Comprare Ripple (XRP) con Carta di Credito, Debito e Postepay [2019]

Come comprare Ripple in modo semplice e sicuro? Come comprare Ripple con Carta di credito? Come comprare Ripple Carta di Debito? Come comprare Ripple con Postepay?

Ripple, il cui codice è XRP, è una criptovaluta nata nel 2014 e ritenuta dagli addetti ai lavori anomala. Il motivo è presto detto, in quanto fa venire meno due presupposti delle criptovalute: non è decentralizzata, in quanto viene emessa da sedi a San Francisco. E non è anteposta a Banche e Money transfer, in quanto con essi collabora attivamente e proficuamente.

Di fatto, Ripple non è solo una criptovaluta ma anche un sistema che consente di trasferire denaro tra valute diverse in modo rapido ed estremamente economico. Tutta altra musica rispetto alle Banche. E se è vero il motto che dice “se il nemico è più forte di te, fattelo amico”, i colossi bancari lo stanno mettendo appieno in pratica.

Su tutti, il Banco di Santander, colosso bancario spagnolo. Il quale, proprio di recente, ha lanciato la app per il digital banking One Pay FX. Lanciata nel 2018, poggiante sulla blockchain, e utilizzata in particolare per i pagamenti transfrontalieri. Consentendo anche la connessione tra altri paesi, come Regno Unito e Polonia. Un corridoio geoeconomico prima escluso.

Grazie a questa implementazione, i clienti Santander possono trasferire fino a 10.000 euro al giorno in 19 paesi europei. Nonché negli Stati Uniti. Il tutto senza commissioni di transazione.

Malgrado questa ed altre collaborazioni con oltre 20 tra Banche e Money transfer molto popolari (si pensi a MoneyGram), Ripple però non è riuscita mai ad esplodere a livello di prezzo. In quanto è ancora alta la diffidenza nei confronti della sua natura come criptovaluta. Di fatto, la stessa Santander, dopo aver annunciato che One Pay FX avesse anche utilizzato XRP, tornò sui suoi passi.

E’ il destino che accomuna tutte le criptovalute. Anche la Regina Bitcoin, vista ancora più come un asset per il trading anziché per una criptovaluta da utilizzare nel quotidiano.

E forse non è un caso che se da un lato Ripple è al terzo posto saldamente da anni per Capitalizzazione di mercato, quanto a prezzo sia molto indietro. A soli 0,327527 USD. Basti pensare che, sempre al momento della scrittura, la prima, ovviamente Bitcoin, prezza 10,500 USD. Mentre la seconda, Ethereum, sia a 225 USD e quarta in ordine di prezzo.

Detto ciò, comunque, sono tante le persone interessate all’acquisto di Ripple. Ed in questo articolo vediamo proprio come farlo tramite Carta di Credito, Debito e Postepay. Infine, per gli interessanti al trading online, vediamo come utilizzare un Broker molto rinomato qual è 24Option (trovi il sito ufficiale qui).

Ripple cos’è e come funziona

Ripple è il nome della società responsabile della creazione e del trasferimento di pagamenti globali tramite XRP. Questo sistema offre la possibilità di liberare tutti i limiti che caratterizzano la rete finanziaria per i cambi di valuta, come ritardi nell’elaborazione e le alte commissioni.

La piattaforma di Ripple viene creata per fornire agli utenti il trasferimento di importi da diverse valute in una frazione di minuti, da qualsiasi parte del mondo. Questo è uno degli obiettivi ambiziosi inteso a ridurre la necessità di un sistema più vecchio come SWIFT o Western Union.

XRP è invece il nome dato a una moneta digitale che aiuta nella transazione del denaro su una rete di Ripple. Funziona come fonte di liquidità ogni volta che è necessario, oltre a fungere da ponte tra le due valute.

XRP, che è una blockchain open source, funziona sull’interfaccia dei server peer-to-peer. Allo stesso tempo, appartiene alla classe di asset del libro mastro XRP.

Ripple è una società tecnologica americana che progetta la moneta Open chiamata anche Ripple Payment Protocol (RPP) e il network su cui regge. Prima di Ripple, è stato inizialmente scambiato come Ripple Labs.

RippleNet è stata la rete di fornitori di servizi di pagamento istituzionali di Ripple come servizi di denaro o banche in tutto il mondo. Unisce varie reti di pagamento come Digital Asset Exchanges, banche, entità aziendali e fornitori di pagamenti e accetta sia criptovalute che valute.

Ripple, come comprare con Carta di Credito, Debito e Postepay

Come comprare Ripple con Carta di credito? Come comprare Ripple Carta di Debito? Come comprare Ripple con Postepay? Il modo migliore per farlo è utilizzare piattaforme che siano sicure perché regolamentate. Evita siti non autorizzati, che promettono guadagni facili, lauti ed immediati.

Un Broker con regolare licenza è una piattaforma sottoposta a severi regolamenti e controlli a tutela del cliente. Invece, le piattaforme non autorizzate solitamente hanno sede nei cosiddetti Paradisi fiscali. Piccoli Stati – in genere ubicati su isole paradisiache – chiamati così in quanto offrono protezione a chi li trasferisce la propria residenza fiscale e quella della società creata. Quindi, il conto bancario. Non a caso, questi Paradisi fiscali sono inseriti in Black list.

Una piattaforma molto conveniente per comprare Ripple con Carta di Credito, Debito e Postepay. Ma non solo. Anche tramite bonifico, Skrill e Paypal. E le belle notizie non finiscono qui. 24Option non chiede alcuna commissione per i suoi servizi.

24option è un broker molto interessante anche per quanti vogliono fare trading su Ripple. Vediamo perché nel prossimo paragrafo.

Come investire su Ripple con 24option

Come investire su Ripple con 24option? 24Option (clicca qui per andare sul sito ufficiale) è un Broker nato a fine 2010, inizialmente solo per le opzioni. Poi ha iniziato ad inserire sempre più asset su cui investire mediante i convenienti CFD. I Contract for difference, contratti digitali che consentono di investire su una platea vasta di asset sia puntando sul loro rialzo che sul loro ribasso.

Peraltro, in Italia 24option sta diventando nota ai più grazie alla partnership con la Juventus, della quale è uno degli sponsor.

24option offre vari servizi, tutti quelli standard e diffusi tra i Broker con regolare licenza. Tuttavia, uno in particolare è molto apprezzato dagli addetti ai lavori: i segnali di trading.

Motivo? I segnali di trading sono veri e propri suggerimenti lanciati da esperti del trading agli iscritti ad una piattaforma, al fine di far cogliere loro le migliori occasioni di trading. In genere via mail o sms, in base alla scelta dell’utente.

Per questo servizio di segnali (che trovi qui), 24option si affida ad una società specializzata in materia: Trading Central. Una società con sede a New York, Parigi e Hong Kong e con un’ampia copertura dei mercati finanziari globali. Servizio offerto pure in materia gratuita. Trading Central è stata premiata 9 volte consecutive per i suoi servizi.

Ma come diceva il compianto Corrado, non finisce qui. 24Option tiene molto a cuore la formazione dei suoi utenti. Infatti, sulla sua piattaforma di tanto in tanto manda in onda dei Webinar che altro non sono che dei seminari online. Nel corso dei quali gli utenti possono anche porre domande ai formatori.

Ancora, sul sito gli iscritti possono trovare anche video formativi sempre disponibili sulla piattaforma ed ebooks interattivi.

Anche questi tre strumenti per formarsi sono offerti gratuitamente. Perché tanta premura da parte di 24option? Semplice. Perché un Broker guadagna proprio dal successo dei suoi utenti, mediante Spread. Quindi, se l’utente diventa esperto e vincente, anche il Broker ci guadagnerà.

Non a caso, questa piattaforma non fa venire meno anche il Conto demo. Per fare pratica con denaro virtuale quando si è ancora inesperti, così da non perdere i propri risparmi nel tentativo di comprendere come funzioni il trading e se esso fa per lui.

Per aprire un conto demo con 24option clicca qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY