Eurzona. Al di fuori di questi Paesi, il costo sarà di 2,75 euro. Quindi una sola differenza di 50 centesimi.

Oltre che sul proprio conto SpectroCoin, sarà possibile collegare la carta anche al proprio conto bancario, Skrill, Okpay, Perfectmoney e Payeer. Come ricaricare la carta Spectrocoin con i bitcoin? In 2 modi:

• copiare l’indirizzo e l’importo nel proprio wallet

• scannerizzare il QR code

Come comprare Ripple? I CFD tramite Broker

Se queste alternative non ti convincono, puoi sempre acquistare Ripple tramite i Broker. Termine anglosassone con cui si identificano le piattaforme per il trading online. Tramite i Broker è possibile di fatti acquistare criptovalute con i CFD. Acronimo di Contract for difference, traducibile in Contratto per differenza. Esso è uno strumento finanziario il cui prezzo deriva dal valore di altre tipologie di strumenti d’investimento. Anziché negoziare o scambiare fisicamente l’attività finanziaria, il CFD rappresenta un’operazione in cui due parti (venditore e compratore) convengono per scambiare denaro sulla base della variazione di valore dell’attività sottostante che intercorre tra il punto in cui l’operazione viene aperta e il momento in cui la stessa viene chiusa. Chi acquista consegue un guadagno nel caso in cui il valore dell’attività aumenti, e di contro una perdita nel caso in cui tale valore diminuisca. Chi vende, di contro, consegue una perdita a fronte dell’aumento del prezzo dell’attività e un guadagno se tale prezzo diminuisce.

I CFD si presentano come strumento di tipo derivato che consente agli investitori di trarre vantaggio dal rialzo (posizione long) o dal ribasso (posizione short) del prezzo di attività finanziarie sottostanti. E sono uno strumento molto preferito per speculare in questo tipo di mercati. Sono nati a Londra nei primi anni ’90. Basati sugli swap di capitale (termine che in gergo sta a significare un flusso di capitale tra due parti).

La scelta del Broker è molto delicata e occorre evitare di affidarsi a piattaforme che promettono facili guadagni tramite fantomatici sistemi automatizzati computerizzati. In genere ci si accorge che sono truffe quando ci mostrano persone sdraiate su un’amaca in una caraibica isola deserta, o circondati da belle donne e auto di lusso. Il trading è una cosa seria e mediamente, consente di fare, se si è fortunati, 1000-1500 euro al giorno. Ma non certo milioni come millantano questi truffatori. Anzi, non solo non si vedrà un euro, ma si finirà pure per perdere i soldi messi all’inizio (in genere vengono chiesti 250 euro per aprire un conto). E quelli messi successivamente nel tentativo di investire ancora. Un po’ come si fanne macchinette dei bar. Tanti malcapitati asseriscono di aver perso tutti i propri soldi anche avendo esposto regolare denuncia.

Quindi, in conclusione, gli unici a finire in un luogo paradisiaco saranno i vostri soldi. Ma in Paradisi fiscali.

Come deve essere quindi un Broker affidabile? Deve avere le seguenti caratteristiche:

  1. Regolare licenza CONSOB, il che significa che è sottoposto a severe norme sulla privacy e anti-riciclaggio
  2. Conto demo gratuito per fare pratica senza perdere soldi reali
  3. Grafici chiari sull’andamento degli asset nel tempo
  4. News sui principali fatti che interessano direttamente o indirettamente il mercato finanziario
  5. Formazione continua tramite download di ebook, webinar, corsi di formazione e-learning, incontri dal vivo
  6. Leva finanziaria che consente di moltiplicare i propri guadagni (ma è una arma a doppio taglio, dato che moltiplica pure le proprie perdite)
  7. Zero commissioni sulle operazioni
  8. Spread conveniente
  9. Assistenza clienti in italiano, H24, 7 giorni su 7, facilmente raggiungibile tramite chat integrata alla piattaforma, mail o numero di telefono
  10. Possibilità di acquistare criptovalute tramite CFD, i contract for difference. I CFD sono una ulteriore garanzia di sicurezza, dato che sono regolati dal CySEC. Massima autorità europea con sede a Cipro per il controllo sui mercati finanziari.

Come acquistare Ripple, migliori Broker

Come acquistare Ripple tramite Broker? Registrandosi ad uno di questi siti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Acquistare Ripple è una truffa?

La risposta migliore a questa domanda è Nì. Nel senso che dipende da quale mezzo si utilizza per farlo. Se si sceglie una delle piattaforme – Exchange o Broker – sopra elencate, allora non correremo rischi. Al massimo, il rischio è quello insito nell’investimento stesso, perché un investimento porta sempre un margine di rischio. Altro rischio potrebbe essere un attacco Hacker, sebbene tali piattaforme siano abbastanza sicure contro di essi. Quindi, rischi legati a cause esterne o alla nostra bravura come trader.

Se invece ci si mette nelle mani di chi millanta di farci diventare milionari senza alcuna conoscenza o sforzo i rischi di subire una truffa con Ripple saranno elevati. Rischi che non riguarderanno solo i nostri soldi, ma, peggio ancora, i nostri dati sensibili. Perché a questa piattaforma affidiamo, all’atto della registrazione dati come email, codice fiscale, indirizzo di residenza, numero telefonico, Iban o numero della carta prepagata. Dati che potrebbero essere usati per vari tipi di attività: dal semplice spam via mail o via sms la depauperamento dei nostri soldi sul conto. Riflettiamoci bene.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY