Comprare Ethereum in Banca è possibile ?

E’ possibile comprare Ethereum in Banca? Quali sono le alternative per comprare Ethereum in Banca?

Ethereum è la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, dietro Bitcoin e avanti Ripple. E’ considerata la regina delle altcoin, cioè delle criptovalute alternative alla Bitcoin.

Ideata dal russo con cittadinanza canadese Vitalik Buterin a soli 19 anni nel 2013, Ethereum è stata lanciata ufficialmente nel 2015 tramite una ICO. Buterin, che a soli 17 anni aveva già creato un Magazine sul Bitcoin insieme ad un amico di origini albanesi, aveva pensato non solo ad una semplice criptovaluta, ma un vero e proprio ecosistema alternativo a quello tradizionale. In mano a Stati e a Banche.

La vera chicca dell’Ethereum sono gli smart contracts, i contratti intelligenti. Creabili, stipulabili e rispettabili solo tramite il sistema e tutto in digitale. Sebbene per qualcuno chiamarli tali sia un errore in quanto non sono proprio intelligenti. Dato che non sono modificabili in vista di imprevisti, eccezioni, nuovi fattori che possono influenzarlo in modo posteriore.

Ethereum in questi anni ha retto al contraccolpo di vari malfunzionamenti e attacchi Hacker. Ma anche Hard Fork – come la nascita di Ethereum Classic – e nuovi progetti come Neo o Zcash. Inoltre, negli ultimi anni sta subendo il fuoco incrociato di altri player dello spazio criptico. Il caso più eclatante è quello di Binance, considerato l’Exchange più importante nel Mondo. Che sta derubricando Ethereum tra i cambi previsti sulla piattaforma.

Una mossa che spiazza, visto che ad un Exchange conviene prevedere una criptovaluta altamente scambiata. Evidentemente vuole anche favorire l’ascesa della criptovaluta lanciata dalla piattaforma: Binance Coin.

Il Ceo di Binance da parte sua smentisce ogni astio, ma i fatti sono chiari. Forse incide pure il fatto che Vitalik Buterin sia tra i pochi a denunciare il forte potere dei grandi Exchange. Che stanno facendo venire a mancare uno dei presupposti delle criptovalute: la decentralizzazione.

Ma tralasciando le beghe che sta vivendo Ethereum, vediamo se è possibile comprarla tramite Banche, se conviene e quali sono le alternative. Prima di iniziare vi preannuncio che vedremo anche un confronto con le migliori piattaforme per investire su questa criptovaluta. Ad esempio due di queste, per citare le migliori, 24option (clicca qui per il sito ufficiale) e Plus500 (clicca qui per il sito ufficiale) offrono strumenti molto semplici per investire in Ethereum ma andiamo con ordine.

Comprare Ethereum in Banca è possibile

E’ possibile comprare Ethereum in Banca? La risposta a questa domanda purtroppo è no. La ragione è evidente: le criptovalute sono nate proprio per combattere il sistema bancario convenzionale. Ecco perché sono definite decentralizzate e in mano agli utenti dediti al mining dietro ricompensa.

Certo, in alcuni casi questo presupposto è venuto a mancare per le stesse criptovalute, visto che alla fine risulta molto difficile minare criptovalute. Comporta un forte dispendio di tempo e di energia elettrica. Infatti, stanno nascendo dei grandi gruppi dediti a questa attività, che portano le loro sedi nei paesi dove la corrente elettrica costa poco. Specie nei paesi dell’est Europa o nelle zone marginali della Cina.

Comunque, tornando alla domanda di partenza, dicevamo che non è possibile farlo. Le Banche non vedono di buon occhio le criptovalute, in quanto sottraggono loro potere. Gli Stati stanno cercando di regolarne l’utilizzo e porle sotto il proprio controllo.

Probabilmente, la criptovaluta che sarà possibile acquistare in Banca sarà Ripple. Visto che essa già collabora con diverse Banche internazionali importanti, nonché Money transfer.

Del resto, Ripple viene già ritenuta una criptovaluta anomala. Sia proprio perché collabora con quei soggetti che dovrebbe combattere, sia perché è una criptovaluta centralizzata. Dato che viene emessa da laboratori siti a San Francisco.

Anche Ripple, nata nel 2013, proprio come Ethereum non è una semplice criptovaluta. Ma un vero e proprio sistema economico parallelo a quello tradizionale. Molto più veloce nelle transazioni ed economico.

Si pensi ad esempio al trasferimento di un importo tra due valute diverse, di cui una non rientra tra le più importanti. In genere, se lo si vuole fare tramite Banca o una piattaforma Money transfer, si dovrà per forza passare per il Dollaro. Il che potrebbe anche portare ulteriori aggravi di costi, oltre alle già pesanti commissioni, in quanto bisogna fare i conti con il valore del Dollaro in quel momento.

Comprare Ethereum in Banca conviene?

Conviene comprare Ethereum in Banca? In molti si pongono anche questa domanda. In effetti, potrebbe far evitare di subire truffe e, anche, per usufruire del fondo di garanzia dei depositi fino a 100.000 euro che copre le banche.

Del resto, le truffe sono sempre dietro l’angolo, messe in opera da parte di chi vuole approfittare proprio della novità delle criptovalute per fregare il prossimo. Promettendo facili guadagni senza alcuna esperienza e di rendere milionari. Ma ben presto ci si accorgerà che non solo non si è guadagnato nulla, ma non si riesce neppure a rientrare dei propri capitali anche dietro denuncia della società presso gli organi competenti. In quanto queste società avranno sicuramente sede presso i cosiddetti Paradisi fiscali, chiamati così poiché offrono copertura a chi porta lì i propri capitali.

Anche gli Exchange, in realtà sono un rischio, dato che sono sovente vittima di attacchi Hacker. Anche quelli più rinomati. Infatti, il consiglio che diamo spesso è quello di prendere dal wallet i soldi posseduti e di inserirli in un wallet offline, definito anche freddo. Così da proteggerli da eventuali attacchi Hacker. Pensiamo ai wallet cartacei, le S-Pen o i software per Pc utilizzabili anche senza essere connessi alla rete.

Comprare Ethereum in Banca alternative

Quali sono le alternative per comprare Etheruem? Rassegnatici del fatto che non è possibile comprare Ethereum in Banca, dobbiamo cercare delle alternative che siano sicure, legali e convenienti.

Possiamo farlo tramite Broker, e nei paragrafi seguenti vedremo quali sono a nostro avviso i 3 migliori. O tramite gli Exchange, posto il problema di cui sopra. Sebbene uno dei più importanti, ossia il succitato Binance, abbia dichiarato in maniera ufficiosa guerra proprio ad Ethereum.

Comprare Etheruem con 24Option

Come comprare Ethereum con 24Option? Nato come Broker per le opzioni, poi bandite 3 anni fa, questo Broker presenta le seguenti caratteristiche:

  • Licenza CySEC (considerata la più importante a livello europeo)
  • 250 asset su cui investire tramite CFD
  • Conto demo gratuito per fare pratica quando si è ancora neofiti
  • eBook scaricabili gratuitamente o consultabili in maniera interattiva sul portale (li trovi cliccando qui)
  • Webinar da seguire comodamente da casa, in italiano
  • Assistenza clienti via mail, telefono e chat. Anche in italiano
  • Varie Opzioni di deposito e prelievo
  • Compatibile con Windows e Mac
  • Metatrader 4 e propria del Broker (recensita positivamente dagli addetti ai lavori)
  • Deposito minimo: 2 euro
  • App per iOS e Android
  • Formazione di 3 livelli: base, intermedio e avanzato
  • Segnali di trading raffinati

Soffermiamoci su quest’ultimo punto. 24Option si fa molto apprezzare per i Segnali di trading, ritenuti molto accurati da buona parte degli addetti ai lavori (clicca qui per saperne di più). Essi sono emessi dalla società esperta in materia Trading Central, con la quale il Broker ha stretto una collaborazione. Il tutto, anche gratuitamente.

Per saperne di più su 24option clicca qui e visita il sito ufficiale.

Comprare Ethereum con eToro

Come comprare Ethereum tramite eToro? Veniamo al secondo Broker, secondo per modo di dire. Etoro viaggia verso gli 11 milioni di utenti, grazie alle sue continue accattivanti novità. L’ultima pensata per i trader europei riguarda la possibilità di fare trading mediante ETF ed azioni senza pagare commissioni.

Oltre ai servizi standard offerti dai Broker, eToro ne offre tre peculiari:

Il Social trading, una vera e propria Community dove è possibile scambiarsi opinioni e consigli tra utenti. Il tutto, ripulito da profili fake interessati solo a farvi iscrivere a qualche piattaforma solo perché loro sono affiliati.

Il Copy trading (che sulla piattaforma viene chiamato CopyTrader), che ti consente di copiare automaticamente i trader più importanti e vincenti, replicando quello che fanno nei loro account. In questo modo, sarà possibile già guadagnare pur essendo un novizio del trading. Gli stessi trader copiati – chiamati non a caso Popular investori – ci guadagnano poi a loro volta.

Infine, abbiamo il servizio chiamato CopyPortfolio. Il quale, come si evince dal nome stesso, rispetto al primo consente di copiare interi panieri, selezionati in automatico da algoritmi supervisionati da un team di esperti.

Abbiamo 2 tipi di Copyportfolio:

a) Top Trader Copyportfolios: il quale consente di copiare un insieme di trader con le prestazioni migliori

b) Market Copyportfolios: che riunisce CFD di più asset che hanno in comune una strategia di mercato

c)Partner CopyPortfolios che sono stati creati dai partner del Broker:

  • Tipranks, una società di software per analisi di borsa
  • WeSave, un robo-advisor francese
  • Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario

Il Copyportfolio ha il vantaggio di ridurre le perdite e massimizzare i profitti rispetto al normale trading.

Per saperne di più su questi servizi di eToro visitate il sito ufficiale facendo click qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Questo contenuto è da intendersi per fine educativo e non dovrebbe essere considerato come alcun consiglio di investimento.

Comprare Ethereum con Plus500

Come comprare Ethereum con Plus500? Questo Broker è nato nel 2008, e negli anni ha fatto registrare continui miglioramenti implementando il proprio servizio. Sia su Pc che su smartphone e tablet.

Dal 2009 ha iniziato a prevedere i CFD su azioni, mentre nel 2011, ha aumentato il suo portafoglio internazionale con oltre 1.000 titoli diversi dai mercati globali.

Nel 2013 è arrivata la quotazione in Borsa del gruppo. In quell’anno è diventato anche il primo Broker a prevedere il trading di Bitcoin mediante CFD. Nel 2015, Plus500 è diventato sponsor della squadra di calcio dell’Atletico de Madrid.

Ad oggi, oltre ad Ethereum, Plus500 consente il trading con i CFD di indici, criptovalute, materie prime, azioni, opzioni ed ETF. In totale, ci sono più di 2.000 Contratti per differenza (CFDs) disponibili tramite Plus500.

Per quanto concerne le criptovalute, Plus500 oltre ad Ethereum prevede Bitcoin, Bitcoin Cash, Litecoin, NEO, Ripple, IOTA, Monero ed EOS.

Plus500 prevede anche un Conto demo gratuito e la possibilità di effettuare depositi e prelievi tramite carte, bonifico, Skrill e PayPal. Ognuna con le proprie caratteristiche e tempi.

Plus500 si fa anche apprezzare per commissioni e Spread molto convenienti.

Ecco i passaggi da seguire se si vuole comprare Ethereum con Plus500:

  • Occorre depositare almeno il minimo iniziale di 100 euro e procedere con l’iscrizione.
  • Scelta della modalità reale o demo per aprire un nuovo conto online e investire sulle criptovalute
  • Dopo essersi loggati sul sito, scegliere i CFD criptovaluta desiderata tra le varie opzioni ad oggi presenti su Plus500. Nel nostro caso Ethereum.
  • Visualizza i grafici delle criptovalute e il Sentiment del trader sulle operazioni di acquisto e di vendita prevalenti e conferma la scelta di trading sui CFD cliccando sul pulsante vendi o acquista.
  • E’ possibile optare tra la modalità virtuale o reale per le tue prime operazioni online e con un deposito iniziale di soli 100 euro.

E’ consigliabile fare prima un po’ di pratica con il Conto demo, che ha un importo illimitato (o meglio, i 200 euro virtuali si ricaricano una volta esauriti) ed è gratuito.

Per saperne di più su Plus500 fate click qui e visitate il sito ufficiale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY