Comprare (e vendere) azioni Vertex Pharmaceuticals

Come comprare azioni Vertex Pharmaceuticals? Conviene comprare azioni Vertex Pharmaceuticals? Dove comprare azioni Vertex Pharmaceuticals?

Le multinazionali farmaceutiche oltre a produrre i farmaci su grande scala, e ad essere impegnate nella ricerca di nuove cure, sono anche una ottima occasione di investimento.

Vertex Pharmaceuticals, Inc. è una di queste. Con sede a South Boston, nel Massachusetts,si distingue giacché si occupa di progettare i farmaci anziché della tradizionale chimica combinatoria.

Vanta anche 3 strutture di ricerca: una sempre negli Usa, a San Diego (California), Cambridge (sempre nel Massachusetts) e una a Milton Park (vicino a Oxford, in Inghilterra).

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Azioni Vertex Pharmaceuticals storia

La società nasce nel 1989, da una idea di Joshua Boger e Kevin J. Kinsella.

L’azienda si è impegnata fin da subito nella biomedicina, tanto che entro il 2004, si occupava di infezioni virali, malattie infiammatorie e autoimmuni, e cancro.

Nel 2009, contava circa 1.800 dipendenti, di cui due terzi nella sola zona di Boston. Dieci anni dopo, il numero è arrivato a 2.500 dipendenti.

Due anni dopo, Vertex si è classificata tra le prime 15 società secondo la classifica per performance dell’agenzia di raiting Standard & Poor’s 500. Proprio in quel periodo, la multinazionale ha visto aumentare le proprie azioni di un +250%.

Nel gennaio 2014, la società si è trasferita definitivamente da Cambridge a Boston, In un nuovo complesso con un valore di $ 800 milioni. Ciò ha permesso ai 1.200 dipendenti di ritrovarsi in un unico stabile.

Nel gennaio 2019, alcuni rappresentanti dei vertici sono stati rimossi dal loro ruolo per aver violato le regole stabilite dal codice di condotta aziendale.

Nel giugno dello stesso anno, Vertex ha rilevato Exonics Therapeutics per un massimo di $ 1 miliardo, collaborando poi con CRISPR Therapeutics. Questo passaggio gli ha consentito di potersi occupare di due tipi di distrofia muscolare: quella di Duchenne e quella miotonica di tipo 1.

Nel settembre 2019 la società ha rilevato Semma Therapeutics per $ 950 milioni (pure in contanti).Quest’ultima società è famosa per aver ideato un piccolo dispositivo impiantabile contenente milioni di cellule beta sostitutive. Capace di lasciar passare glucosio e insulina, escludendo al contempo le cellule immunitarie.

Il 1 ° aprile 2020, l’ex Chief Medical Officer, Reshma Kewalramani, è diventato Presidente e Amministratore Delegato di Vertex Pharmaceuticals.

Sostituisce Jeffrey Leiden, il quale invece è diventato presidente esecutivo del consiglio di amministrazione lo stesso giorno. Incarico che si prevede coprirà per tre anni.

Vertex Pharmaceuticals è stato lanciato sul Nasdaq con codice VRTX il 26 luglio 1992. Fa parte degli indici azionari NASDAQ 100 e S&P 100.

Vertex Pharmaceuticals e la lotta alla fibrosi cistica

Quali farmaci produce Vertex Pharmaceuticals?

Nel 2012 la multinazionale ha lanciato ivacaftor, farmaco contro i sintomi da fibrosi cistica, che colpisce meno di 200.000 persone negli Stati Uniti.

A fine anno, Vertex ha ottenuto l’approvazione della FDA del primo farmaco, Kalydeco, per il trattamento della causa sottostante della fibrosi cistica piuttosto che dei sintomi. Nelle persone dai 6 anni in su, complice la mutazione del gene G551D.

Vertex ha anche studiato ivacaftor in combinazione con un altro farmaco (lumacaftor) per la mutazione più comune nella fibrosi cistica (CF), nota come F508del. E ha pubblicato la prima serie di risultati nel 2012. Vertex ha prodotto il farmaco dopo 13 anni di ricerca e sviluppo, con $ 70 milioni a sostegno della Cystic Fibrosis Foundation.

Nel Regno Unito, la società ha fornito il farmaco gratuito per un periodo limitato per alcuni pazienti. Successivamente, gli ospedali decisero di continuare a pagare il farmaco per quei pazienti.

Il 5 novembre 2014 Vertex ha annunciato la presentazione di una nuova domanda alla FDA per una combinazione completamente co-formulata di lumacaftor e ivacaftor per le persone con fibrosi cistica di età pari o superiore a 12 anni. Le quali hanno due copie della mutazione F508del nella cistica gene del regolatore di conduttanza transmembrana della fibrosi (CFTR).

Nel 2015, la FDA ha approvato la combinazione di lumacaftor e ivacaftor per il trattamento della FC in pazienti di età pari o superiore a 12 anni, che presentano la mutazione F508del. Il farmaco combinato è commercializzato con il nome commerciale Orkambi.

Il 28 marzo 2017, Vertex ha annunciato i dati di fase 3 di un trattamento a doppia combinazione, tezacaftor più ivacaftor, in pazienti con fibrosi cistica. Il 12 febbraio 2018, la FDA ha approvato la combinazione, commercializzata come Symdeko.

Nel 2016 Vertex ha iniziato a sviluppare un nuovo gruppo di modulatori CFTR in combinazione con tezacaftor e ivacaftor. Nel 2017, la società ha riportato risultati che hanno mostrato benefici per i pazienti con diverse mutazioni che rappresentano il 90% della popolazione CF.

Il 22 ottobre 2019, la FDA ha approvato la terapia a tripla combo di Vertex “TRIKAFTA (elexacaftor / tezacaftor / ivacaftor)” per i pazienti di età pari o superiore a 12 anni con almeno una mutazione F508del. Questa approvazione è arrivata solo 2 mesi dopo il deposito della NDA. Trikafta è approvato per circa il 90% dei pazienti con fibrosi cistica.

Ricordiamo che la fibrosi cistica è una patologia che colpisce le cellule specializzate nella produzione del muco. Il quale finisce nei polmoni e uò causare conseguenze anche mortali. E’ molto diffusa nella popolazione del Caucaso.

Azioni Vertex Pharmaceuticals: quotazione in tempo reale

Qual è la quotazione in tempo reale delle azioni Vertex Pharmaceuticals? Al momento della scrittura, il titolo quota 290,56 USD, con un calo di −4,55 (1,54%).

Guardando agli ultimi 5 anni, il titolo ha vissuto un momento di difficoltà nel corso del 2016, per poi iniziare un rialzo seppur caratterizzato da alcune flessioni nel triennio successivo. Sebbene l’accelerata consistente sia avvenuta dal settembre 2019.

Il 21 febbraio il titolo aveva raggiunto i 246 dollari, per poi scendere nel giro di un mese, in concomitanza col Lockdown a 206 dollari. Poi un incredibile rally al rialzo, toccato il prezzo record di 294 dollari il 10 luglio. Il titolo si sta mantenendo su quei livelli.

Conviene comprare azioni Vertex Pharmaceuticals?

Come detto, il titolo sta vivendo al momento della scrittura un ottimo momento. Che però già si registrava dal 2016.

Tuttavia, come visto, anche la storia è molto importante, benché sia recente. Essendo iniziata nel 1989 (alcune multinazionali farmaceutiche sono invece nate nella prima metà del 900, se non addirittura nell‘800).

Figura molto importante per il lancio iniziale dell’azienda è stato Joshua Boger, vincitore del Biotechnology_Heritage_Award. Essendo uno dei padri fondatori dei farmaci a progettazione razionale.

Nel 2019 ha visto salire il proprio numero di dipendenti da da 1800 a 2500. E ha rilevato due importanti realtà in campo medico: la Semma Therapeutics e la Exonics Therapeutics. Il che gli ha consentito di estendersi verso altri settori farmaceutici.

Il fatturato, sempre nel 2019, ha fatto registrare un +36,39% rispetto al 2018. La società si dimostra molto performante per quanto riguarda i debiti societari, dato che coprono appena il 26,8% dei ricavi lordi e l’8,25% di quelli a lungo termine.

Come visto in precedenza, le azioni di Vertex Pharmaceuticals sono aumentate del 231% nell’ultimo quinquennio. Con una impennata soprattutto nel corso della Pandemia Covid19, come del resto accaduto a molte altre multinazionali farmaceutiche.

Molto solido poi l’azionariato, con il 97,83% delle azioni possedute da oltre 1212 investitori istituzionali. I principali sono:

  • BlackRock Inc.: 8,61%
  • FMR, LLC: 8,74%
  • Vanguard Group: 7,95%
  • Price Associates Inc.: 8,34%

I nomi che spiccano sono in particolare due: quello di BlackRock Inc. e di Vanguard Group. Due fondi che generalmente ci vedono molto lungo, con gli asset su cui investono che poi diventano molto redditizi a lungo periodo.

Vertex Pharmaceuticals ha poi una posizione molto privilegiata nella cura alla fibrosi cistica. Una malattia rara, ma tra quelle maggiormente capaci di accorciare la vita della persona colpita. Molto diffusa nella popolazione caucasica, trova comunque nel mondo occidentale la maggiore diffusione (ad eccezione della Finlandia).

Riguardo i competitors, Vertex deve vedersela soprattutto (anzi, quasi esclusivamente) con la AbbVie, società di Chicago. Anche essa specializzata nella farmaceutica bio e molecolare.

Entrambe, comunque, puntano a fagocitare le realtà più piccole. La AbbVie è più recente, essendo nata nel 2013 come spin-off di Abbott Laboratories. E registra ritmi inferiori di crescita.

Dunque, da tutto ciò possiamo dire che le azioni Vertex Pharmaceuticals vivono un periodo roseo e di grande prospettiva futura. Quindi è un titolo che conviene tenere nel proprio portafoglio tra quelli solidi, magari meno volatili.

Nei prossimi paragrafi vediamo quali Broker conviene utilizzare per comprare azioni Vertex Pharmaceutical.

Investire sul titolo Vertex Pharmaceuticals con ForexTB

Il primo Broker che vi suggeriamo per investire in Vertex Pharmaceuticals è ForexTB.

Il Broker ha regolare licenza CySEC, è spread-only, offre la possibilità di scegliere fino a 4 account. Con un deposito minimo di 250 euro per quello basico.

ForexTB offre tra i vari servizi anche i segnali di trading di Trading Central. Colosso del settore.

Per aprire un conto gratuito su ForexTB clicca qui.

Investire sul titolo Vertex Pharmaceuticals con eToro

Il Broker eToro (clicca qui per saperne di più) pure è molto conveniente se si vuole investire in azioni Vertex Pharmaceuticals tramite i Contract for difference (CFD).

Etoro offre servizi come il Copy trading, per copiare i trader rinomati. Ma anche il Social trading per interagire con altri trader. Il CopyPortfolios, per investire su interi panieri di asset.

Il Broker eToro prevede un solo account, con deposito minimo di 200 euro. Riguardo le licenze, oltre alla succitata CySEC, prevede anche le licenze FCA e ASIC.

Per aprire un conto gratuito su eToro clicca qui.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Investire sul titolo Vertex Pharmaceuticals con Plus500

Il Broker Plus500 (clicca qui per saperne di più) offre, oltre alle azioni Vertex Pharmaceuticals, oltre 2mila asset su cui investire. E per questo si fa preferire da molti trader esperti.

Avendo però una piattaforma userfriendly, si lascia anche preferire dai trader neofiti.

Plus500 vanta licenze CySEC e FCA, nonché una partnership con l’Atletico Madrid.

Per aprire un conto demo gratuito su Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Investire sul titolo Vertex Pharmaceuticals con Trade.com

Il Broker Trade.com (clicca qui per il sito ufficiale) offre fino a 5 account tra i quali scegliere, con un deposito minimo di 100 euro. Tra i tanti servizi che offre, Trade.com prevede anche la possibilità di investire su 5 wallet contenenti titoli selezionati da esperti.

Trade.com pure offre i segnali di trading di Trading Central, e ha tra le sue licenze anche quella per operare in sudafrica.

Per aprire un conto gratuito su Trade.com clicca qui.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 79.20% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here