Azioni Uber: come comprare e se conviene

Come acquistare azioni Uber? Conviene acquistare azioni Uber? Le azioni Uber sono una truffa? Cos’è Uber? Come funziona Uber? Quali sono gli svantaggi di comprare azioni Uber?

In un modo o nell’altro, quasi sicuramente avrete sentito parlare di Uber. Soprattutto se siete di Milano, Roma o Napoli e siete incappati nello sciopero dei tassisti.

Infatti, Uber ha suscitato le loro ire in quanto è un sistema alternativo di trasporto, basato sul cosiddetto car sharing. Ossia, la condivisione dei viaggi in nome del risparmio energetico e del rispetto dell’ambiente. Ma anche del trasporto 2.0, quello che si gestisce facilmente con una app.

Uber è un servizio di taxi conveniente, economico e sicuro. Noleggia un autista privato per venirti a prendere. Lanciato a San Francisco, California, attualmente opera in 789 città distribuite in 84 paesi. Ma sono numeri destinati a crescere ancora in futuro. Attualmente è una società valutata intorno ai 120 miliardi di dollari.

I tassinari vedono Uber come una minaccia al proprio lavoro, una concorrenza anche sleale, visto che la licenza di tassinari costa un occhio della testa. Ma anche l’assicurare il proprio Taxi. Oltre al rischio di svolgere questo lavoro, sovente alla mercé di rapinatori.

Uber ha sicuramente rivoluzionato il modo di viaggiare in città ma è anche un ottimo modo per poter investire. Infatti, essendo Uber quotata in Borsa, è possibile comprare e vendere azioni di questa società.

In questo articolo vedremo quindi come comprare azioni Uber, se conviene e più specificamente cos’è Uber.

Uber cos’è

Cos’è Uber? Per poter investire su un asset, è d’uopo prima conoscerlo bene.

Uber è un’app per smartphone che collega i passeggeri con i conducenti. Essendo uno dei primi servizi “on-demand” ad operare su una piattaforma per smartphone, Uber si è consolidata come leader nel mercato del mercato di corse (con Lyft saldamente al secondo posto).

Per i passeggeri, è un modo per ottenere corse affidabili con un autista privato. Per i conducenti, Uber offre l’opportunità di guadagnare di più.

Fin dalla sua nascita in California nel 2009, Uber è cresciuto fino a oltre 41,8 milioni di utenti Uber negli Stati Uniti e 75 milioni in tutto il mondo (aggiornato a dicembre 2018), distribuiti in 789 città in oltre 84 paesi.

Uber non è una tipica compagnia di trasporti; non possiedono i propri veicoli e non gestiscono le flotte. Uber lavora affidandosi ai conducenti (appaltatori indipendenti) con i propri veicoli. Uber fornisce solo la tecnologia per connettere un cliente con un driver.

Secondo il loro sito web, “Uber è una piattaforma tecnologica. Le nostre app per smartphone connettono i passeggeri e i piloti.”

Quali sono le origini di Uber? La storia di Uber è iniziata a Parigi nel 2008. Due amici, Travis Kalanick e Garrett Camp, erano entrambi presenti al LeWeb, una conferenza tecnica annuale che l’Economist descrive come luogo “dove i rivoluzionari si riuniscono per tracciare il futuro.”

Nel 2007, entrambi avevano venduto le loro rispettive startup per somme ingenti. Kalanick ha venduto Red Swoosh ad Akamai Technologies per $ 19 milioni, mentre Camp ha venduto StumbleUpon a eBay (EBAY) per $ 75 milioni.

Si narra che il concetto di Uber sia nato una notte d’inverno, dopo la conferenza parigina. Quando la coppia di amici non era in grado di trovare un taxi disponibile. Inizialmente, l’idea era di un servizio di limousine in multiproprietà che potesse essere ordinato tramite un’app.

Dopo la conferenza, gli imprenditori andarono per la propria strada, ma quando Camp tornò a San Francisco, continuò a fissarsi sull’idea e ha acquistato il nome UberCab.com da utilizzare come dominio del loro progetto.

Uber come funziona

Come funziona Uber? Occorre distinguere passeggero da conducente. Prima di poter utilizzare i servizi di Uber per chiamare il tuo autista privato, devi scaricare e installare l’app sul tuo smartphone. L’app del pilota Uber è disponibile per i seguenti sistemi operativi:

  • Android
  • iPhone
  • Microsoft

Per creare un account Uber è consigliabile utilizzare un codice promozionale per ottenere crediti gratuiti per la tua prima corsa.

Imposta il tuo metodo di pagamento preferito.

a) Passeggero

Se utilizzi Uber come passeggero, devi prima registrarti per creare un account. Procedi per scaricare e installare l’app sul tuo telefono iPhone, Android o Windows. Puoi facilmente vedere quanto costerà qualsiasi giro senza l’app utilizzando la stima di Uber.

Quando hai creato il tuo account e hai installato l’app, avviala! Verrà visualizzato un prompt di accesso in cui è possibile accedere con le credenziali appena fornite durante la procedura di registrazione.

Una volta effettuato l’accesso, il passaggio successivo sarà quello di impostare il metodo di pagamento preferito come una carta di credito valida o collegando il tuo conto PayPal. Nota: questo consente un sistema senza contanti. Ti verrà addebitato solo quando guidi.

Ora sei pronto. Ogni volta che hai bisogno di un passaggio:

  • apri semplicemente l’app Uber sul tuo telefono
  • assicurati che la posizione di ritiro sia quella in cui ti trovi ora
  • seleziona il servizio auto desiderato (in basso)
  • tocca “Imposta posizione di ritiro”
  • quindi conferma toccando “Tocca su richiesta”

I principali servizi automobilistici che potresti vedere sono uberX, uberXL, UberBLACK e UberSUV.

L’app invierà la tua richiesta a tutti i partner Uber nelle vicinanze. Una volta abbinata, l’app ti fornirà informazioni sul veicolo (marca di auto Uber, modello, numero di targa) e sul conducente (nome, foto) assegnato al tuo viaggio.

Sarai anche in grado di vedere quanto lontano è il conducente dalla tua posizione di ritiro.

Ricapitolando:

  • Inserisci la tua posizione di ritiro
  • Inserisci la tua destinazione
  • Scegli il tipo di servizio (l’app mostrerà una stima della tariffa prima di prenotare):
  1. Economy – UberX, UberXL, UberSELECT
  2. Premium – UberBlack, UberSUV, UberLUX
  3. Accessibility: accessibile alle sedie a rotelle e dispone di posti auto disponibili
  4. Carpool – UberPOOL
  • Tocca “Conferma” per completare la richiesta.

b) Conducente:

Guidare per Uber ti consente di essere il capo di te stesso, impostare le tue ore di lavoro e guadagnare un salario nominale, tutto nel comfort del tuo veicolo.

Molti lo fanno anche perché amano il contatto con le persone, fare nuove conoscenze.

Devi avere almeno 18 anni per diventare un autista. È inoltre necessario possedere / avere accesso a un veicolo a 4 porte in buone condizioni. I requisiti effettivi di modello e anno variano in base al servizio dell’automobile e ai requisiti specifici della città. Ma è sicuro che la tua auto non può essere più vecchia del 2006 (in qualsiasi città). Ad esempio Uber BLACK richiede una berlina nera di fascia più alta con interni in pelle.

Se soddisfi tutti i criteri finora e hai un’assicurazione auto valida, la patente di guida (per almeno un anno) e nessun precedente penale importante, sei pronto a presentare la domanda per diventare un autista.

Riceverai un’e-mail di benvenuto dettagliata previa approvazione che ti dice i passaggi finali per iniziare a svolgere il tuo lavoro di autista Uber.

Tutte le transazioni sono gestite direttamente attraverso l’app, il che significa nessuna mano di scambio di denaro.

Uber è una truffa?

Il servizio di Uber è una truffa? Molte persone vogliono sapere quanto Uber sia veramente sicuro e, giustamente, la tua sicurezza è infinitamente importante. La verità è che si tratta in tutto e per tutto di un servizio di “taxi”, quindi Uber è estremamente sicuro.

I passeggeri valutano il loro autista e l’esperienza complessiva dopo ogni giro, e i piloti fanno affidamento su buoni punteggi complessivi.

Allo stesso modo, i conducenti arrivano a valutare il passeggero dopo ogni corsa. Quindi altri guidatori possono farsi un’idea se un pilota è problematico o bellicoso. Di recente Uber ha dato alla esperienza utente complessiva del suo conducente e passeggero, nonché ai protocolli di sicurezza personale, una revisione completa.

La sicurezza degli utenti è sempre stata importante in Uber. Ma non è mai stata una priorità più grande come è oggi.

Ecco alcuni altri modi in cui Uber tiene al sicuro sia passeggeri che conducenti:

a) Pickup sicuri

L’app Uber funziona con il GPS. L’app troverà automaticamente la tua strada, anche se il conducente non conosce dove si trova l’indirizzo che hai dato.

b) Nessuna discriminazione

L’app per driver Uber mostra i dettagli minimi del pilota, quindi i conducenti non possono rifiutare una corsa in base al genere o alla destinazione.

c) Profili dei conducenti

Ogni pilota ha un profilo con dettagli su di loro e il loro veicolo. Le informazioni includono il nome, il numero di targa, il numero di telefono, la valutazione, in modo da poter garantire che il veicolo sia corretto prima di salire. Queste informazioni sono utili anche se hai dimenticato qualcosa dietro al veicolo e devi contattare di nuovo il conducente.

d) Condividi il tuo ETA

Una volta iniziata la corsa, puoi condividere le tue aspettative. Sarai in grado di seguire il tuo viaggio in tempo reale. In UberPOOL, saprai sempre chi sei.

e) Sistema di classificazione dei conducenti

Uber rende i conducenti responsabili del proprio sistema di classificazione a stelle. Se un guidatore si presenta come non sicuro, maleducato o visualizza, può dare un feedback anonimo sulla tua scarsa esperienza Uber. I dipendenti di Uber lo esamineranno e quel guidatore non sarà abbinato a te per le corse future.

Rileva che se si verifica un incidente grave che coinvolge conducenti (molestie sessuali, attività criminali, ecc.) È possibile chiamare un numero di telefono speciale per ottenere l’assistenza prioritaria (una volta che si è contattato le forze dell’ordine locali).

f) Supporto 24/7

I piloti possono stare tranquilli sapendo che c’è un’intera squadra in piedi dietro di loro 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ci sono molti modi per contattarci, tra cui domande generali, problemi di sicurezza o anche oggetti persi.

Driver Uber, ci sono milioni di driver Uber in tutto il mondo che lavorano 24/7. È probabile che, anche con le migliori misure di sicurezza in atto, almeno uno di loro alla fine farà qualcosa di interessante. Ma per la maggior parte, Uber è al sicuro.

Azioni Uber come comprare

Come comprare azioni Uber? Allo stato attuale, Uber non è ancora quotata in Borsa. Tuttavia, stando alle ultime indiscrezioni, le azioni di questa rivoluzionaria startup di maggior valore al mondo, si potranno sicuramente comprare nel 2019.

Erano mesi che si vociferava su una possibile IPO di Uber, ora sembra che la cosa stia diventando più probabile, in quanto l’azienda sta facendo tutti i passi necessari per entrare nelle grazie di alcuni grandi investitori.

Per ora le notizie sono frammentarie ed anche difficili da interpretare.

Trattandosi di una IPO, Uber venderà azioni a tutti. Tuttavia, i rumors dicono che ne terrà una parte per investitori con cui ha già preso e sta prendendo contatti.

IPO Uber

Da alcuni anni si sono rincorsi vari rumors. Se ne parla dal 2016 ma è stata rimandata più volte. In tanti la danno per certa entro il 2019, altri esperti dicevano invece non prima del 2021.

Invece, una data c’è: esattamente il 10 maggio 2019 ha fatto il suo debutto a Wall Street. Il prezzo dell’IPO, compreso tra i 44 e i 50 dollari per ciascuna delle azioni Uber, è stato già rivisto al ribasso rispetto alla stima iniziale di 48-50 dollari.

Anche nella più ottimistica delle previsioni, Uber non riuscirebbe a raggiungere i 100 miliardi di capitalizzazione. Si fermerebbe a circa $90 miliardi diluiti.

L’obiettivo di Uber è quello di racimolare almeno 9 miliardi di dollari tramite l’offerta di 180 milioni di azioni.

La IPO di Uber è stata anticipata da quella del suo principale concorrente: Lyft. Che ha fatto irruzione a Wall Street il 29 marzo e ha formalizzato la quotazione a 70-72 dollari per azione. Il che ha portato la valutazione complessiva a circa 25 miliardi di dollari.

I numeri di Lyft sono importanti. Il fatturato del 2018 si attesta sui 2,16 miliardi di dollari, praticamente il doppio di quanto registrato l’anno precedente. Con un aumento del 528% rispetto ai 343 milioni di dollari del 2016.

Ancora, la società ha pure conosciuto un’espansione del “gross booking” (che in gergo vuol dire il valore totale al cliente finale di tutte le corse prenotate), che ha raggiunto gli 8,05 miliardi di dollari. Quindi siamo di fronte ad un incremento del 76% sul 2017 e del 323% sul 2016.

Azioni Uber, conviene comprare?

Conviene comprare azioni Uber? Partiamo proprio da quanto accaduto a Lyft. Occorre dire infatti che la società ha fatto il suo ingresso a Wall Street con rialzi a doppia cifra percentuale. Di lì a poco, però, il crollo, che ha riportato il prezzo delle azioni ben sotto il prezzo di IPO. E ciò ha creato non poco scetticismo nei confronti di Uber.

Tuttavia, gli analisti di Wedbush (società che offre servizi finanziari privati e società di investimento con sede a Los Angeles) si mostrano ottimisti e ritengono che Uber stia tracciando una strada simile a quella di Amazon e Facebook. Piattaforme che come noto hanno rivoluzionato rispettivamente l’e-commerce e i Social network.

Quindi, in virtù di cosa dicono gli esperti, e alla luce dei numeri suddetti, sicuramente l’investimento su Uber è molto interessante. Vale sempre però la pena raccomandare di utilizzare le azioni Uber per diversificare il proprio portafoglio.

Del resto, oggi Uber paga un peccato originale. In molti Paesi è considerato illegale o vive in una situazione molto in bilico. Come nel nostro. Il problema per l’azienda potrebbe sorgere nel caso in cui nelle città/nazioni dove il servizio Uber é già attivo, si torni indietro con degli specifici divieti come é già accaduto in diverse città del mondo.

In Italia, è presente solo a Roma e Milano. E con estrizioni anche sul tipo di auto. Infatti, al servizio sono ammesse solo auto Ncc, ovvero noleggi con conducente e, dunque, i passeggeri possono scegliere fra un servizio premium (UberBlack e UberLux) e uno più turistico (UberTour).

In quel caso, il prezzo delle azioni Uber potrebbe risentirne molto pesantemente.

Come comprare azioni Uber

Come comprare azioni Uber? Per i trader italiani, dato che la IPO verrà lanciata a Wall Street, occorrerà comprare le azioni avvalendosi di un intermediario finanziario.

Il modo migliore per fare trading su azioni Uber sono i CFD. Contratti finanziari mediante i quali è possibile scommettere sia sul rialzo che sul ribasso del titolo. E permettono di sfruttare la Leva finanziaria.

La quale è comunque un’arma a doppio taglio, in quanto, come moltiplica i profitti, moltiplica anche le perdite.

I CFD su azioni Uber è possibile trovarli su Broker con regolare licenza da parte del CySEC e della Consob. Quelli che vi suggeriamo sono:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY