Chia Network (XCH) : cos’è e Come Funziona [Guida 2021]

Conviene investire su Chia Network? Scopriamolo in questa guida completa.

Se hai usato qualche volta BitTorrent, piattaforma di sharing di file, forse ti farà piacere sapere che Chia Network sia stata creata proprio dal suo inventore nel 2017. Vale a dire Bram Cohen.

Quest’ultimo voleva creare una blockchain basata sugli smart contract, al fine di implementare i sistemi finanziari e i pagamenti globali in modo rispettoso per l’ambiente.

Di recente, questa blockchain sta attirando anche l’interesse degli investitori, alla luce del valore che sta acquisendo.

Vediamo dunque cos’è e come funziona Chia Network e dove comprare.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio OBRinvest (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin.Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Chia Network : cos’è

Cos’è Chia Network? Si tratta di una rete blockchain che si caratterizza per la sua alta efficienza energetica. Punto dolente delle criptovalute, in testa Bitcoin. Particolarmente criticata per l’alto consumo di energia elettrica che richiede.

Il succitato Cohen, come anticipato, ha creato questa piattaforma proprio per superare i limiti delle criptovalute. Punta quindi a reinventare il processo di mining, chiamato da Cohen farming.

Tuttavia, la vera novità alla base di Chia network è il suo mining. Che avviene in modo molto diverso: condividendo lo spazio dei nostri hard-disk. Quindi, non come il mining tradizionale che sfrutta invece la potenza delle GPU e delle CPU di un computer. E di conseguenza, lo spreco di una grande mole di energia elettrica.

CHIA è la criptovaluta su cui puntare nel futuro?

Chia Network va dunque oltre l’idea per la quale è stato creato il Bitcoin. Generare sì una economia decentralizzata, ma che non produca grossi sprechi di energia elettrica. Il che ha anche reso molto costoso fare mining di criptovalute, sia per le pesanti bollette elettriche, sia per l’acquisto di strumenti informatici adeguati per farlo.

Chialisp è invece il nuovo linguaggio di programmazione delle transazioni intelligenti dell’azienda. Si caratterizza per la sua facilità di controllo e per la sua sicurezza.

Broker per investire in criptovalute

Nonostante ci siano moltissimi broker per fare trading di criptovalute i migliori rimangono quelli in questa tabella:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFD su Bitcoin e CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
Social trading
*75% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

sia come numero di utenti che per le commissioni basse.

Chia Network: il progetto

Il progetto di Chia Network non prevede come detto il mining mediante la tradizionale unità di elaborazione grafica (GPU). Ma la messa a disposizione dello spazio di archiviazione delle SSD.

Due sono gli elementi alla base del progetto Chia Network:

  1. algoritmo
  2. protocollo

Entrambi sono importanti per mantenere l’integrità e la sicurezza della distribuzione.

Non è prevista un’autorità centrale di gestione, e a fare le sue veci sono gli algoritmi di consenso. I quali garantiscono che le regole del protocollo vengano eseguite e che tutte le transazioni avvengano in modo corretto e sicuro.

Ciò significa che non c’è un controllo centralizzato, ma esso è dato dal rispetto delle regole stesse da parte degli utenti.

Un’altra differenza col Bitcoin è che quest’ultimo adopera il protocollo di lavoro (Proof of Work), mentre Chia la prova sullo spazio e sul tempo (Proof of Space and Time).

Cosa vuol dire ciò? Space perché il sistema sfrutta lo spazio della memoria inutilizzata su un qualsiasi dispositivo, quindi ne ottimizza l’utilizzo.

Time vuole invece dire che tale spazio viene riservato per un determinato lasso di tempo.

Chia è proprio progettato al fine di preserva una quantità minima di tempo tra un blocco e l’altro.

In effetti, con il mining tradizionale sfruttiamo la potenza degli hardware per risolvere complicati calcoli matematici, al fine di ottenere una “chiave” per estrarre le criptovalute.

Ciò finisce per richiedere un importante consumo di energia, che finisce per danneggiare le componenti del computer se non vengono raffreddate in modo adeguato.

Chia ricompensa i cosiddetti farmes (simile ai miners) con token in cambio della loro messa a disposizione dei dischi di archiviazione per le transazioni finanziarie.

L’hash non viene più calcolato, ma cercato ed inserito nella memoria che stiamo sfruttando.

Il progetto Chia si basa quindi su tre pilastri importanti:

  1. equità
  2. ecologia
  3. sfruttamento dello spazio vuoto esistente su disco rigido

Come funziona Chia Coin

La Proof of Space serve per dimostrare che abbiamo un po’ di memoria libera sul disco rigido. Gli utenti della blockchain Chia, infatti, “seminano” lo spazio inutilizzato sul loro hard-disk installando un software.

Quest’ultimo memorizza una collezione di numeri crittografici sul disco in “trame” (plots).

Quando la blockchain lancia un nuovo blocco da soddisfare, gli agricoltori (cioè gli utenti) possono scansionare le loro trame (plots) per vedere se hanno l’hash giusto.

E’ come se si installasse un biglietto della lotteria virtuale su un proprio dispositivo. Quando si svolge l’estrazione, non ci resta che vedere se abbiamo il numero vincente.

Non dobbiamo quindi andare incontro a nessun calcolo, spreco di potenza o di energia. Tutto viene massimizzato per non danneggiare l’ambiente.

Il farming si basa sullo spazio vuoto presente su un disco rigido non utilizzato. Quindi, non dovrai tenerlo sempre a disposizione per il mining, quindi impedito per altri utilizzi. Bensì, quando il farming sarà raggiunto, potrai riutilizzarlo per i tuoi scopi personali.

Per “coltivare” Chia, devi prima creare una o più plot (le trame) vale a dire dei file che occupano spazio sul tuo disco rigido. Uno spazio che una plot usa è rappresentato dalla lettera k.

Più grande è il valore di k, più grande è quindi la trama e quindi ci si impiega più tempo per generarla. Non c’è però differenza tra un k e un altro, tranne la dimensione del file.

Le trame possono essere trasferite da un dispositivo all’altro senza restrizioni. Non manca chi realizza macchine di plottaggio utili allo scopo, per poi spostare le trame su una macchina meno potente al fine di eseguire la raccolta.

Quando hai una o più trame, puoi anche raccoglierle.

E’ un po’ come una partita al Bingo. Le trame puoi vederle come le cartelle, mentre il processo di raccolta consiste nell’aspettare che il numero sia estratto.

Si tratta di una operazione semplice ed immediata, che richiede una quantità ridotta di elettricità. Per fare farming puoi utilizzare un Raspberry.

Proprio come nel Bingo non è detto che i numero che hai sulla cartella escano, così non è detto che troverai il valore richiesto in una plot.

Ma se ciò si verifica parleremo di “proof of space”, giacché prova che una quantità di spazio sia stata assegnata a quella specifica trama.

Essa serve per creare un blocco “incompiuto” che viene propagato sulla rete Chia. Il blocco rimarrà incompiuto finché non otterrà una “proof of time” che è un modo di provare che una quantità di tempo è stata spesa per eseguire un certo lavoro.

La prova si verifica usando avviene anche la VDF (acronimo di funzione di ritardo verificabile). I VDF vengono eseguiti in modo sequenziale. Ciò significa che usa una piccola quantità di elettricità rispetto ad altri approcci.

Importanti in questa fase sono i “Timelords” (letteralmente Signori del tempo).

Essi sono notificati quando i blocchi non finiti sono inviati alla rete e sono in grado di iniziare a lavorare su una “prova del tempo”.

Quando viene segnalata la presenza di blocchi non finiti, essi possono decidere su quale lavorare in base al numero di “iterazioni” VDF richieste: più iterazioni sono necessarie, ovviamente più tempo sarà richiesto.

Un timelord riceve la notifica di un nuovo blocco incompiuto dopo che ha già iniziato la prova di tempo per un altro.

Quando ciò si verifica, dovrà guardare quante iterazioni ha già eseguito per decidere se continuare con il blocco incompiuto corrente o lasciarlo. E quindi iniziare a lavorare su quello nuovo. Dato che sarebbe più veloce.

Nei fatti, la Proof of Time crea un anello di fiducia nel un gruppo di partecipanti è coordinato da un controllore. Il quale ha il compito di prendere il lavoro delle persone appartenenti all’anello fiduciario e verificarne la correzione.

Quando un timelord termina la Proof of Time, viene propagata alla rete e il blocco viene validato. Il farmers riceverà la ricompensa col token Chia.

Minare Chia coin con gli SSD

Per minare Chia abbiamo detto che occorre mettere a disposizione spazio sulla SSD e ovviamente attrezzarsi con una scheda grafica importante.

Il guadagno mensile mensile medio viene stimato intorno agli $ 142.34 / mese. E’ consigliabile comunque potenziare solo gli hdd esterni per non incasinare il Pc e per aumentare il guadagno di conseguenza.

In effetti, gli HDD esterni sono più economici rispetto a quelli interni. La spesa dovrebbe essere tra gli 850 e i 1000 euro.

Il mining di criptovalute sempre più diffuso, sta aumentando i prezzi sia di schede grafiche che delle memorie. Proprio per l’aumento delle richieste.

Inoltre, c’è da tenere presente il fattore usura. Secondo una stima di Fast Technology, la vita utile di una SSD standard da 512GB non va oltre i 40 giorni di mining continuo.

Un SSD da 1TB dura circa 80 giorni, mentre un SSD da 2TB dura pressoché il doppio, quindi 160 giorni.

Per comprendere l’impatto del mining Chia su questi hardware, basta solo dire che a fronte di un utilizzo normale, essi durano mediamente circa 10 anni.

Inoltre, c’è anche il fattore perdita della garanzia da tener presente. Se un SSD supera il proprio volume di elaborazione per cui è stato progettato, la sua garanzia decade. Gli SSD hanno garanzie che vanno tra i 3 e i 5 anni.

A quanto pare, però, per adeguarsi al nuovo mercato, i produttori di SSD hanno iniziato a ridefinire i termini dei propri accordi di garanzia.

Chia Network: il token XCH

Il token XCH è la ricompensa che viene data agli utenti quando risolvono un nuovo blocco.

Tuttavia, può essere anche utilizzato per la compravendita di criptovalute sugli Exchange.

Puoi per esempio utilizzare Binance Exchange, per evitare di dover comprare altre criptovalute per poter poi arrivare a Chia. Infatti, Binance è tra i pochi che accetta anche valute Fiat.

Binance è un popolare scambio di criptovalute che è stato avviato in Cina, ma poi ha trasferito la propria sede nell’isola di Malta, nell’UE, favorevole alle criptovalute.

Una volta terminato il processo KYC. Ti verrà chiesto di aggiungere un metodo di pagamento.

Qui puoi scegliere di fornire una carta di credito/debito o utilizzare un bonifico bancario e acquistare una delle principali criptovalute, solitamente Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH), Tether (USDT), Binance (BNB).

In alternativa, puoi propendere per il trading CFD. Di seguito vediamo come funziona e i migliori broker.

Come comprare Chia Network con i CFD

Il trading CFD è una modalità di investimento tramite i Contract for difference. Contratti chiamati per differenza, poiché il guadagno o la perdita dipende dalla differenza di prezzo tra quando abbiamo acquistato l’asset e quando è il contratto è giunto a scadenza.

I CFD sono contratti standardizzati e derivati, proprio perché replicano il valore di un sottostante. Nel nostro caso, la criptovaluta CHIA.

La possederai indirettamente e potrai così investire sia al rialzo che al ribasso, speculando sia quando il prezzo sale sia quando scende.

Ecco i migliori broker per il trading CFD su CHIA:

eToro

eToro ti permette di fare trading CFD in modo sicuro, dato che ha 3 licenze per operare.

E’ anche un broker conveniente, visto che ha commissioni e spread bassi. Inoltre, interessanti sono i tanti servizi che offre.

Su tutti, la possibilità di copiare il trading dei trader migliori col servizio Copy Trading (clicca qui per saperne di più).

67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Capital.com

Il broker Capital.com vanta invece doppia licenza, quindi anche qui siamo sicuri che non sia una truffa.

Su Capital.com troverai piattaforme integrate con l’intelligenza artificiale, oltre a grafici con oltre 70 tra indicatori ed oscillatori.

Se vuoi formarti prima di investire, troverai diverse faq sul trading Bitcoin e le criptovalute, oltre ad una app pensata per la formazione pratica: Investmate. Per saperne di più su Capital.com clicca qui.

67.7% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

OBRInvest

OBRinvest è un Broker online con sede a Limassol, capitale di Cipro, e ha regolare licenza CySEC.

Le piattaforme disponibili su OBRinvest sono due:

  • web-based, per poter fare trading dal proprio browser senza dover scaricare nulla
  • MT4: piattaforma ancora diffusamente utilizzata dai trader per tutto quanto offre

Cinque le tipologie di conto disponibili, ciascuna con servizi in crescendo:

  1. Base
  2. Gold
  3. Platinum
  4. Vip

Conto demo molto generoso, con 100mila euro virtuali disponibili. Riguardo la formazione teorica, OBRinvest (clicca qui per saperne di più mette a disposizione Glossario, Analisi Tecnica e analisi fondamentale, Leva e Margine, Calendario economico.

Altri servizi sono:

  • Market Buzz
  • Opinioni degli Analisti
  • Featured Ideas
  • Insight Economico
  • Analisi Giornaliera di mercato
  • Web TV
78,15% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Chia Network: andamento in tempo reale

Ecco il grafico in tempo reale dell’andamento di Chia:

Opinioni su Chia Network

Chia Network è sicuramente una criptovaluta molto interessante, nonché molto particolare, per il mining che prevede.

In realtà può creare un po’ di diffidenza iniziale per il modo in cui si propone, tuttavia, se si è disponibili ad investire su hardware adeguati e ha mettere in conto bollette della corrente più alte, potrebbe convenire.

In alternativa, però, molti consigliano il trading CFD sui broker prima elencati. O, di affidarsi a Binance per l’acquisto diretto.

Comprare Chia Network: le domande frequenti

Come comprare Chia?

Puoi affidarti ad un Exchange di livello mondiale come Binance, molto comodo poiché prevede anche le valute FIAT.

Oppure fare il trading CFD su eToro e OBRinvest.

Conviene comprare Chia?

Occorre mettere in conto che, come tutte le criptovalute, è oggetto di volatilità. Quindi occorre stare attenti a quando si compra e quando è il momento di vendere. Il trading CFD mitiga il rischio della volatilità.

Come minare Chia?

Devi acquistare una memoria SSD o HHD adeguate, poiché dovrai condividere spazio. Inoltre, anche una scheda grafica importante. Tieni anche conto che il consumo di corrente sarà maggiore, sebbene non ai livelli delle criptovalute più tradizionali.

Comprare Chia Coin

Conclusioni

Chia Network? Si tratta di una rete blockchain che si caratterizza per la sua alta efficienza energetica. Dato che basta mettere a disposizione spazio di archiviazione libero.

Chialisp è invece il nuovo linguaggio di programmazione delle transazioni intelligenti dell’azienda. Si caratterizza per la sua facilità di controllo e per la sua sicurezza.

Puoi comprare Chia criptovaluta tramite broker CFD. Se siete agli inizi puntate su marchi noti come eToro che permettono anche di copiare le operazioni dagli investitori più capaci in modo da semplificare l’intero processo di trading e sbagliare di meno.