Comprare azioni Yoox (e vendere) : come fare e se conviene [2020]

Conviene comprare azioni Yoox? In questo articolo, vedremo tutti gli aspetti concernenti questo marchio. Dedito alla vendita online di beni di moda, lusso e design. Essendo anche quotato in Borsa.

Del resto, prima di investire su di un asset tramite il trading online, occorre conoscerlo a 360 gradi. Quindi, capire la sua storia alle spalle, come si comporta generalmente il titolo in Borsa, lo stato dell’arte del settore del quale fa parte e quello delle aziende concorrenti.

Molti, invece, credono che investire col trading online sia una sorta di gioco. Una scommessa virtuale che non richiede particolari sforzi. Una credenza alimentata da tanti siti truffa che promettono facili guadagni senza alcuno sforzo.

Se non ricaricare un conto con poche centinaia di euro. E richiedere successivamente altro denaro, con la scusa che per ottenere i soldi sul conto occorre sbloccarlo con altri depositi. Se non addirittura, in alcuni casi, arrivare pure a contattare l’utente con finti avvocati che offrono la propria assistenza.

In realtà, quello delle piattaforme truffa e degli utenti che si lasciano abbindolare, è un circolo vizioso. E capire se sono nate prima le prime o i secondi, è un po’ come chiedere se sia nato prima l’uovo o la gallina.

Di persone che vogliono fare soldi facili, senza sforzi, esistono da tempo. Come insegnano le truffe plurisecolari.

Ma è anche vero che questa illusione è stata alimentata col web, poiché è molto più facile illudere le persone tramite una mail, un sito sfavillante e un banner accattivante. La nascita delle criptovalute, e l’ignoranza che ancora ci gira intorno, ha fatto il resto.

E proprio in virtù di ciò, oltre a fornire una guida completa sulle azioni Yoox, alla fine dedicheremo anche qualche paragrafo su dove conviene investire sulle azioni Yoox.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Yoox di cosa si occupa

Innanzitutto, cerchiamo di capire di cosa si occupa l’azienda Yoox, della quale vorremmo comprare e vendere azioni.

Il nome completo della società è Yoox Net-A-Porter Group S.p.A. (anche nota con l’acronimo YNAP S.p.A.). Azienda italiana e-commerce di beni di moda, lusso e design.

Il nome attuale è stato registrato il 5 ottobre 2015, quando è avvenuta la fusione tra due marchi: YOOX GROUP e THE NET-A-PORTER GROUP. Considerati praticamente 2 colossi della vendita online di prodotti di lusso.

La quotazione di Yoox è avvenuta alla Borsa di Milano il 20 giugno 2018.

Yoox storia

Qual è la storia di Yoox? L’azienda è stata fondata nel 2000 da Federico Marchetti, con l’appoggio iniziale di Benchmark Capital, a cui si sono poi aggiunti altri fondi.

Marchetti deteneva il 9,8% della proprietà, mentre oltre il 70% era detenuto da vari fondi di private equity.

L’IPO di YOOX su Borsa Italiana è arrivato il 3 dicembre 2009, per poi uscirne dato l’ingresso 4 anni dopo su FTSE MIB. Da questa movimentazione conseguì un ricavato netto pari a 95 milioni di euro, alla luce di una quotazione di € 4,3 per azione.

In realtà, i fondi che avevano elargito capitali nel progetto, si sono sempre più disimpegnati. E così, nel 2015, Yoox si è fusa con il marchio inglese Net-A-Porter, con sede a Londra, controllata da Richemont.

YNAP contava su un azionariato diffuso, con un flottante del 75,03%. Mentre la partecipazione da parte di investitori istituzionali non raggiungeva un quinto del capitale.

Il suo fondatore ed ancora attuale Ceo, Federico Marchetti, deteneva invece il 5,67% del capitale.

Sempre nel 2015 arriva per YNAP una importante partnership con Mohammed Alabbar, proprietario del Dubai Mall. Ciò consente al marchio di assumere la leadership come venditore online di abbigliamenti di lusso nei paesi mediorientali.

Il 22 gennaio 2018, però il colosso svizzero Compagnie financière Richemont, ha deciso di lanciare un’OPA sul 100% delle azioni ordinarie di YNAP. Quindi, praticamente su quel 75,03% non ancora possedute.

L’OPA era così costituita: valutazione di 38 euro per azione in contanti su 68.463.120 azioni (pari al 75,03%). Oltre a 2.328.454 azioni da emettere come stock option per i manager.

Richemont ha così pagato complessivi 2,69 miliardi di euro, attribuendo alla società un valore di 5,3 miliardi di euro.

Il 20 giugno è così avvenuto il delisting del titolo. Tuttavia, occorre anche dire che, avendo un flottante inferiore al 10 percento, era già stato depennato dall’Indice FTSE MIB un mese circa prima.

Piattaforme per investire sul titolo Yoox

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Conviene comprare azioni Yoox?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo sempre svolgere una doppia analisi, come per tutti gli asset quotati in Borsa: una tecnica e una fondamentale.

Con la prima, andiamo ad analizzare l’andamento del titolo in Borsa.

Da quando sono quotate, le azioni Yoox hanno fatto registrare una lenta ma costante crescita. Passando dai 4,93 euro di dicembre 2009 ai 34,7 euro di gennaio 2014.

Poi è arrivato un trend opposto, che ha portato il titolo a scendere fino a 14,06 euro a metà ottobre dello stesso anno. Poi un nuovo slancio, culminato con un prezzo pari a 37 euro fino a giugno 2018. Quando il titolo è stato rimosso dalla quotazione, come detto in precedenza.

Per quanto riguarda l’analisi fondamentale, invece, le azioni Yoox appaiono molto invitanti alla luce dei numeri e della varietà del marchio.

Il marchio vende mediante tre store online:

Yoox.com il sito storico nato insieme al marchio nel 2000, inizialmente prevedendo solo da capi di moda. Ai quali si sono aggiunti negli anni prodotti di arte e design sempre afferenti al lusso

MRPORTER e shoescribe.com: nati nel 2012, specializzato in calzature femminili

Yoox prevede poi una trentina di marchi dal 2006. Tra i quali troviamo:

  • Emporio Armani (2007)
  • Valentino (2008)
  • Dsquared² (2009)
  • Roberto Cavalli (2009)
  • Armani (2011)
  • Armani Exchange (2015)
  • Chloé (2017)
  • Lanvin (2016)
  • Ferrari (2018)
  • Moncler (2011)
  • Pomellato (2012)
  • Missoni (2013)
  • Saint Laurent (2013)

Tanto per citarne alcuni. Il magazzino principale si trova nell’Interporto di Bologna. Prevede però anche magazzini all’estero, soprattutto in Asia. Per la precisione a New Jersey, Shanghai, Hong Kong e a Tokyo.

Yoox è sbarcato online molto prima di tanti altri marchi, come detto dal 2000. Superando indenne la bolla dei dot-com e capendo in anticipo quale fosse il futuro del commercio. Mentre altri ci sono arrivati solo da qualche anno. Complici le crisi e la Pandemia da Covid-19.

Dunque, parliamo di un marchio solido, certo dal pubblico di nicchia, trattandosi di lusso, ma comunque importante. Anche perché è sbarcato nei Paesi mediorientali che non disdegnano di investire in Petroldollari.

Tuttavia, abbiamo detto che attualmente non si trova collocato in Borsa. Quindi non è possibile investire sulle sue azioni.

Ciò però non toglie che sia opportuno prepararsi ad un suo nuovo lancio futuro, se avverrà.

Investire sul titolo Yoox con ForexTB

Qualora Yoox deciderà di rilanciarsi in Borsa, potreste prendere in considerazione il Broker ForexTB (per maggiori informazioni clicca qui).

Si tratta di una piattaforma di trading online con regolare licenza CySEC, con una scelta tra 4 account, con deposito minimo di 250 euro.

Il Broker fornisce anche una ampia scelta formativa, composta da eBook da scaricare, Webinar, un Glossario e un Conto demo di 100mila euro.

Il Broker ForexTB offre anche i prestigiosi segnali di trading elaborati da Trading Central. I quali suggeriscono quando e come investire sulle azioni Yoox.

Per saperne di più sui segnali di ForexTB visita questa pagina.

Investire sul titolo Yoox con eToro

Il Broker eToro (per maggiori informazioni clicca qui) ha un solo account, con deposito minimo di 200 euro. Prevede ben 3 licenze: CySEC, FCA e ASIC.

Il Broker eToro permette di copiare cosa fanno i trader più vincenti, tramite il servizio Copy Trader. Ma anche altri servizi come il Social trading e i CopyPortfolios.

Etoro offre una interessante offerta formativa il cui nome è tutto un programma: eToro Accademy.

Per aprire un conto demo su eToro visita questa pagina.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Investire sul titolo Yoox con Plus500

Il Broker Plus500 (per maggiori informazioni clicca qui) vi suonerà familiare se seguite il calcio, dato che è sponsor dell’Atalanta. Nonché di una squadra prestigiosa a livello internazionale, quale l’Atletico Madrid.

Plus500 offre la possibilità di investire su oltre 2500 asset, oltre alle azioni Yoox.

Per chi vuole assistenza, c’è una comoda Live chat in Realt time.

Interessante anche la formazione e il Conto demo. Plus500 è diffuso in oltre 150 Paesi, non a caso il sito è traducibile in 32 lingue.

Plus500 prevede un solo account, con 100 euro di deposito minimo.

Plus500 è anche quotata a Londra, sulla prestigiosa London Stock Exchange. Quindi vanta anche licenza FCA. Oltre che CySEC.

Per aprire un conto demo su Plus500 visita questa pagina.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.